Abuso nelle famiglie adottive

umana

Sono nato nel sud-est asiatico durante la guerra e adottato da una famiglia caucasica in Australia quando ero bambino. Non so nulla della mia famiglia d'origine poiché non ho documenti ufficiali del mio paese di nascita.

Sono cresciuto nelle zone rurali dell'Australia con un certo numero di altri fratelli nati dai miei genitori adottivi. Sono stata spesso l'unica persona etnica nella mia comunità fino a quando non mi sono trasferita nella grande città dopo aver completato il liceo, dove ho incontrato per la prima volta altri adottati all'estero. Ricordo di essere cresciuto e di sentirmi diverso dalla mia famiglia e dalla mia comunità e nessuno parlava della mia adozione se non per dirmi quanto fossi "fortunato". Odiavo sentirlo tutto il tempo mentre crescevo sentendomi piuttosto solo nonostante fossi cresciuto in una famiglia numerosa e rumorosa.

Ricordo di aver sognato una volta che mia madre naturale mi lasciava e mi sono svegliato piangendo, ma non ho mai detto alla mia famiglia adottiva dei miei sentimenti di perdita o solitudine. I miei genitori adottivi parlavano raramente della mia famiglia d'origine, tranne per dire che era stato detto loro che mia madre era probabilmente una prostituta e mio padre probabilmente era stato un soldato durante la guerra. Sono cresciuto provando un senso di vergogna per mia madre e solo quando sono diventato più grande e ho incontrato la madre naturale di un altro adottato che mi sono reso conto che la probabilità che mia madre fosse una prostituta era probabilmente molto lontana dalla verità. Mi chiedevo perché la mia famiglia adottiva mi avrebbe detto cose del genere e segretamente ho pensato che forse li avrebbe fatti sentire meglio nell'adottare me. In qualche modo forse sentivano di avermi salvato da una vita vergognosa?

Mentre attraversavo la mia tarda adolescenza e i primi vent'anni, mi sono reso conto che provavo più vergogna per le cose che mi erano successe da quando ero stato adottato che per i miei primi inizi. Ciò che ha contribuito maggiormente al mio senso di vergogna mentre crescevo come adolescente adottato è stato l'abuso sessuale che ho subito per mano della mia famiglia adottiva immediata ed estesa. Mi è sembrato di avere un doppio problema di problemi da affrontare durante la mia adolescenza e nei miei vent'anni.

L'abuso è iniziato già all'età di 8 anni e l'ultima volta che si è verificato ero un giovane adolescente. Durante i primi anni di abuso ricordo di aver detto a mio fratello ea mia sorella (che erano anche loro molto piccoli) cosa mi stava facendo mio cugino maggiore, ma pensavano che me lo fossi inventato e risero. Non ho mai parlato con nessun altro e l'abuso è continuato un certo numero di volte e una volta ha incluso un altro cugino più grande. Mi sentivo sporca e mi vergognavo, ma avevo troppa paura di parlare. Guardando indietro, penso che sia stato il mio senso di vulnerabilità e solitudine a causa dell'adozione che mi ha fatto tacere su ciò che stava accadendo. Sentivo che dovevo combattere da solo per tutta la vita.

Durante la mia prima adolescenza, sono stata abusata da un altro cugino dall'altra parte della famiglia e da mio fratello adottivo. Ancora una volta, non ho mai parlato perché mi vergognavo troppo. Quando l'abuso è avvenuto per mano di mio padre adottivo, non ho osato dirlo a nessuno perché non pensavo che la gente mi avrebbe creduto. Il suo abuso è stato di gran lunga il più dannoso per il mio senso di sé e ha aggiunto alla mia adozione l'incapacità di fidarmi degli altri. Mi sentivo brutta e orribile con me stessa e il suo costante bullismo e il fatto che mi isolava dagli altri fratelli mi faceva sentire come se non appartenessi. Una volta mi disse che dovevo alla famiglia come mezzo per farmi lavorare quando non volevo. Ricordo di averlo allontanato fisicamente da me l'ultima volta che è successo. Deve essersi sentito improvvisamente male e in seguito ha chiesto di pregare con me per chiedere il perdono di Dio. Essendo cresciuto in una famiglia cristiana, mi era stato insegnato che dovresti perdonare e dimenticare. Quindi da quel giorno in poi, non sono stato più toccato e ho spinto tutti i ricordi in fondo alla mia mente.

