Rubato e adottato in Belgio

di Mariela, nato in Guatemala e cresciuto in Belgio.

Era tempo di guerra in Guatemala e mia madre era pronta a darmi alla luce. Ero il suo terzo figlio e aveva difficoltà con il travaglio. Ha chiesto a un vicino di portarla in ospedale perché il vicino aveva una macchina. Mio padre era un soldato guatemalteco che combatteva in guerra.

Sono nato nel 1986 all'ospedale della Capitale e dopo essere tornato a casa, il tempo è diventato molto caldo e mi è venuta la febbre. Mia madre è tornata in ospedale per assistenza medica perché non stavo bene. La signora dell'amministrazione ha chiesto se mia madre aveva dei documenti per me. Dopo aver risposto di no, la signora le ha detto di andare a fare una dichiarazione per la mia nascita e poi tornare con me e le carte.

Mia madre fece come le era stato ordinato e il personale medico mi portò via per cure mediche. Mia madre si è addormentata, poi è tornata e ha chiesto di me per potermi allattare. Il personale medico mi ha informato che mi trovavo in un'altra parte dell'ospedale (la sezione neonatale) e che ero stata portata lì in ambulanza. Mia madre non aveva acconsentito e insisteva per andare dove mi trovavo, ma il dottore era contrario.

Mia madre ha chiamato mia zia e ha spiegato cosa era successo. Entrambi hanno provato insieme e sono andati al reparto neonatale dove a quanto pare ero stato mandato. Hanno anche chiesto al dipartimento Missing Child all'interno dell'ospedale. Il personale ha cercato nel computer il nome della nostra famiglia, ma il messaggio che mia madre continuava a ricevere era: "Non sappiamo di tua figlia".

Alcune immagini del mio primo viaggio di ritorno in Guatemala

Mia madre non era povera perché in Guatemala, se partorisci in ospedale, devi essere un po' benestante. All'ospedale, due donne della Capitale sono rimaste con mia madre e lei continuava a chiedere di me. Alla fine le dissero che ero morto e mia madre chiese: "Dove sono i resti del mio bambino? Voglio vederla." Le dissero che non era possibile perché a quanto pare ero stato "sepolto" in una tomba anonima con molte altre persone nello stesso posto. Le donne hanno chiesto a mia madre di firmare un pezzo di carta perché le regole in Guatemala richiedono che quando un bambino muore in ospedale, la famiglia deve firmare il certificato di morte. Mia madre era devastata ed è tornata a casa. Aveva mio fratello e mia sorella maggiori a cui badare.

Questo è ciò che ho appreso su come sono stato rapito e rapito dall'ospedale in Guatemala due giorni dopo la mia nascita. Conosco la mia storia solo perché ho cercato per 8 anni di conoscere la verità. È stata mia figlia nel 2017 a ispirarmi a continuare a provare. Ha fatto molte domande su dove io, e di conseguenza lei, venissi ed era convinta che potremmo essere indiani del Guatemala. A quel tempo sapevo poco e volevo essere in grado di fornire alcune risposte.

Dopo essere stato rapito dall'ospedale, sono stato messo in una casa segreta con molti altri bambini. I bambini erano custoditi e i bambini più grandi legati ai letti con delle corde. Mi sono riconosciuto in una foto che un altro adottato ha condiviso con me dal tempo trascorso in questa casa segreta. Molti di noi sono stati mandati in Belgio e Francia tramite adozione internazionale. Ci sono almeno altri 200 adottati come me da questa rete di trafficanti. Molti di noi cercano in Guatemala le nostre origini, ma le informazioni nella nostra documentazione sono false, il che rende la ricerca quasi impossibile.

Ora sono in pace con come la mia vita è stata così gravemente alterata, ma è stato un viaggio difficile. Ho avuto un sacco di persone meravigliose che mi hanno aiutato a trovare la verità sui miei inizi e si è scoperto che le due donne della Capitale che hanno chiesto a mia madre di firmare il documento, non hanno mai inviato la documentazione. Quindi, tecnicamente, a quanto pare sono ancora in Guatemala e non c'è traccia della mia adozione né della mia spedizione dal Guatemala in Belgio. Questo ha un impatto sulla mia vita perché rende pericoloso per me tornare in patria – è possibile che la polizia possa impedirmi di lasciare il Guatemala per tornare nella mia patria adottiva e potrei essere incarcerato per avere documenti falsi.

Un anno fa, ho trovato mia madre con l'aiuto di un giornalista americano. Incontrerò di persona questo giornalista questo mese e tornerò in Guatemala per la seconda volta. Avrò delle guardie e andrò in TV a fare una storia sulla mia adozione illegale. Nella mia associazione di adottati in Belgio, Racines Perdues, altri 10 adottati come me hanno trovato le loro famiglie, ma siamo 200, il che dimostra quanto sia basso il tasso di successo.

Incontro mia madre per la prima volta

È stata dura quando ho trovato mia madre perché i miei fratelli maggiori e i miei genitori credevano che fossi morto. Mia sorella pensava che la stessi scherzando e inizialmente si rifiutava di parlare con me. È stato solo quando le ho mostrato la mia foto su Facebook che alla fine mi ha creduto perché ci somigliamo molto.

Sono molto felice per mia madre che ora ci siamo ritrovati ma pensava che fossi morto. La nostra storia è molto triste e brutta. Ho 10 fratelli e sorelle in tutto sia in Guatemala che negli Stati Uniti. Mio padre è andato a vivere in America dopo la guerra e ha la sua famiglia lì. Sono così felice di averli trovati tutti. Mio padre sta volando dagli Stati Uniti per incontrarmi in Guatemala perché la verifica della mia identità con i documenti falsi è un problema enorme e avrei problemi a viaggiare in America. Mio padre non aveva mai firmato la mia carta di nascita, quindi il viaggio mi permetterà di averlo elencato sui miei documenti come mio padre. Anche lui è rimasto scioccato nell'apprendere che sono vivo perché mia madre gli aveva detto che ero morto.

La mia famiglia adottiva in Belgio mi ha sempre sostenuto nella ricerca e nel ritorno in Guatemala. Quando ho saputo la verità sul mio rapimento, mio padre adottivo era molto arrabbiato e mia madre adottiva molto molto triste. Una reazione naturale a una situazione terribile.

Entrambi i miei genitori adottivi e biologici si parlano attraverso di me in spagnolo. Non sono ancora pronta per l'incontro con le mie due madri, è passato solo un anno da quando ho trovato la mia famiglia guatemalteca.

Avrei potuto conoscere la verità e trovare la mia famiglia solo con l'aiuto di persone meravigliose nella mia vita! Un enorme ringraziamento alla compagna di adozione Sophie che è diventata la mia migliore amica e tornerà con me questo gennaio. Inoltre, non avremmo potuto farlo senza l'aiuto delle nostre organizzazioni partner in Guatemala. Insieme, ora siamo specializzati in adozioni illegali dal Guatemala per aiutare i nostri compagni adottati. Non dobbiamo perdere la speranza e il mio obiettivo è incoraggiare altri adottati guatemaltechi che vogliono ritrovare le loro famiglie e conoscere le loro origini.

lascia un commento cancella risposta

Pubblicazione....
Italiano
%%piè di pagina%%