Trovare mia madre naturale

Email di Catherine Turner al ritorno per la seconda volta in Vietnam

08/03/2003 – Indovina un po'?!

HO TROVATO LA MIA MADRE VIETNAMITA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Si è vero. Ho trovato la donna che mi ha dato alla luce 28 anni fa.

È come un sogno, non sembra reale. In poche ore ho scoperto che mio padre era un ufficiale di alto rango dell'esercito sudvietnamita e ho incontrato i miei due fratellastri! Ho ereditato una famiglia istantanea!

OK, torniamo al punto in cui tutto è iniziato.

Ieri (venerdì) sono andato con il mio traduttore, Doan (pronunciato Dong) in una stazione di polizia a Govap a Ho Chi Minh City. Per quelli di voi che forse non lo sanno, l'ultima volta che sono venuto in Vietnam, ho trovato una donna che pensavo fosse mia madre ma per qualche ragione non potevo ammetterlo. Quando sono tornato questa volta, siamo andati a Govap perché abbiamo sentito che si era trasferita lì. Il poliziotto ha inserito il nome e la data di nascita di mia madre in un computer, ma non ha restituito risultati.

Ha poi detto che aveva un amico in un luogo che contiene documenti nazionali e che lo avrebbe chiamato. Non pensavo che qualcosa stesse davvero andando da nessuna parte (eravamo lì da circa 20 minuti, e ovviamente era tutto detto in vietnamita, quindi non potevo seguire quello che veniva detto) fino a quando Doan improvvisamente mi afferrò il braccio e disse " Hanno trovato qualcuno". Su 8 milioni di persone a Ho Chi Minh City, avevano trovato una donna con lo stesso nome e data di nascita. Il poliziotto ha quindi ottenuto il suo indirizzo e tramite quello ha trovato il suo numero di telefono, proprio come faremmo con l'assistenza telefonica in Australia. La prossima cosa, la stava chiamando. È successo tutto in pochi minuti, era difficile da capire.

Poi stava parlando con questa donna, che era (in genere sottostimato traduzione vietnamita) molto sorpreso e molto commosso nel sentire parlare di me. Ha detto che aveva conservato il mio certificato di nascita originale dopo tutti questi anni e che l'avrebbe portato alla stazione di polizia in modo che potessimo confrontare quello che dovevo vedere se erano uguali. Tuttavia, hanno confrontato i numeri di serie del documenti al telefono ed erano gli stessi. Ha detto che sarebbe arrivata in 30 minuti.

La mia vita si è improvvisamente ridotta alla mezz'ora successiva. Tutte le domande che avevo avuto in tutti questi anni stavano per avere una risposta. Potrei vedere se le somigliavo, se suonavo come lei, se avevo parenti in vita. Chi era mio padre? qual era il loro rapporto? Mia madre e mio padre (di seguito chiamati mamma e papà Oz per evitare confusione!) erano nervosi quanto me, credo, ma ha cercato di tenermi calmo. Ho tenuto gli occhi incollati alla porta da cui sarebbe entrata... e poi, all'improvviso, eccola lì. Mi ha visto e subito è scoppiata a piangere. Ho fatto lo stesso. La prima cosa che ha fatto, per assicurarsi che fossi io, è stata controllare se avevo due corone in testa, cosa che faccio. Quindi erano solo lacrime e abbracci e sorrisi e scuotere la testa incredulo da lì. Era davvero mia madre.

Oz mamma e papà e io siamo tornati a casa di mia madre con il suo attuale marito per parlare ancora un po'. Questa è la storia di mio padre fino ad ora: era un maggiore dell'esercito del sud del Vietnam (cioè non dei Viet Cong) e ha incontrato mia madre quando aveva 50 anni e lei 20. Era già sposato con un'altra donna, e aveva una relazione con mia madre, piuttosto lunga e complicata, credo. Lei rimase incinta di me e la moglie di mio padre pretese che mia madre mi consegnasse a lei. Sembra che i soldati siano stati mandati a casa di mia madre per farle pressione affinché mi arrendesse. Nessuno avrebbe mai potuto sapere che mia madre era incinta. Tuttavia, mia madre è una vera donna drago vietnamita e ha combattuto il fuoco con il fuoco e lei e mia nonna hanno rifiutato. Ho avuto il colera al tempo e anche mia madre era molto malata, così decise che doveva rinunciare a me. Era anche un modo per risolvere i problemi dei soldati. Mi ha portato da alcune sorelle (suore) che mi hanno portato alla visione del mondo... il resto è storia.  Dice che mi ha sognato per molti anni e nei suoi sogni ero vivo.  È tornata a cercarmi un paio di volte alla casa dei bambini a Ho Chi Minh, ma ha chiuso. Pensava che fossi morto o fossi stato adottato da una famiglia vietnamita.