Fu solo anni dopo, quando ricordai tutte le cose che erano accadute per mano di questi uomini, che mi resi conto di sentirmi molto arrabbiato dentro. Mi sentivo male con me stesso e credevo che in qualche modo qualcosa in me doveva aver dato loro un messaggio che potevo essere toccato e ferito e che andava bene. ero così confuso! Se Dio aveva perdonato, non avrei dovuto dimenticare anch'io? Nel mio pensiero, Dio è un uomo, quindi questo significava che non potevo mai fidarmi di lui e che nemmeno a lui importava dei miei bisogni? Mi sentivo più solo ora perché non potevo fidarmi di Dio e non potevo fidarmi della mia “famiglia”. Credevo che essere l'unico adottato mi rendesse abbastanza diverso da pensare di poter fare questo tipo di cose senza pensare che fosse sbagliato. Avevo sentito spesso mio padre adottivo dire che il sangue era più denso dell'acqua.

Avevo 18 anni quando sono scoppiata a piangere, piangendo istericamente perché il film che stavo guardando con il mio ragazzo mi aveva improvvisamente fatto ricordare che quelle cose brutte erano successe anche a me. Era come se tutta la mia vita si fosse improvvisamente aperta in un grande pozzo nero e la mia anima si fosse persa da qualche parte nelle sue profondità. Ho pianto per mesi dopo e il mio ragazzo non capiva perché all'improvviso ero così depresso e mi sentivo suicida. Mi sono vergognato così tanto di dirgli quello che mi era successo. Sentivo in qualche modo che doveva essere stata colpa mia, che ero brutta e che in qualche modo avevo meritato il dolore che provavo. Ho lottato nella mia prima relazione sessuale con il mio ragazzo poiché collegavo inconsciamente il sesso alla vergogna e mi sentivo arrabbiata con gli uomini.

Avevo 19 anni quando alla fine ho detto alla mia mamma adottiva cosa mi era successo. Ero stato suicida e lottando senza supporto. Gliel'ho detto perché ero alla disperata ricerca di qualcuno con cui parlare. Le ho anche detto che non poteva dirlo a nessun altro perché mi vergognavo così tanto e avevo paura che mio padre scoprisse che avevo detto il suo "segreto perdonato". La mia mamma adottiva mi credette e in seguito confermò che quello che avevo detto era vero. Solo pochi anni dopo mi sono reso conto di quanto avesse lottato per affrontare il segreto che le avevo detto. Era diventata suicida e probabilmente aveva contemplato l'idea di allontanarsi dal suo matrimonio. Quando è successo ho sentito una doppia dose di colpa. Ho incolpato me stessa per aver esposto l'abuso e aver causato grave dolore e dolore alla mia madre adottiva perché non ha mai cercato aiuto per se stessa per affrontare la situazione.

Qualche anno dopo averlo detto a mia madre adottiva, alla fine ho chiesto a mia sorella adottiva se le era mai successo e lei ha confermato di no. Nella mia mente questo provava che l'abuso era accaduto a me perché non ero biologicamente collegato agli aggressori. Una sorella è stata di grande supporto e ha interrotto gran parte della sua relazione con mio padre adottivo. L'altra sorella non poteva davvero far fronte alle informazioni e apparentemente si schierò con nostro padre e non mi ha mai contattato per alcuni anni. Solo anni dopo siamo stati in grado di riformare un rapporto dato che la situazione era stata troppo difficile da affrontare durante la sua adolescenza.

Su consiglio di uno dei miei ragazzi, durante i miei primi vent'anni ho finalmente cercato un aiuto professionale per affrontare l'abuso sessuale e come stava influenzando la mia vita. La consulenza che ho ricevuto durante l'interruzione dei contatti con la mia famiglia adottiva per alcuni anni alla fine mi ha aiutato a guarire. Sono stato in grado di mettere in prospettiva l'abuso sessuale e ho dovuto sfidare e reimparare i miei pensieri e comportamenti. I modi in cui l'abuso sessuale ha avuto un impatto sulla mia vita sono stati numerosi e solo quando ho affrontato questi problemi ho potuto finalmente vedere che avevo anche problemi di adozione. Quindi, durante i miei ultimi vent'anni ho passato alcuni anni a capire la mia adozione e come aveva avuto un impatto sul mio senso di sé.

Suggerimento: il libro che ho letto sull'adozione e il suo impatto sulla mia vita è stato The Primal Wound di Nancy Verrier. Tutto ciò che ho letto in questo libro è stato come avere un'immagine speculare riflessa su di me. Ho anche trovato che la partecipazione attiva con un gruppo di adottati internazionali è di immenso valore nel trasformare la mia energia negativa di rabbia in qualcosa di più positivo.

Il viaggio di guarigione dall'abuso sessuale non è stato facile. Ho fatto numerosi tentativi di suicidio che mi hanno fatto sentire ancora più pieno di vergogna e solo, ma alla fine sono arrivato a un punto in cui mi sono reso conto che gli aggressori stavano ancora controllando la mia vita se non smettevo di farmi del male.

