Libero come un uccello

Sono passati quasi 3 anni da quando ho scritto la storia della mia vita da adottante intitolata “Il mio olocausto personale“. Da quel momento sono successe tante cose. Rileggendo le parole che ho scritto in quel momento della mia vita ricordo il dolore che ho provato mentre descrivevo la mia esperienza di adozione, per la prima volta nella mia vita. Guardo dove sono oggi e vedo che sono avvenuti grandi cambiamenti e che Dio è stato con me tutto il tempo. È solo in questi mesi che ho capito e accettato di non essere mai stato 'solo' in questa vita. Sono stata abbandonata in un orfanotrofio da mia madre – questo è vero – ma Dio è sempre stato con me. Questo è importante per me poiché ho scoperto che la mia relazione con Dio influisce direttamente su come mi sento riguardo a me stessa. Ora vorrei raccontare la storia del mio viaggio da vittima e vittimismo al sopravvissuto e poi all'integrazione e all'accettazione.

All'epoca in cui scrissi la storia originale, mi ero unito ad Alcolisti Anonimi e stavo lavorando al programma in 12 fasi con uno sponsor. Ho scritto la storia dopo aver completato il quarto passaggio: l'inventario morale. Ho deciso di farlo concentrandomi sulla mia esperienza di adozione.

In uno dei primi meeting di AA a cui ho partecipato quando ho lasciato la detox ho conosciuto un uomo che aveva 17 anni di sobrietà e che avrebbe cambiato profondamente la mia vita. Era diverso dagli altri alcolisti in via di guarigione. Aveva pace e serenità interiori. Ha parlato molto del suo amore per Dio – non ha parlato di case, automobili, soldi – vive una vita di fede. Le cose di questo mondo non significano nulla per lui. Tutto ciò che apprezza è contenuto nella sua relazione con il suo Creatore. Ora posso dire, dopo averlo conosciuto per 3 anni, di non aver mai incontrato un suo pari spirituale. Non tra uomini o donne di chiesa o in qualsiasi altro luogo. Qualcosa dentro di me mi ha detto che dovevo chiedergli di essere il mio sponsor e lui ha acconsentito. Da allora mi ha insegnato molte cose, alcune che all'epoca non ero in grado di capire. Non è un uomo istruito con lauree ecc. Eppure è la persona più saggia che abbia mai conosciuto. Il motivo per cui menziono così tanto di lui è che non sarei quello che sono oggi se non lo avessi incontrato. È diventato la mia ispirazione, la mia guida e alla fine un amico. C'è un detto: quando l'allievo è pronto, appare l'insegnante.

Oggi continuo la mia appartenenza ad AA e partecipo a 4 o 5 incontri a settimana. Mia figlia mi ha chiesto di recente quando avrei potuto regalare AA – ho risposto che quando morirò mi sarei laureata e non dovrò più frequentare. Mi è sempre piaciuto il drammatico!

A parte il mio sponsor, le cose più significative che accadono includono la mia lettura "The Primal Wound" di Nancy Verrier. Ho letto un bel po' di libri sull'adozione, ma questo libro è eccezionale. Quando l'ho letto ho voltato ogni pagina e mentre leggevo mi sono detto: "Sono io", "Sono io" ecc. Mi sono identificato così tanto con esso. Racconta la mia storia e spiega molto sull'esperienza dell'adozione. So che ha toccato molti adottati. Attualmente sto leggendo il libro successivo di Nancy intitolato “Coming home to self”. È un degno seguito del libro originale. Sfida l'adottato ad abbandonare l'atteggiamento di vittima e a passare a cose più grandi e migliori – ciò che i cristiani chiamerebbero diventare un sopravvalutato.

Nella storia originale ho scritto che “Non ho mai veramente amato nessuno in vita mia, ora lo capisco. Penso che nel mio stato attuale di essere incapace di amare e di fidarmi”. Durante il mio secondo anno di sobrietà qualcuno ha menzionato il libro, La strada meno percorsa” in una riunione di AA. Ne ho ottenuto una copia e ho letto che l'autore credeva che il vero amore stesse lavorando per la crescita spirituale di un'altra persona e l'impegno per questo obiettivo. Ho deciso che questa sarebbe stata la mia definizione di amore e ha trasformato il mio atteggiamento nei confronti dell'amore. Ricordo che la mia seconda moglie mi parlava spesso dell'amore per l'impegno, ma all'epoca non riuscivo proprio a capirlo. L'ho sentita dire le parole ma non sono riuscito a capirla. Ora pratico l'amore nella mia vita. Mi sono impegnata a rimanere nella vita di mia figlia in modo costruttivo – cerco di contattarla regolarmente e di vederla il più spesso possibile (beh, almeno tutte le volte che una quindicenne impegnata ha tempo per suo padre!!!)