Ho incontrato i miei due fratellastri, uno più grande e uno più giovane, che hanno ciascuno padri diversi, e nemmeno il mio stesso padre. Ho conosciuto anche mia nonna, zia, cugina della mamma, nipoti, cognate, cugine di secondo grado…etc etc etc!! La famiglia è una parte importante della società vietnamita. Ieri sera abbiamo cenato tutti a casa di mio fratello (wow, finalmente riesco a dire quella frase... mio fratello!) sul posto di lavoro, in un hotel a Ho Chi Minh. Sono venuti anche mia mamma e mio papà Oz, e Marnie, la mia più cara amica. È stato stupefacente. Nessuno poteva crederci.

Nick vola all'HCMC mercoledì... ha già molto da fare!!

La prima domanda che la maggior parte dei miei parenti fa è "Sei sposato?" (Età, stato civile e reddito non sono considerate domande scortesi) Ho detto che mi sposerò presto. È più facile in questo modo piuttosto che cercare di spiegare il fidanzato, de facto ecc. La mia famiglia vietnamita pensa che dovrei rompere con la mia famiglia – ho quasi 30 anni, per l'amor del cielo!  Quindi... ho davvero messo dentro Nick adesso!!

Non parlo vietnamita e i miei parenti non parlano inglese, quindi sto imparando la lingua è una priorità assoluta. È un momento molto felice, ma anche emozionante. Il mio arrivo ha ovviamente riacceso molti ricordi per mia madre, non tutti piacevoli. Ma ora passeremo ogni giorno insieme fino a quando non lasceremo HCMC.

Dopo aver pensato a mia madre per così tanto tempo e senza aver avuto fortuna l'ultima volta, io mi ero rassegnato a non trovare mai i miei antenati. Adesso ce l'ho, e molto di più. È davvero il finale da favola.

Sarò su questo indirizzo hotmail per le prossime due settimane, lasciamo il Vietnam il 25 marzo.

Con tanto amore e felicità da un vietnamita-australiano molto orgoglioso e gioioso,

Cath xxxx

====================================

09/03/2003 – Altre risposte

Salve di nuovo... vi scrivo in uno stato leggermente più calmo di prima, anche se lo stupore dell'intera situazione non è da meno.

Ieri io e mia madre abbiamo parlato per quattro ore tramite un interprete e io so ancora di più su di lei e sulla sua vita straziante prima e dopo la mia nascita. Il nome di mio padre era Bui Quang Luc (look Boy Kwang vagamente pronunciato). Si scopre che ha detto a mia madre che era divorziato quando si sono incontrati, ma in realtà era ancora sposato. Mia madre e mio padre hanno avuto una relazione per un anno. Lei lo descrive come molto gentile e gentile. Sono nato in un militare ospedale tuttora esistente. Sono stato il primo bambino nato lì e l'allora presidente vietnamita e la first lady erano a disposizione per una grande cerimonia di apertura. Mi è stata regalata una collana come primo bambino. La moglie di mio padre ha scoperto la relazione dei miei genitori quando avevo 10 giorni e ha chiesto il mio madre consegnami a lei. I soldati sono stati mandati a casa sua, minacciando di versa dell'acido su mia madre e mia nonna se non le obbedivano. Ma lei rifiutò (che Dio la ami!). Sebbene fosse malata e povera quando mi ha dato alla luce, il motivo principale per cui mi ha abbandonato è stato per allontanarmi dai soldati e dalla moglie di mio padre. Mia madre dice che se pensava che avrei avuto una migliore vita con mio padre e sua moglie, lei mi darebbe a loro. Ma dice che l'ha guardata negli occhi e ha visto solo odio, e ha pensato che la moglie di mio padre mi avrebbe ucciso. Così mi ha portato da alcune suore di Ho Chi Minh City, dicendo loro che se qualcuno veniva a cercarmi, di non rivelare alcuna informazione. Mia madre non ha mai detto a mio padre cosa ha fatto con me, poi ha cambiato indirizzo ed è scomparsa in città.  Mio padre è stato messo nel campo di rieducazione dopo la guerra (cioè, prigione) dal VC e successivamente è morto per una malattia che ha preso durante la prigionia, nel 1979.

