Il ritorno di Jen in Vietnam

Jen visita il suo orfanotrofio, Sancta Maria

A proposito di me

Sono nato in Vietnam a causa della guerra. Sono stato abbandonato all'orfanotrofio e più tardi, all'età di tre anni, sono stato adottato da una famiglia inglese e australiana. I miei sono favolosi! Ce l'hanno fatta. Sono stato un incubo, perché non hanno mai capito il mio comportamento folle e insolito finché non hanno letto Il Colore della differenza. I miei genitori hanno cercato di coinvolgermi con la mia cultura vietnamita ma non ne avrei avuto un bar! Potevo mangiare nei ristoranti asiatici, ma non volevo conoscere la storia del Vietnam o la mia. Mi sentivo un mostro con gli altri asiatici.

Sono cresciuto a Kyabram fino all'età di 13 anni. Era una piccola città vittoriana dove ero l'unica persona asiatica in giro. I bambini erano così crudeli a causa del mio aspetto e non aiutava il fatto che avessi il palatoschisi. Ricordo che quando ero alla scuola elementare ero così solo che stavo in piedi al negozio di alimentari, fingendo di aspettare che i miei amici uscissero dalla coda del pranzo per condividere il loro pranzo con me. Com'è tristemente patetico. Ma ora posso sorridere. Anche la scuola pensava che fossi mentalmente disabile e voleva mettermi in una Scuola Speciale. I miei genitori hanno lottato duramente per migliorare le mie abilità linguistiche, sociali ed educative. Alla fine, ho ripetuto diversi voti e ho avuto un sacco di tutoraggio. (Non riesco ancora a scrivere però. :O))

La mia famiglia è composta da papà inglese, mamma australiana e un fratello e una sorella biondi più giovani, entrambi nati naturalmente da mamma e papà. Sono cresciuto amando mangiare gli Yorkshire Pudding. Non ero vicino a mio fratello e mia sorella crescendo. Penso questo perché erano più vicini di età e avevano più cose in comune. Avevano un anno di differenza e un intervallo di quattro anni con me. Anche mia sorella si è risentita con me. Ho ricevuto molta dell'attenzione dei miei genitori (indesiderata però) perché ero così confusa sulla mia identità, e lei pensava che la mia vita fosse affascinante e "speciale". Ora, lei ancora non capisce la mia vita, ma abbiamo un legame fantastico. Io e mio fratello stiamo bene insieme.

La mia famiglia si è trasferita a Gympie, nel Queensland, quando avevo 13 anni. Adesso Gympie è un inferno! È un luogo arretrato, stagnante e socialmente arretrato. Probabilmente non è il posto migliore per una persona come me. Sono stato l'unico asiatico in circolazione fino alla fine degli anni del liceo. La mia migliore amica era una ragazza filippina sportiva e oltraggiosa. Ero magro e timido. Tutti pensavano che fossimo sorelle! Alla fine abbiamo detto che lo eravamo. Sono uscito da lì non appena ho finito il liceo e mi sono trasferito a Townsville per studiare.

Ho adorato il mio primo anno a Townsville. Vivevo nel campus dell'Università e potevo facilmente inserirmi nei gruppi australiani e nei gruppi d'oltremare. È stato stupefacente! Potrei usare sia il mio lato asiatico che quello australiano per connettermi e aiutare le persone. Inoltre, è stata la prima volta nelle mie lezioni in cui ho sentito parlare di "spostamento" e di migranti che si trasferiscono in Australia. Quell'anno ho guadagnato fiducia, scoperta di me stesso e potevo davvero mimetizzarmi!

Mi sono trasferita a Brisbane dopo la mia laurea in welfare della comunità e ora sono sposata e mamma di 2 meravigliosi ragazzi. È fantastico vedere parti della mia personalità nei miei figli. Posso entrare in empatia con chi sono e come si sentono. Lavoro part-time come operatrice di sostegno per assistere le donne con disabilità. Mio marito è stato la mia roccia. Mi ha supportato tantissimo e capisce molto di quello che provo. Viene anche adottato. Sia i suoi genitori naturali che i suoi genitori adottivi sono australiani. Amo Brisbane perché posso mimetizzarmi e tuttavia distinguermi :O). Sono una persona molto felice. Amo la mia famiglia e sono orgoglioso di chi sono.

Ho letto da qualche parte che "quando ti guardi allo specchio, vedi uno sconosciuto vietnamita che ti guarda, non l'australiano bianco dentro". Sono io!!

Mi interessa solo tornare in Vietnam per capire di più sulla mia cultura. Non ho bisogno di visitare l'orfanotrofio o di trovare i miei genitori naturali.