Un paio di anni fa ho viaggiato in India con un gruppo di persone della mia comunità di chiesa. Mentre ero lì si sono verificati numerosi eventi profondi. Ho assistito alla liberazione di una donna da uno spirito demoniaco: l'ho visto svolgersi davanti ai miei occhi. Ho anche assistito a un motociclista investito da un taxi: il suo corpo alla fine si è fermato a 3 piedi dal mio piede sinistro e poi ha avuto convulsioni ed è morto.

La cosa più commovente accaduta in India è avvenuta quando sono andato in un orfanotrofio. C'erano circa 30 orfani di età compresa tra 1 anno e 15 anni. All'inizio il nostro gruppo di persone scattava foto con loro, regalava loro dei lecca lecca e cantava loro delle canzoni. Stavano sorridendo tutti ma potevo vedere la tristezza nei loro occhi. La stessa tristezza che è stata nei miei occhi per tutta la vita. Dopo un po' fui sopraffatto dall'emozione e piansi e piansi.

La guarigione della mia vergogna per la mia etnia iniziò in India. Ogni volta che arrivavamo in una nuova posizione, tutti i bambini indiani correvano verso l'autobus e volevano stringerci la mano. Quando ho allungato la mano per stringere loro la mano, ho potuto vedere che ero di colore molto più chiaro di loro. Mi sentivo piuttosto pallido in confronto. A volte mi sentivo come se non fossi più marrone per niente. Una sensazione molto strana perché mi sono sempre sentito come se fossi scuro (che sono paragonabile agli anglosassoni bianchi).

Un giorno mentre viaggiavamo in autobus fummo fatti fermare dalla polizia e un convoglio contenente l'uomo più ricco del mondo allora (Bill Gates) lasciò HiTech City a Hyderabad e proseguì l'autostrada passando davanti agli indiani che vivevano sulla striscia mediana e in tende fatte di mattoni rotti e spazzatura sul ciglio della strada. Che contrasto era. L'incontro con gli indiani mi ha fatto sentire immorale e corrotto rispetto alle vite semplici e non materialiste che conducono. Non accetto più la premessa che i paesi occidentali siano le nazioni leader. Nazioni leader di depravazione e avidità? Come afferma Nancy Verrier nel suo libro, negli Stati Uniti ci sono più nevrosi che in qualsiasi altro paese del mondo. Sono sicuro che l'Australia non è molto indietro come un altro paese cosiddetto avanzato.

Ad un certo punto mi sono fidanzata con una vecchia ragazza. Dopo essere stati fidanzati per un mese o due, mi sono reso conto che stavo facendo un errore e che non avrebbe funzionato. L'ho annullato e anche se mi sono pentito di averla ferita sapevo di aver preso la decisione giusta per le giuste ragioni (la prima volta per me!). Sono aperto all'idea di una futura relazione con una donna, le mie aspettative sono cambiate molto. Affinché una relazione funzioni, dovrebbe essere qualcuno che fosse spiritualmente consapevole e in grado di affrontare i comportamenti occasionali degli adottati (es. scioperi preventivi, vivere in un mondo immaginario, assumersi il peggio, ecc.). Non lo dico per giustificare o perdonare il mio comportamento sbagliato. Ma riconosco che, anche se ho un'idea molto migliore di cosa sia l'amore e di come amare, mi manca l'esperienza pratica. Mi piacerebbe davvero crescere spiritualmente con una donna. Avrei bisogno di sentire che a volte potrei "fallire" e non essere rifiutato. Immagino che possa suonare sulla difensiva, ma quello che voglio dire è che ho bisogno di qualcuno che capisca i problemi e possa aiutarmi a sfidare il mio comportamento. Guardo indietro alle mie numerose relazioni precedenti e vedo il comportamento di recitazione distruttiva da parte mia. Non accetto più di dover agire in questo modo. Non mi permetterò più di agire in modo irresponsabile.