Ho scoperto cose molto interessanti su alcune mie caratteristiche e tratti. Fisicamente mia madre dice che ho gli occhi di mio padre, ma gli zigomi, la bocca, il mento e la forma del viso. Dice da mio padre, ho ereditato la sua intelligenza (era responsabile del coordinamento delle truppe a terra, ma dal quartier generale, non sul campo di battaglia), ed era anche musicista (suonava il mandolino, era un bravo cantante e ballerino) e molto atletico e in forma (giocava a basket). Dice che ho la sua forte volontà (alcuni direbbero testarda!), senso dell'umorismo, miopia e dice "siamo più come gli uomini, non le donne". Mia madre dice che non piangeva da più di 30 anni, ma ora non riesce a smettere. Dice che potrei essere cresciuto in un paese straniero ma ho un cuore vietnamita. Sono esattamente della stessa altezza come lei (ora ha 50 anni) e nessuno di noi rischia di guadagnare più millimetri! Sebbene mi senta sfidato verticalmente in Australia, in realtà sono piuttosto alto tra gli altri vietnamiti!

Mia madre dice che è felice che io sia una giornalista, perché significa che capisco le situazioni degli altri e imparo a prendermi cura delle persone, il che mi ha quindi reso più facile capire le sue. A un certo punto, con le lacrime agli occhi, mi ha chiesto se potevo perdonarla… come spiegarle che non sono io a perdonare, che mi ha dato una vita migliore, che in guerra le persone fare cose disperate?

Mia madre conservava l'originale del mio certificato di nascita in una scatola piena di importanti documenti di famiglia, ed è così che l'ha trovata così velocemente quando il poliziotto le ha telefonato. È incredibile pensare che l'abbia tenuta per tutto questo tempo e vederlo davvero per davvero (ne ho una fotocopia).

Stasera (domenica) vado a casa sua, dove cucinerà la cena per me e la nostra famiglia. Sta iniziando a rilassarsi molto di più, sorride di tanto in tanto e posso vedere parti della sua personalità che vengono fuori. Non riesco nemmeno a immaginare cosa stia passando. Ho avuto anni per prepararmi per questo momento, ed è ancora un'esperienza estremamente emotiva. Il suo mondo è cambiato in una breve telefonata, e ha avuto solo due giorni per venire a patti con tutto. Ma nonostante lo sconvolgimento, mi sento così a casa con lei e la mia nuova famiglia. È difficile abituarsi ad avere fratelli ma lo adoro! Mio fratello maggiore è piuttosto timido e non parla assolutamente inglese, mentre mio fratello minore è molto estroverso e sfacciato e parla un inglese abbastanza stentato. Mi ha promesso di portarmi a fare un giro di Ho Chi Minh sul retro del suo motorino e insiste che usciamo a ballare, anche se dice che adesso dovrà fare da guardia giurata! Che meraviglia... amore e protezione fraterni!!

Mia madre mi ha detto che è quasi morta di nuovo due volte dalla guerra: una volta di polmonite e un'altra volta è quasi annegata. Quando la guardo e vedo la sua sfida e determinazione, il suo coraggio e la sua passione, non mi sorprende affatto che stia ancora respirando.

Tutto il mio amore per tutti voi,

Cat xxx

==========================

10/03/2003 – Il divertimento ha inizio

Xin cao! Per quelli di voi che non sono iniziati in vietnamita (presumibilmente, la maggior parte di voi!), significa "Ciao!

Sono passati solo due giorni da quando ho trovato mia madre ma, incredibilmente, ora mi sento come se ci conoscessimo da anni. Immagino che in qualche modo sia vero, connesso come madre e figlia nello spirito. La cena di ieri sera a casa sua è stata semplicemente meravigliosa. Questa volta ero solo io con un interprete e siamo arrivati a casa sua per trovare una grande festa vietnamita. Prima di masticare, avevo ancora più parenti da incontrare: mia zia più anziana, che si è seduta al tavolo con me con la mano sulla mia gamba per tutto il tempo, spesso con le lacrime agli occhi. Ovviamente, ricordava molto di quello che era successo quando mia madre era incinta e subito dopo la sua nascita. Ho anche incontrato circa 20 vicini e

Non sto esagerando. Ogni volta che un'altra donna entrava dalla porta, pensavo "Ciao, che relazione è questa ora?" Ma è tutto solo passaparola e pettegolezzi, tutti vogliono vedere la figlia australiana vietnamita del loro vicino. (E pensavi che il vecchio dall'altra parte della strada che fa capolino da dietro una tenda fosse cattivo!)