Suggerimento: il libro a cui ho parlato e che mi ha aiutato a chiarire l'impatto dell'abuso sessuale sulla mia vita è stato Il coraggio di guarire di Ellen Bass e Laura Davis. Ho anche trovato la partecipazione alla terapia con un gruppo di donne che erano state abusate sessualmente e gestite da terapeuti professionisti estremamente utile per la convalida e il supporto.

La mia più grande lezione imparata nel tempo è stata quella di essere gentile con me stessa e di essere gentile con me stessa. Ho anche dovuto imparare a gestire la rabbia in modo appropriato in modo che invece di scagliarmi contro le persone più vicine a me (di solito un fidanzato) o farmi del male, potessi scegliere di trasformare quell'energia di rabbia in qualcosa di più positivo. Ho anche imparato a scegliere con attenzione i miei terapisti poiché non tutti erano appropriati o utili e ognuno aveva uno stile e una personalità diversi. Quando ho trovato un buon terapeuta, ho imparato a fidarmi e ad aprirmi. È interessante notare che ho fatto i maggiori progressi nell'affrontare i problemi di abuso sessuale con un buon terapeuta maschile utilizzando quella che viene descritta come psicoterapia corporea. Questo era molto diverso dalle terapie cognitive per cui la mia mente poteva facilmente ingannarmi nel pensare che stavo bene e che non avevo problemi - al contrario, ho scoperto che il corpo non mente mai. In seguito ho guarito al massimo dai problemi di perdita e abbandono che tutti gli adottati affrontano con una terapista donna utilizzando un mix di psicoterapia corporea e guarigione Reiki.

Suggerimento: vedere il sito web http://www.eabp.org/ per ulteriori informazioni sulla psicoterapia corporea.

Molti anni dopo, sono felicemente sposata con un bellissimo bambino e ho riallacciato i rapporti con la mia famiglia adottiva. Questo è stato possibile solo dopo anni di aiuto professionale e arrivando al punto in cui non avevo bisogno di loro per capirmi o sostenermi. Ho trovato abbastanza sostegno senza di loro e sono diventata forte in me stessa e alla fine li ho accettati così com'erano, anche se non avrebbero mai potuto darmi ciò di cui avevo bisogno. Alla fine, mio padre e mio fratello adottivo hanno riconosciuto il dolore che hanno causato e ho scelto di andare avanti e di non essere una vittima. Ho scelto di rendere la mia vita ciò che voglio che sia e non dettata dalle azioni sconsiderate di altri molti anni fa. È stato un viaggio estremamente impegnativo ma onesto e pieno di verità che ha incluso molte lacrime ed emozioni che vanno da un capo all'altro dello spettro. Alla fine, il viaggio è valsa la pena perché ora sono in grado di avere una relazione sana e positiva con il mio partner, posso scegliere di chi fidarmi, incluso me stesso, e ho molto amore e saggezza da dare a mio figlio.

Il messaggio più importante che spero di dare nel raccontare la mia storia è che l'abuso sessuale non è mai colpa del bambino adottato! Quando l'aggressore è un adulto di cui ti fidi, a volte puoi indurti a pensare che quello che è successo sia stata colpa tua. L'abuso non è mai colpa di un bambino. Se hai sentimenti confusi che forse hai causato l'abuso perché volevi essere amato, ricorda tutti gli adottati e ogni essere umano che vogliono amore. Non c'è niente di sbagliato nel tuo bisogno di amore e calore da qualcun altro, ma c'è qualcosa di sbagliato quando un adulto, che dovrebbe proteggerti e nutrirti, rompe quella fiducia e ti ferisce toccandoti sessualmente.

Se l'aggressore è una persona più grande di te ma non è proprio un adulto, può costringerti a essere sottomesso e a tacere su ciò che ti sta facendo. Devi parlare e dire a un adulto di cui ti fidi quello che sta succedendo. Se l'adulto di cui ti fidi non fa nulla, continua a provare a dirlo a qualcuno finché non sarai creduto e ti sarà dato un aiuto professionale. Le conseguenze dell'abuso sessuale non trattato possono avere un impatto sulla tua vita per sempre.

Se hai subito abusi sessuali come adottato, ricorda che non sei solo! Siamo più di quanti la società desideri riconoscere, poiché troppo spesso la storia dell'adozione può essere descritta come una favola in cui l'adottato è percepito come materialmente “meglio”. Tuttavia, quando si verifica un abuso, nessuna quantità di benessere materiale può compensare il trauma emotivo e spirituale che dobbiamo affrontare per il resto della tua vita. I bambini adottati sono particolarmente vulnerabili e necessitano di protezione e cautela per non essere collocati in famiglie abusive.

lascia un commento cancella risposta

Pubblicazione....
Italiano
%%piè di pagina%%