Una volta che ero sulla strada della sobrietà, ho iniziato a inseguire la sobrietà emotiva e ho guardato alla mia vita e volevo affrontare tutti i problemi: volevo essere integro. Ero molto entusiasta di questo perché ho visto che era possibile che potessi stare bene e che la vita poteva essere meravigliosa e appagante. All'inizio sono andato da uno psicoterapeuta e 2 psicologi. Volevo esplorare i miei problemi di adozione e i problemi di abuso sessuale. Lascia che ti raccomandi di non vedere così tanti praticanti contemporaneamente – è molto confuso! Ho contattato il Post Adoption Resource Center di Bondi (a Sydney) e sono andato lì per incontrare un consulente. Incontrare quel consigliere è stato un evento estremamente deludente in quel momento. Ripensandoci, penso che fosse preoccupata per il mio entusiasmo di stare bene e abbia cercato di smorzarmi un po'! Tramite lei mi è stato dato il numero di contatto di una donna che sarebbe diventata una cara amica. Questa donna aveva fondato l'organizzazione ICASN (Inter Country Adoption Support Network) e aveva organizzato un incontro di adottati in un ristorante nel prossimo futuro. Mi sono presentato al ristorante e il viaggio di guarigione dal deserto dell'adozione e della solitudine è iniziato sul serio. Mentre ascoltavo la sua storia, parlavo e osservavo gli altri adottati ho potuto vedere che non ero più solo. Avevo 39 anni e non avevo mai parlato di adozione con un gruppo di adottati. Improvvisamente sono stato circondato da adottati che erano interessati alla mia storia! Attraverso questa donna ho potuto iniziare un viaggio di guarigione che ritenevo impossibile. Mi piaceva e volevo quello che aveva così tanto (la crescita emotiva e spirituale e il recupero dall'esperienza di adozione) che ho deciso che per essere sua amica avrei dovuto dimenticare che era una donna per poterla ascoltare e capire senza il filtro della politica sessuale maschile femminile che normalmente dominava i miei contatti con le donne. Con mia grande sorpresa, ha funzionato davvero. Ogni volta che entravo in contatto con lei coltivavo nella mia testa il rispetto per lei e mi concentravo su chi era piuttosto che su ciò che era. Credo che il modo in cui l'ho trattata sia per me un prototipo per relazioni migliori con le donne. Riconosco di avere problemi legati alla relazione e alla fiducia nella donna dalla mia adozione. Tuttavia ora so che posso imparare un altro modo di relazionarmi con loro.

Quando sono stato per la prima volta sobrio e per molti mesi nella sobrietà precoce sono rimasto perplesso di essere ancora coinvolto in varie discussioni con altro personale al mio lavoro. Ho sempre lottato per cercare di avere sempre ragione e vincere ogni discussione. È stata un'ossessione per tutta la vita di giustificare la mia esistenza. Sentivo che perdere una discussione o essere migliorato da un'altra persona equivaleva all'estinzione. Mi sono anche comportato in 2 modi: essere eccessivamente gentile (le persone simpatiche) o eccessivamente aggressivo e difensivo. Non c'era una via di mezzo. Non c'era normalità nei miei rapporti con le altre persone. Tuttavia, nel tempo ho iniziato a cambiare e un amico di AA ha osservato che non ero più arrabbiato come lo ero stato quando sono entrato per la prima volta nel programma al mio terzo compleanno di sobrietà (festeggiamo l'anniversario della sobrietà in AA con un ' compleanno'). Mi sono reso conto che i miei atteggiamenti non sono più così rigidi. Non mi ritrovo più a dover avere ragione. Posso lasciare che altre persone abbiano opinioni diverse dalle mie (infatti mi chiedo spesso se hanno ragione se hanno opinioni contrarie). Infatti ho anche cominciato a usare l'espressione “non lo so”. Una volta esprimevo disprezzo se qualcuno menzionava qualcosa con cui non ero d'accordo o di cui non ero a conoscenza, ad esempio se qualcuno diceva di essere coinvolto nell'aromaterapia (questo è solo un esempio, non ho nulla contro l'aromaterapia!) lo respingevo immediatamente come un idiota. Ero un esperto confesso di tutto prima di rendermi conto che in realtà mi sbagliavo sulla maggior parte delle cose.