La cosa incredibile di ieri sera è che mi sono sentito completamente a casa, tipo Ero lì da anni. La barriera linguistica c'è, ovviamente, ma ci sono così tanti tratti universali e cose che fanno ridere le persone. Ho passato gran parte della scorsa notte a imparare parole semplici in vietnamita: come rivolgersi a tutti i miei parenti (ad esempio non chiedi a qualcuno più grande di te come si chiama, ti rivolgi a loro con una parola comune "anziano".) I miei nipoti mi hanno insegnato come contare fino a 10 in vietnamita e ho imparato frasi come "Mi chiamo..", "Ciao, sono lieto di conoscerti", "Più acqua, per favore" e simili.

Naturalmente, i miei errori vengono accolti con fragore di risate; i miei successi con sorrisi e cenni di approvazione. Ad un certo punto, volevo dire "sono pieno" ma ho sbagliato l'intonazione delle parole, e invece ho detto "sono grasso", che a quel punto era vero comunque!

Dopo un paio di giorni emotivi, a volte sconvolgenti e pieni di lacrime, mia madre ora è rilassata, piena di risate, sorrisi e un vero carattere. Tutti al tavolo hanno commentato quanto le assomigli quando aveva la mia età. I miei genitori di Oz dicono che è uno studio affascinante della natura contro l'educazione. Per tutto questo tempo, ho pensato di essere un clown estroverso, amichevole e tenace a causa dei miei amici e dell'ambiente circostante in Australia; sembra che gran parte di esso sia genetico.

La mia mamma e il mio papà Oz dicono che sono un po' sollevati e agisce come un disclaimer per loro, perché non avrebbero mai allevato un bambino così turbolento! 

Il cibo qui è favoloso (ne sarai felice, Min!) Mia madre maiale cotto, manzo, riso, pollo, noodles, zuppa di pollo, insalata: tutto funziona! Molto meglio di tutto quello che puoi mangiare da Sizzlers! In Vietnam, non appena hai finito l'ultimo pezzo di carne o noodle nella tua ciotola, appare un'altra porzione, quindi non smetti mai di mangiare davvero e non ti rendi conto fino a dopo ore di mangiare che sei gonfio e a malapena riesci a parlare . Ho lasciato la cena sentendomi così in pace, così a mio agio con tutto. Mentre tornavamo a casa in motorino, con il caos del traffico di Saigon che fluttuava intorno a noi, mi sentivo completamente a casa. Sto diventando dipendente da questa città, dal paese, da queste persone. Tutto in soli 4 giorni.

Questo pomeriggio andremo in quella che era la casa dei bambini di World Vision, dove sono stata accudita poco prima di venire in Australia. Un po' di storia sul posto è che verso la fine della guerra, il VC in qualche modo arrivò alla conclusione che World Vision era dalla parte degli americani (gli Stati Uniti avevano dato alla compagnia dei soldi per sostenere i bambini, il che era visto come un alleato). Il VC ha minacciato di bombardare la casa dei bambini, quindi World Vision ha diviso rapidamente i bambini in due gruppi: quelli che erano così malati da non sopravvivere in Vietnam e quelli che probabilmente sarebbero sopravvissuti. Ce n'erano 32 da far volare dal Vietnam: 16 negli Stati Uniti, 16 in Australia. Sono stati portati tutti all'aeroporto e l'aereo che trasportava i bambini negli Stati Uniti è decollato per primo... ed è esploso poco dopo il decollo. Tutti pensavano che fosse stato sabotato e c'è stato un enorme ritardo quando l'aereo destinato all'Australia è stato controllato. Si è scoperto che il responsabile era un guasto meccanico. L'aereo per l'Australia è finalmente partito e ha preso un altro paio di centinaia di bambini da Bangkok, e ha proseguito per Sydney per l'adozione. la casa della World Vision a Saigon ora è abbandonata, ma mia madre, i genitori di Oz e io ci andremo lo stesso.

