La vita australiana vietnamita di Kim

Kim Tuan Catford è un'adozione internazionale dal Vietnam.

Kim è nato durante la guerra del Vietnam e abbandonato da sua madre naturale e messo in un orfanotrofio. È stato accudito, insieme a molti altri orfani, fino a quando non è stato adottato e portato in Australia nel 1973 (prima della ben pubblicizzata "Operazione Babylift").

Kim aveva circa 9 mesi quando è stato adottato dalla sua famiglia australiana. I suoi genitori adottivi avevano già tre figlie, ma sentivano fortemente l'idea di adottarlo. È cresciuto e si è preso cura della famiglia Catford nella piccola città costiera di Victor Harbor, nell'Australia meridionale, fino a quando non si sono trasferiti nei sobborghi nord-orientali di Adelaide.

Kim ricorda la profonda influenza della sua adozione da una cultura all'altra, in particolare durante gli anni della sua infanzia. Era il ragazzo "diverso" a scuola, quello "asiatico". A quei tempi, Kim sentiva che l'Australia era un paese razzista in cui vivere perché i bambini a volte possono essere crudeli. I suoi ricordi iniziali erano spesso di sembrare e sentirsi diversi dal resto della sua famiglia, il che significava che sperimentava prese in giro, fissazioni, sussurri alle sue spalle, battute a sue spese e tutti gli altri tipici abusi razziali che derivano dall'essere stato individuato nel cortile della scuola a causa dell'aspetto fisico diverso da tutti gli altri.

Kim da ragazzo

Per Kim, il risultato è stato che spesso si trovava al centro dei guai, comportandosi in modo ribelle, litigando con altri bambini, mettendo in dubbio la sua identità e risentito di essere vietnamita (diverso) e di essere adottato. La confusione è stata aggravata perché Kim si sentiva australiano come tutti quelli che lo circondavano, eppure era visto e trattato come diverso. Kim alla fine ha imparato a far fronte all'incongruenza tra il suo aspetto e il modo in cui si sentiva e, di conseguenza, ha sviluppato un carattere molto forte e resiliente.

Naturalmente, c'erano anche bei ricordi della sua infanzia, come essere viziato e passare bei momenti con la sua famiglia adottiva. Ha bei ricordi dei tempi che lui e suo padre hanno trascorso insieme. Essendo gli unici due maschi della famiglia, condividevano un legame molto speciale e unico. Fortunatamente, anche le sue sorelle adoravano viziarlo, quindi è cresciuto con molti momenti felici nella sua famiglia adottiva.

Kim ha completato con successo la scuola primaria e secondaria e ha continuato a fare domanda per entrare nel dipartimento di polizia del South Australia. In realtà voleva andare in America ed essere impiegato come stuntman sui set cinematografici, ma pensava che essere un poliziotto potesse essere più realizzabile e quindi, la cosa migliore da fare!

Nell'ottobre 1992, Kim fu accettato nel dipartimento di polizia e iniziò come cadetto. Il 29 settembre 1993, si è laureato all'Accademia di polizia ed è stato assegnato al traffico stradale per i suoi primi 6 mesi. In seguito, Kim è stato poi inviato a Holden Hill Patrols. Nell'agosto 2000, è stato promosso al grado di agente anziano e il 9 agosto 2002 Kim ha completato con successo il corso di formazione per detective. Kim ha raggiunto il grado di sergente investigativo e lavora come investigatore in molti rami della SAPOL. Dopo aver prestato servizio per 18 anni, Kim ha deciso di dimettersi e non lavora più come ufficiale di polizia con la SAPOL. Attualmente sta lavorando nella Barossa Valley per godersi più tempo con la sua famiglia e avere un migliore equilibrio tra lavoro e vita privata.

Kim ha avuto la fortuna di essere tornato in Vietnam più volte. Il suo primo viaggio è stato nel 2002, un altro nel 2005 e nel 2015, e poi di nuovo nel maggio 2017.

Kim ha trovato il suo primo viaggio nel 2002 fantastico. Ha scoperto che il suo paese natale era molto bello. Trovava difficile capire quanto fosse amichevole e generoso il popolo vietnamita, soprattutto considerando la sua storia di difficoltà, povertà e guerra che aveva devastato il paese tanti anni prima. Per Kim, il momento clou della prima visita è stata la localizzazione dell'orfanotrofio Sancta Maria dove aveva trascorso 3 mesi da bambino.

Il suo viaggio di ritorno nel 2005 è stato più che altro una vacanza veloce per ricordargli la cultura e per vedere se poteva localizzare sua madre naturale, o trovare ulteriori informazioni su di lei. Durante questa visita, tornò all'orfanotrofio di Sancta Maria per vedere se conservavano documenti sui suoi inizi. Ha anche parlato con alcuni altri contatti locali in Vietnam, ma sfortunatamente non ha scoperto nuove informazioni. Kim continua a non sapere nulla riguardo a dove si trovi o cosa sia successo alla sua famiglia biologica. Kim sente il bisogno di tornare nel suo paese natale ogni volta che può permettersi tempo e denaro. Lo fa anche per ridare energia alla sua anima, così da poter "sentire l'amore" della sua patria e abbracciare la sua cultura.

Kim e sua sorella adottiva in tournée a Hoi An nel 2015

Negli ultimi tempi, Kim è diventato più determinato a trovare informazioni sulla sua famiglia biologica e, idealmente, a localizzarli un giorno. Diffida di non volere che questa ricerca lo consumi e prenda il sopravvento su tutta la sua vita.

Kim ritiene che la parola migliore per descrivere i suoi sforzi di ricerca finora sia "frustrante". Ha scoperto che la ricerca gli ha fatto provare alcuni dei suoi sentimenti più estremi, che a volte sono stati emotivamente estenuanti.

Kim è molto consapevole che se mai dovesse individuare la sua madre biologica e la sua famiglia, potrebbero sorgere molti problemi associati. Questi includono le barriere linguistiche, l'aspettativa culturale di prendersi cura e sostenere i membri biologici della famiglia, il loro desiderio di venire in Australia, ecc.

Kim è determinato a continuare i suoi sforzi di ricerca. Vuole mantenere un equilibrio e si è impegnato a godersi l'esperienza lungo la strada. Finora, sente di essere riuscito a goderselo, in gran parte grazie alle amicizie di una vita che ha stretto lungo la strada e ai viaggi di ritorno nel suo bellissimo paese di origine.

Kim ama la sua vita e la sua famiglia adottiva. Non passa giorno in cui non pensi a quanto sia fortunato ad aver ricevuto le opportunità che ha qui in Australia. Spesso riflette su come sarebbe stata la vita se non fosse stato adottato. Certo, ha ancora i suoi alti e bassi emotivi come molti adottati.

Kim è sposato da 19 anni con una donna meravigliosa di nome Katy. Hanno un figlio, India, di 10 anni. Hanno anche un figlio adottivo che vive in Vietnam.

Kim con suo figlio adottivo e sua nonna

Kim è orgoglioso della sua eredità vietnamita e ha una visione positiva della sua adozione intercontea. Si considera australiano con un pizzico di vietnamita e gli piace pensare di aver preso le migliori qualità da ciascuno di questi paesi e culture.

 

lascia un commento cancella risposta

Pubblicazione....
Italiano
%%piè di pagina%%