Lungo il viaggio di recupero in AA ho intrapreso il nono passo che è quello di fare ammenda diretta a tali persone (Persone che abbiamo danneggiato) ove possibile, a meno che ciò non danneggerebbe loro o altri. So che Dio era dalla mia parte e mi ha aiutato a completare i passaggi perché ho incontrato entrambe le mie ex mogli nei supermercati mentre facevo questo passaggio. Con una di loro non parlavo da più di 16 anni ed era lì davanti a me al supermercato. L'altra non la vedevo da un paio di anni e l'ho incontrata anche in un supermercato, uno in cui non ero mai stato prima.

Allora cosa voglio dalla vita ora che l'ho scoperto (si fa per dire). Voglio essere in pace nel mio cuore. Accettare e amare me stesso per essere capace di amare gli altri. Questo per ripagare l'amore che ho ricevuto da Dio. Voglio "trasmetterlo" come direbbe Bill W (fondatore di AA).

Essere un adottato transrazziale ha reso l'esperienza di adozione complessa (tutte le adozioni sono complesse!). Ho passato gli anni dall'età di 8 anni, quando ho sperimentato per la prima volta il razzismo in una scuola australiana, fino all'ultimo anno provando vergogna di essere mezzo pachistano. Tuttavia, in un recente viaggio nel Regno Unito, sono andato a una riunione di AA nelle Midlands ed ero seduto alla riunione quando sono entrati 2 indiani\pakistani. È successa la cosa più incredibile: mi sentivo come se non fossi più l'unico! Mentre camminavo in alcune parti di Birmingham e Wolverhampton, ho camminato in aree in cui predominavano indiani e pakistani. Mi sentivo come se non fossi più l'"uomo strano". Mi sentivo come se fossi solo uno dei tanti. È successa un'altra cosa molto interessante: ho iniziato a vedere quanto sono belle le donne pakistane indiane. Non avevo mai avuto una relazione con una donna dalla pelle scura. Non li avevo mai considerati attraenti. Improvvisamente ero in lussuria!! Questi sentimenti continuano ancora oggi. Il mio sguardo cattura sempre le donne dall'aspetto indiano pakistano. Ho anche preso provvedimenti per frequentare attivamente donne di aspetto indiano pakistano. Mi sono impegnato a mangiare cibo indiano\pakistano quando ne ho la possibilità. Indosso il mio pigiama Korta quando mangio in questi ristoranti.

Immagino che sembrerà un enigma, ma ho anche provato vergogna di essere 1/2 scozzese. Lo sento particolarmente quando mi viene chiesto di spiegare le mie origini. Direi che sono nato in Scozia e guardo lo sguardo incredulo apparire sul volto della persona con cui stavo parlando. Uno dei miei zii naturali mi ha aiutato a sentirmi orgoglioso dei miei antenati scozzesi. Ho fatto un tour degli altopiani, inclusa la casa del mio clan scozzese sull'isola di Skye. Ho scoperto che i miei antenati, di parte scozzese, erano di stirpe vichinga. Mia figlia era abbastanza felice di essere una vichinga come me! Questo spiega e giustifica il mio comportamento aberrante? (ovviamente no).

Ho intrapreso varie azioni lungo la strada per favorire la mia guarigione. Questi includono abbracciare le mie origini indossando un braccialetto che ha il mio nome di nascita pakistano, il nome del mio clan scozzese, il nome che le infermiere usavano nell'orfanotrofio per me e il mio nome adottivo. Ho recentemente completato un servizio fotografico di me stesso vestito in modi diversi. I diversi stili di abbigliamento rappresentano le varie sfaccettature del composito Ron. Mi sono fatto fotografare vestito con un pigiama indiano korta pakistano; Trews scozzesi; vestiti casual, vestiti di pelle e anche uno di me senza maglietta. Questi rappresentano le mie origini razziali, la mia australianità, la mia natura espressiva, esplorativa e il mio stato naturale. Queste 5 immagini saranno incorniciate in una cornice e includerò le parole integrazione\accettazione in basso. Segna l'accettazione di chi sono. Non sono solo un aspetto di me stesso, ma un'integrazione di tutte queste cose. Sono in pace con Ron. Sto valutando come integrare il mio nome originale L S.

C'è una parte di me che sta dando voce al vero Ron – quello che Nancy Verrier chiama il sé autentico.