Ho solo altri cinque giorni prima di partire da Saigon e andare nel Vietnam centrale, anche se ora sto pensando di cambiare i miei voli in modo da poter passare più tempo con mia madre. Le ho chiesto se le sarebbe piaciuto venire in Australia, ma in questo momento è la principale badante di mia nonna, che ha avuto un attacco di cuore e ha problemi di asma. Ma mia madre dice che una volta che non avrà nessuno di cui occuparsi, le piacerebbe venire a trovarla.

Comincio le lezioni con un tutor vietnamita stasera, farò solo un'ora e mezza al giorno prima di lasciare Saigon. Per imparare veramente la lingua, penso che sia meglio se la sento costantemente intorno a me, in televisione, durante una conversazione. Mia madre dice che è molto più difficile per lei imparare l'inglese perché è più grande e non ha tempo, ma sono determinata a prenderne un po' Parole e frasi australiane nel suo vocabolario!

Per rispondere ad un paio di domande di alcuni di voi: l'ospedale dove sono nato è ancora militare ed è in ottime condizioni. Mia madre non ha la collana che mi è stata regalata alla nascita, ha dovuto venderla per comprare delle medicine per curare mio fratello maggiore anche lui molto malato. Mia madre non ha foto di mio padre perché era più sicuro così, non poteva mai essere identificato o collegato a mia madre. Ho altri due fratellastri da qualche parte nel mondo, da mio padre e sua moglie, ma nessuno sa dove siano, anche se ci sono sospetti che siano in un altro paese, forse negli Stati Uniti. Ehi, forse questa sarà la mia prossima missione! Sento che tutto è possibile!

Ma per ora, voglio assorbire questo tempo, questo momento incredibile della mia vita che non smette mai di suscitare un sorriso o lacrime, spesso contemporaneamente.

Tanto amore e felicità a tutti voi,

Cat xxx

==========================

11/03/2003 – Ricordi

Salve ancora a tutti, da 'Nam!

Giorno 6... ieri mia madre e mio padre Oz, mia madre e suo marito ed io siamo andati alla casa dei bambini di World Vision, come ho detto l'ultima volta. Ha riportato alla mente alcuni ricordi orribili per mia madre. Ci ha detto che lei e mia nonna mi hanno portato a casa nel febbraio 1975 perché aveva sentito che World Vision era gentile e aveva buoni medici e infermieri. Era certa che sarei morta se non avesse ricevuto aiuto. Mia madre dice che molte famiglie vietnamite si sono offerte di comprarmi da lei che non voleva darmi via per sempre. Pensava che se avesse potuto mettermi a casa dei bambini finché non fossi guarito e finché non avesse migliorato la sua situazione finanziaria, sarebbe stata in grado di riprendermi. Tornò a casa il 5 maggio 1975 per fare proprio questo, ma a quel punto il posto era stato evacuato ed era deserto. Quel giorno mia madre è svenuta sul marciapiede. Non riesco a immaginare come si sarebbe sentita in quel momento. Senza dubbio, mentre andava lì, stava pensando, riprenderò mia figlia. Arriva e trova il posto vuoto senza sapere cosa sia successo. ero scomparso.

La casa ora è completamente fatiscente, ma la guardia che vive lì (presumibilmente per tenere lontani gli occupanti abusivi) ci ha fatto entrare. Anche mio padre ha ricordi vividi del luogo, da quando ha visitato la casa nel novembre 1974 (prima che io ci fossi). L'infermiera australiana che si è presa cura di me lì (Joan Potter) ora vive a Sydney e ci ha dato alcune fotografie del luogo dal tempo della guerra. È stato un po' inquietante guardarsi intorno e rendersi conto di quanta attività c'era lì, e che eravamo all'interno di una piccola parte della storia della guerra del Vietnam.

Solo qualche informazione in più sui miei altri due fratellastri. Ora avrebbero 40 e 42 anni. Mia madre li ha visti una volta ma non sa i loro nomi. Il padre di mio fratello ha sostenuto molto mia madre dopo la mia nascita, ma lei non sa cosa gli sia successo. Ha detto che metterà un annuncio sul giornale locale per vedere se è ancora a Ho Chi Minh City.