Ho sperimentato facendo cose che mi piacciono, tra cui farmi crescere i capelli lunghi, fare esercizio, vestirmi con abiti radicali come pantaloni di pelle e giacca, ecc. Mi sono persino dipinto le unghie di nero e sono andato a una festa di compleanno (ragazzo ero imbarazzato quella notte! ma Ero contento di me stesso di averlo fatto). Ho pensato di usare l'eyeliner. È interessante notare che ho appena scoperto che gli uomini di alcune parti dell'Afghanistan e del Pakistan indossano l'eyeliner (è genetica?!). Devo provare un bel po' di cose per trovare quello che voglio davvero fare per me stesso. So che alcuni dei miei amici probabilmente stanno pensando che sono in una specie di viaggio di crisi di mezza età, ma piuttosto sto abbracciando la realtà piuttosto che scappare da essa (a parte il fatto che ora mi tingo i capelli!!) . Altri pensano che io sia diventato gay per il modo in cui mi vesto. L'omofobia sopravvive! La verità è che sono molto più orgoglioso di come mi vesto e mi vesto per compiacere me stesso. Prima di smettere di bere non potevo nemmeno sopportare di guardarmi allo specchio.

I miei tentativi di portare alla luce e potenziare il vero Ron non si limitano a guardare l'ombelico: sto cercando di aiutare gli altri. Sono entrato a far parte di un comitato che assiste gli adottati e i genitori adottivi, partecipo al lavoro di servizio e al lavoro del 12° passo per AA (visitare e parlare con coloro che ancora soffrono di alcolismo attivo) e colgo anche l'occasione per condividere la mia storia di adozione all'interno di AA. Certo, ci sono molti adottati in AA e ho sempre condiviso molto francamente quando ne ho avuto la possibilità. In una recente conferenza dell'AA 3 adottati mi hanno contattato riguardo alla mia storia dopo che l'avevo condivisa. Uno degli adottati aveva piantato la tenda accanto a me – su 130 campeggiatori non era una coincidenza – Dio lavora così. Noi adottati portiamo per lo più in forma anonima l'enorme peso della "ferita primordiale" senza alcun sollievo e se posso aiutare in qualche modo lo faccio. Il programma AA è stato determinante nell'aiutarmi a essere meno ossessionato da me stesso. Che situazione ironica: ho dovuto essere più onesto con me stesso e pensare molto a chi sono ea chi voglio essere, ma ho dovuto rifiutare l'ossessione per me stesso. Un amico di AA dice che la vera umiltà non è pensare meno a te stesso, ma pensare meno a te stesso.

AA incoraggia l'onestà rigorosa. Abbraccio l'onestà rigorosa, ma una cosa che so e accetto in questi giorni è che noi umani stiamo tutti diventando ciechi in una certa misura. Tutti noi abbiamo aree nella nostra vita che sono sacche di oscurità – aree di autoillusione\negazione – l'ombra di cui parlava Yung. C'è molto lavoro da fare nella mia vita.

Allora come mi sento e come penso alla religione? La religione è il mio grande nemico! Vedo ora che c'è uno spirito religioso – uno spirito di giudizio critico che corrompe coloro che possiede. Certamente mi ha posseduto e continua a tentare di farmi sentire in colpa e condannato. Ho quindi scelto di credere in un Dio amorevole e non più nel dio ombra che ho creato per tutta la mia vita. Questo dio aveva regole alle quali non potevo essere all'altezza. Questo dio mi ha amato quando ero buono e mi ha rifiutato quando non ero buono. Ovviamente stavo proiettando i miei fallimenti e giudizi su una tela bianca che ho etichettato come dio. Quando ho capito questo, il mio viaggio attraverso la vita è diventato un posto molto più bello dove stare. Il Dio in cui credo è il Dio che vedo nella storia della donna colta in adulterio nei Vangeli. Un Dio di perdono e di misericordia. Questa è stata la prima storia a cui ho pensato mentre consideravo questo punto: ovvi collegamenti con la mia vita. Accetto di essere fallibile. Non sono tutto buono né tutto cattivo. Sono un essere composito. Dio è al corrente di questo mio piccolo segreto. In qualche modo sembra che Egli abbia sempre saputo che non ero perfetto e tuttavia mi ama ancora.