Ieri sera è stata la mia prima lezione di vietnamita, e non è facile! L'ultima volta ho menzionato di rivolgermi alle persone anziane con un termine... no, non è giusto! Ci sono parole diverse per uomo più anziano, donna più anziana, nonno, nonna, uomo più giovane, donna più giovane, uomo della stessa età, donna della stessa età... e così via. Non solo è difficile da ricordare, è facile offendere qualcuno, perché devi indovinare la sua età! I suoni sono diversi da quelli che usiamo in inglese, ma fortunatamente la lingua è basata sull'alfabeto romano, quindi siamo a metà strada. La mia tutor è una splendida ragazza vietnamita che insegna inglese da 10 anni e si è laureata in Australia - conoscere l'economia, il paesaggio ecc.

Ho deciso di restare a Ho Chi Minh ancora qualche giorno con Nick, mentre i miei genitori volano a Danang. Mi darà più tempo con la mia nuova famiglia, e gli darà qualche giorno in più per godersi il posto. I miei genitori hanno un altro figlio adottivo nel Vietnam centrale che vorrei incontrare anch'io.

Alcuni di voi hanno chiesto informazioni su riprese video e foto... il giornalista che è in me può fare un passo indietro e vedere che sono nel bel mezzo di una storia piuttosto sorprendente e unica. E così, ho già girato più di 1 ora di riprese e 4 rullini. Ho passato la videocamera a mio padre Oz per catturare il momento in cui mia madre è entrata da quella porta, e mi viene ancora la pelle d'oca – ed ero lì!

Stanotte vado a casa del poliziotto vietnamita che mi ha aiutato a trovare mia madre per fargli un (ehm) regalo, per ringraziarlo del suo aiuto. Una bottiglia di whisky e A$40 faranno bene il lavoro. I miei traduttori vietnamiti sono molto imbarazzati che abbia chiesto una sorta di regalo, ma nello schema delle cose, è un piccolo prezzo da pagare per la gioia che mi ha portato. Chissà quanto devono pagare le persone in Australia per vedere o acquistare determinati documenti? Quest'uomo ha tagliato la burocrazia che avrei sicuramente incontrato da solo, e ha chiamato un amico. Se vuole qualcosa in cambio, per me va bene. La mia unica preoccupazione è che possa infastidire mia madre in futuro per più soldi, ma ho la sensazione che gli direbbe esattamente dove andare!

Voglio dire un enorme grazie a ognuno di voi che è stato in contatto, per aver inviato così tanto amore e sostegno. Questa incredibile esperienza, insieme alla mia spaventosa malattia all'inizio di quest'anno, mi ha insegnato quanti amici e famiglia fantastici ho. In qualche modo ognuno di voi mi ha reso quello che sono oggi. I miei genitori di Oz hanno detto a mia madre che la mia vita avrebbe potuto essere molto diversa se non avessi avuto amici e una famiglia così meravigliosi che mi hanno accettato, mi sono stati accanto e hanno avuto un ruolo nella mia vita. Sono completamente d'accordo. Quando i miei genitori di Oz stavano valutando per la prima volta se adottare un bambino vietnamita, erano un po' preoccupati di come sarebbe stato per loro, dato che non c'erano troppi asiatici in Australia e un po' di razzismo. Alla fine, decisero che sarebbe stato meglio averlo, piuttosto che essere morti. Sebbene abbia incontrato alcuni pregiudizi e bigottismo, nati dall'ignoranza, attraverso varie fasi della mia vita, le amicizie e le relazioni solide e genuine che ho avuto li rendono irrilevanti. Quindi grazie.

Ciao, per ora, dalla magia del Vietnam, che fino a quando mi ha nascosto tanti segreti ma che ora contiene la chiave della mia identità.

cat xxx

===========================

14/03/2003 – Un'ultima sorpresa

Un grande caloroso g'day a tutti,

Mia madre non smette mai di stupire!! Ieri sera c'è stata la cena da mamma per me, mamma e papà Oz e Nick (più tardi gli gira la testa!). Ho pensato che sarebbe stata solo una bella occasione intima, una versione vietnamita di un "arrosto di agnello da mamma". Immaginate la mia sorpresa quando abbiamo girato l'angolo del vicolo e abbiamo visto tre grandi tavoli fuori, tutti allestiti come un ristorante – ciotole, bacchette, bicchieri con i tovaglioli piegati all'interno – e circa 50 vietnamiti con sorrisi smaglianti che ci aspettavano?!?? ! È stato davvero incredibile. Mia madre si è incamminata lungo il vicolo come la superba padrona di casa che è per darci il benvenuto. Sono stato immediatamente afferrato e portato a ogni tavolo e presentato a tutti. Mia madre aveva invitato alla cena il preside, 2 vice-principi, il presidente del sindacato e tutti gli altri membri dello staff! C'era un altro tavolo di ospiti assortiti (non li ricordo tutti!)