L'anno scorso sono tornato in Scozia e in Inghilterra per cercare il mio vero padre, per stare con mia madre naturale e per incontrare per la prima volta alcuni dei miei parenti materni. Quando sono arrivata a casa di mia madre abbiamo iniziato un processo di conoscenza reciproca. Non posso dire che sia stato facile: a volte è stato teso e si è confrontato per discutere di problemi. La mia madre naturale è della vecchia scuola e per molti aspetti la stavo sopraffacendo con il mio entusiasmo e la mia guarigione. Stavo cercando di accompagnarla lungo il mio percorso di guarigione. L'ho provato con mia madre adottiva e ho fallito in entrambi i casi. Ho lasciato andare cercando di forzare la mia guarigione sugli altri. In un'occasione, con mia madre adottiva, ho passato 45 minuti al cellulare cercando di convincerla che avevo la pelle scura e che non volevo che mi chiamasse mai più "speciale". Alla fine della telefonata mi ha detto che per lei ero speciale e che somigliavo ai suoi due figli naturali (pelle chiara, occhi azzurri). Ho quasi lanciato il telefono contro un muro. Mi sono reso conto che questo è il suo modo di amarmi. Lei sta negando e va bene. La mia madre biologica ed io abbiamo passato 6 giorni insieme senza una pausa molto e poi il 7° giorno si è voltata e mi ha accusato di vari "crimini" tra cui lasciare i capelli nella vasca da bagno, non mettere via il piatto abbastanza velocemente dopo un pasto, essere un razzista e varie altre cose. Il soggiorno con lei si è interrotto bruscamente! In quel momento ho sentito una sensazione di dolore molto intensa – il pensiero che stavo vivendo un secondo rifiuto mi è balenato nella mente – le lacrime mi stavano sgorgando negli occhi. Ho detto una preghiera a Dio chiedendo il suo aiuto e sapevo che era lì con me (non sono mai stato solo ricordo). Ho intuito la situazione e ho capito che era meglio "affrontarla dolcemente", quindi non ho detto nulla per difendermi. L'ho lasciata sfogare e poi sono uscita di casa in silenzio. Sono andato a casa di suo fratello, mio zio. Mentre rifletto sull'esperienza, vedo che mi ha avvertito quando sono arrivato per la prima volta che aveva alcuni problemi. Mi ha detto che aveva una malattia con le pulizie. Avevo ! non ho idea di cosa volesse dire. Ora guardo indietro e ricordo che tirava fuori la lavatrice e ci puliva dietro 3 volte a settimana, che si alzava ore prima di me e puliva la casa da cima a fondo ogni giorno – che stirava i miei calzini e le mie mutande tutti i giorni….

Parla di uno studente lento – all'epoca non capivo proprio. Anche mia madre ha scelto di chiamare suo fratello e dirgli dei miei crimini. Ha insistito perché venissi in Scozia per stare con lui. Mia madre si recò in Australia poche settimane dopo il mio ritorno per stare con una sua amica. Inizialmente aveva intenzione di stare anche con me. Ha visitato il mio lavoro e mi ha lasciato un biglietto che dice in parte "Sì, siamo arrivati qui, questa è la tua maglietta economica, ne avrai bisogno più di me. Mi sei costato 97 per il tuo braccialetto 70 per gli stivali. Anche 112 per la mia riparazione auto 49 assicurazione più il tuo viaggio ai Rangers. Qualche trucco che hai tirato fuori non si avvicina mai più a noi in vita tua. Anche tu rimani su RM perché il tuo nome non è LS”. Da quando mi ha lasciato questa lettera, mi ha inviato un'e-mail 3 volte. Le e-mail erano ragionevolmente innocue. Allora cosa ne faccio di tutto questo? Vedo, nel suo comportamento, il dolore della sua stessa risposta alla ferita originaria. Vedo anche il comportamento reattivo di qualcuno che è cresciuto in una casa di alcolisti violenti ed è stato un alcolizzato praticante per la maggior parte della sua vita. Io e lei siamo così simili. Ho usato gli stessi istinti per difendermi in un mondo alieno. Scelgo di continuare la relazione: risponderò alle e-mail se ne invia altre. Accetto che non sia in grado di cambiare. Ho visto che voleva farlo quando siamo andati entrambi a un servizio post adozione nel Regno Unito per iniziare la ricerca di mio padre e il consulente le ha detto che avrebbe potuto avere un consiglio se lo desiderava. È diventata molto emotiva e ha detto che nessuno le aveva mai dato la possibilità di parlare degli eventi del passato. Era stupita. Ha detto al consulente che avrebbe sicuramente colto l'opportunità. Spero che lo faccia. È la mia madre naturale, non c'è altro che possa sostituirla. Ha avuto una vita molto dura e forse è stata soprattutto l'abbandono che ha causato la maggior parte del dolore. Chissà? Non parla con il mio fratellastro, il suo figlio maggiore, da 14 anni. Non è stata in contatto con sua figlia o altro figlio per molto tempo! g tempo. La sua incapacità di connettersi con successo con loro o con me va oltre le sue attuali capacità. Non era colpa mia. Non era un difetto con me. Una volta ho camminato nell'oscurità e non lo sapevo. Lei è lì – in quello stesso posto – come posso giudicarla per questo? Lei semplicemente non lo sa.