Poi mia madre mi ha portato a casa sua, dove aveva scritto sulla lavagna “Cam Tu (il nome che mi ha dato alla nascita) Catherine 7-3-2003 (la data in cui ci siamo trovati). C'era un mazzo di rose più due enormi torte. Su entrambe le torte, una in vietnamita e una in inglese, c'era scritto “Una riunione di famiglia. Huynh thi Nga (nome della mamma) e Cam Tu. Congratulazioni!" La seconda torta era a due livelli, un cuore sopra uno più piccolo. Mia madre dice che il cuore grande è suo, il mio è quello più piccolo…sono sempre stata nel suo cuore. Maledizione, è abbastanza per farti singhiozzare istericamente!

Tutti amano Nick! È alto circa il doppio di chiunque altro ieri sera, c'erano molti colli allungati, i bulbi oculari che rotolavano indietro nella testa solo per vederlo. Doveva badare a se stesso quando camminava per la casa, in modo da non entrare in cima alle porte o nel ventilatore sul soffitto! Era molto per lui affrontare un'altra coppia di suoceri (dai, uno di solito è abbastanza brutto!) ma ha appena tirato fuori i pugni e sembrava divertirsi davvero. Sono così felice che lui e la mia mamma e papà Oz possano essere qui per l'importante occasione. Non avrei mai potuto descrivere adeguatamente come sono mia madre e la mia famiglia, o la magia e la generosità della mia famiglia vietnamita.

Mia madre ha chiesto a me e Nick di andare a casa sua per l'ultima volta questo pomeriggio per un piccolo "cuore a cuore". Il mio consiglio è che faremo tutto il discorso "Sposati, fai accadere quei bambini". Dovrebbe essere interessante vedere come Nick gestisce la pressione!

Tutto sommato, è stata una serata fenomenale, c'era un'atmosfera così festosa, con così tante persone, buon cibo, ottima birra e tanta allegria. Un punto culminante preciso. Alla fine della serata, ho distribuito una serie di ninnoli e souvenir ai miei parenti stretti (l'acquisto per l'intera famiglia mi manderebbe in rovina). Le ragazze lo adoreranno... mia madre è COMPLETAMENTE appassionata di moda, vestiti, scarpe, trucco - i lavori! Sono i geni che parlano, piccola! Ora ho qualcuno da incolpare per la mia attuale quasi bancarotta! Le ho comprato un viso e una manicure piuttosto lussuosi, cosa che i vietnamiti medi non fanno davvero.

Quindi domani voleremo a Danang nel Vietnam centrale. Ho promesso di provare a tornare per le celebrazioni del Tet, che sono tra la fine di gennaio e l'inizio di febbraio. È strano partire in realtà, voglio davvero poter andare da mia madre in qualsiasi momento, per un vero agnello arrosto. Sarà dura, ma ovviamente scriverò, invierò foto, tutto. È l'inizio di un nuovo capitolo meraviglioso e gioioso della mia vita. Sto seriamente pensando di vivere qui per un breve periodo. I giornalisti possono lavorare solo ad Hanoi, sotto l'occhio vigile del governo nazionale. Infatti, nella mia ingenuità, ho messo "giornalista" sulla mia carta di arrivo per occupazione, che ha immediatamente attirato l'attenzione dell'ufficiale dell'immigrazione. Quindi, probabilmente farei qualcosa come insegnare l'inglese o anche fare il cameriere... qualunque cosa! Nick ha anche detto che sarebbe felice di essere qui. Quindi…vedremo cosa riserva il futuro.

Così tante domande che mi frullavano in testa da anni hanno trovato risposta. È stato un viaggio davvero straordinario con così tante emozioni, alti e bassi così estremi, sia questo viaggio che l'ultimo. Ma succede tutto per un motivo, credo che fosse destinato a essere. Tante volte durante questo viaggio, un piccolo cambiamento o un evento diverso avrebbe potuto far deragliare l'intera ricerca.

Sono il più felice che sia mai stato in vita mia. Mi sento come se ora fossi completo. Mi sento così incredibilmente fortunato e benedetto, e completamente in pace con me stesso e la mia doppia identità.

Tutto il mio amore per tutti voi,

Cat xxx

==============================

17/03/2003 – Saluti dal Vietnam centrale

Hi-dy Ho a tutti, da Hoi An nel Vietnam centrale,

Dopo una settimana così grande a Saigon, la pace e la tranquillità del Vietnam centrale sono un bel cambiamento di ritmo. Mi ha dato il tempo di provare a digerire tutto quello che mi è successo e più ci penso, più mi sembra incredibile. Non mi sarei mai aspettato di trovare mia madre e anche se l'avessi fatto, ero pronta ad accettare che potesse non voler avere niente a che fare con me.

Non conoscevo le circostanze del concepimento o perché mi avesse abbandonato, quindi ho pensato che avrebbe preferito non riconoscermi. Che ho ricevuto l'accoglienza più incredibile dalla donna più incredibile è semplicemente fenomenale. Anche come giornalista, il cui strumento del mestiere è la lingua inglese, mi trovo a lottare per trovare le parole che trasmettano adeguatamente i miei sentimenti riguardo a questa scoperta. Forse dovrei semplicemente smettere di provare e abbracciare il linguaggio del mio cuore.

È stato divertente guardare i vietnamiti che cercano di capire esattamente cosa sta succedendo a me, mamma, papà e Nick. La prima domanda è "da dove vieni?", la risposta ovviamente è "Australia". 

"Ma sembri vietnamita".

"Lo sono, ho una famiglia a Saigon."

"Allora chi è?"

"Mio padre e mia madre australiani".

"Oh. Pensavo fossero i genitori del tuo ragazzo. Come puoi averne quattro? genitori?"

Bella domanda... solo fortunato, immagino.

Mamma, papà, Nick ed io siamo appena stati in giro per Da Nang e Hoi An, che sono città portuali e furono centri strategici cruciali durante la guerra. 

Ieri siamo saliti in cima alle montagne di marmo e abbiamo visto queste incredibili grotte e pergodas sul lato delle montagne – davvero straordinarie.

Domani andiamo a trovare mamma e papà, il figlio adottivo di World Vision vicino a Da Nang, poi vai a Hue, che secondo quanto riferito produce le donne più belle del Vietnam. Potrei dover bendare Nick, perché non gestisco molto bene il rifiuto.

Torniamo in Australia mercoledì mattina, 26 marzo. Sto programmando di rimanere a Sydney per un paio di giorni, poi andare a Newy Friday Arvo, e poi tornare a casa sabato un po' di tempo. Ovviamente, mi piacerebbe raggiungere il maggior numero di voi possibile e farò del mio meglio! Mi metterò in contatto il prima possibile con il maggior numero possibile!

Tanto amore a tutti,

Cath xxxx

Una risposta a "Finding my Birth Mother"

  1. OH !! Che storia fantastica, come hai detto sarebbe potuta essere molto diversa, ma avere una pausa del genere è davvero meraviglioso. Mi sono imbattuto nella tua storia quando sono stato adottato da bambino nel 1960, e sapevo di avere un fratello maggiore là fuori, è nato un anno prima di me…..comunque ho ricevuto una lettera giovedì chiedendo se ero il nome detto nato nel 1960 e che qualcuno mi stava cercando. Si scopre che mio fratello stava cercando la nostra madre biologica, non l'ha trovata, ma ha trovato me. (brillante) abbiamo parlato ieri per la prima volta nella nostra vita, entrambi abbiamo avuto un'infanzia fantastica e volevo solo farglielo sapere. Apparentemente si è trasferita in Australia molte lune fa, e sembra che non sia interessata o alle nostre vite, un po' deludente ma ehi! Dirò la sua perdita, ma non sappiamo se ha avuto una bella vita, o ha un'altra famiglia che non sa di noi……. Ho amato la tua storia, devi essere così comprensibilmente molto 😁 Felice. Tanti auguri Anita X

lascia un commento cancella risposta

Pubblicazione....
Italiano
%%piè di pagina%%