Mio zio è stato molto gentile con me e mi ha spiegato che mia madre aveva avuto problemi per tutta la vita. C'è una grande quantità di rabbia irrisolta dentro di lei. La stessa rabbia che mi tormentava – (per lo stesso motivo?). Sono stato in grado di entrare in contatto con questo zio a un livello molto profondo. Avevamo molto in comune. In effetti, a volte era inquietante: le nostre opinioni politiche erano simili, condividevamo l'amore per Israele, avevamo fatto viaggi simili nella vita. Eravamo entrambi convinti che fosse stata solo la grazia di Dio a portarci attraverso la vita. Era come un meraviglioso tonico per me. Mi sono identificato fortemente con lui.

Il mio rapporto con mia madre adottiva è migliorato dal mio ritorno da quel viaggio. Non ho più bisogno di trascinarla con me durante la mia guarigione: posso vivere e lasciar vivere. Non direi che siamo ancora i migliori amici – ho in programma di provare la cosa dell'amore su di lei (cioè l'impegno a rimanere in contatto più spesso).

Una cosa che combatto oggi è la mia natura di dipendenza. Sono sempre alla ricerca del benessere. Questi possono essere cereali per la colazione, esercizio fisico eccessivo, donne, televisione ecc. Ho imparato così tante tecniche per evitare di sedermi con me stesso! Sono consapevole che la mia natura di dipendenza si manifesta nella mia vita. Cerco di fare tutte le cose con moderazione. Finché il benessere non è pericoloso (alcol, droghe, ecc.) posso seguire il flusso e conviverci.

Un evento significativo che mi ha cambiato si è verificato dopo un incontro di AA. C'era un ragazzo all'incontro che ammiravo e avevo in testa l'idea che non gli piacevo. Mi sono seduto con quella sensazione per almeno 12 mesi. Un giorno, in una riunione di AA, mi sono detto che forse quel pensiero, che non gli piacevo, era sbagliato. Dopo l'incontro gli ho detto "Può sembrare strano ma ho la sensazione che non ti piaccio e mi chiedevo perché?" Questo è stato un evento tremendamente importante perché ho sfidato il mio sistema di credenze e, naturalmente, ho scoperto che questo ragazzo pensava che stavo bene e da quel giorno siamo diventati buoni amici. Avevo dimostrato che le mie percezioni potevano essere sbagliate. Sono così felice di aver avuto abbastanza coraggio per farlo perché significa che posso farlo tutto il tempo su ogni sentimento e pensiero che provo, se lo scelgo.

Quindi ora sono perfetto, giusto? Lontano da esso. Sono molto più felice di quando ho scritto la puntata originale. Ho messo un poster di Che Guevara a casa mia – per non suggerire che ora sono diventato un bastardo comunista – (sono solo un bastardo! –scusa i comunisti – sono in grado di rispettare le convinzioni altrui in questi giorni). Sono un rivoluzionario. Sto abbracciando il cambiamento: rifiuto le bugie del passato. Non ho paura di sbagliarmi. Non ho paura di dire che non lo so. Non ho più paura della mia stessa ombra.

C'è la possibilità che io possa abbandonare la crescita spirituale e poi tornare indietro. C'è la possibilità che io possa ricorrere all'alcolismo attivo. Per grazia di Dio questo non accadrà mai. A proposito, un paio di giorni fa ho ricevuto una lettera dal West Midland Post Adoption Service. A quanto pare hanno trovato mio padre... Ma poi questa è una storia da includere nella prossima puntata. Avanti verso la vita! Abbraccio tutto ciò che ha da offrire.

Una risposta a "Free as a Bird"

lascia un commento cancella risposta

Italiano
%%piè di pagina%%