Proprio di recente ho appreso dai miei genitori che il mio vero padre è molto probabilmente "bianco". Mi sono sentito così ingannato e deluso. La mia vita è stata una lotta, uno spettacolo e focalizzata sulla razza per essere solo per metà vietnamita. Non ne vale la pena. (Spero di non aver offeso nessuno.) Sono d'accordo ora. Non è niente che posso cambiare e non cambia la persona dentro.

Il mio viaggio di ritorno in Vietnam e Reunion all'orfanotrofio Sancta Maria

Mio marito ha organizzato questo viaggio per me. In seguito alla riunione, ho deliberatamente scelto di non pensare al viaggio, poiché sapevo che sarei diventato troppo stressato, preoccupato, nervoso e mi sarei tirato indietro. Sono andato solo a causa della riunione e sapevo che altre persone sarebbero state nella mia stessa situazione. Sapevo che sarei andato bene perché mio marito è già stato in Vietnam e conosce alcune lingue. Mi sentivo sicuro che avrei potuto farcela e volevo solo rimanere il meno possibile. I miei genitori adottivi mi hanno spinto a tornare indietro, ma è stato solo ora che sono stato pronto. Sono stato in Asia prima ed ero mentalmente preparato per come sarebbe stato il Vietnam. I miei mi hanno avvertito che le persone potrebbero essere strane intorno a me, ma sapevo che questa era la mia migliore opportunità per andarci.

Giorno 1

Ero estremamente nervoso all'aeroporto di Singapore quando mi sono imbarcato sull'aereo per il Vietnam. Non sono mai stato nei regali di così tanti vietnamiti. Quando sono arrivata all'aeroporto di Ho Chi Minh, ero più ansiosa di incontrare mio marito ed ero stanca del volo che di preoccuparmi di qualsiasi altra cosa. Ero in apprensione, ma pensavo che sarei stato più incasinato e sconvolto di quanto non fossi in realtà. Non ho alcun ricordo del Vietnam e mi sentivo a disagio a trovarmi lì.

Ho incontrato mio marito fuori dall'aeroporto in un mare di centinaia di vietnamiti. Dovevamo incontrare altre persone lì, ma non si sono mai presentate. Dopo che ho avuto un attacco, abbiamo risolto il problema e ci siamo incontrati con gli altri gruppi di persone relative alla riunione. Ho adorato il taxi e il viaggio in autobus e ho potuto vedere un sacco di città, persone e paesaggi. Come gruppo siamo stati portati a Thanh Loc fuori città in un orfanotrofio maschile. Tutti parlavano inglese e la maggior parte di noi era australiana, quindi mi sentivo bene. Abbiamo trascorso il pomeriggio lì e ho apprezzato l'atmosfera e il paesaggio. L'ultima cosa che ho saputo è che ero all'orfanotrofio. Pensavo che l'orfanotrofio si trovasse fuori città in una piccola capanna in un paddock, invece era nel mezzo di Ho Chi Minh City ed era un edificio alto di 3 o 4 piani. Ho fatto un tour ed ero così in soggezione. Mi sono sempre sentito come un turista che impara cose nuove. Non avevo ancora ricordi del posto. Siamo stati invitati a cenare, ma ero troppo affamato e volevo fare acquisti. Mi pento ora di non essere rimasto a cena. Interagire con la gente del posto è stato estremamente imbarazzante, scomodo, confrontarsi, confuso e difficile!!! Odiavo il fatto di essere una palla così strana! Mi ha fatto sentire come se fossi un mostro. A loro non piaceva o capivo perché sembravo e mi comportavo come un occidentale, non parlavo la lingua, avevo un marito australiano e parlava vietnamita. Ho passato il resto della notte a fare shopping ea guardarmi intorno.

Giorno 2

La riunione è stata fantastica!! L'obiettivo era conoscere altre persone. C'erano 17 adottati e la maggior parte di noi era australiana. Alcuni lì per la prima volta come me. È stato estremamente emozionante, ma non ho pianto. Mi è piaciuto molto ascoltare le storie dei genitori degli adottati, del personale e delle persone dell'orfanotrofio. Tutti hanno avuto la possibilità di raccontare la loro storia e abbiamo passato tutto il tempo a legare e condividere esperienze. In seguito la maggior parte delle persone si è incontrata per cena e drink. È stato fantastico! Abbiamo parlato per alcune ore e poi io e mio marito siamo partiti per esplorare e fare shopping. Avrei davvero voluto restare più a lungo!!

Giorno 3

Abbiamo trascorso ciò che restava del nostro tempo in Vietnam a fare shopping. Avevamo solo 3 ore prima di dover essere all'aeroporto. Ero esausto e desideroso di stare lontano dalla gente del posto. Amo l'ambiente, la cultura, il paesaggio e la dignità e l'aura delle persone. Il traffico era incredibile! Doveva essere visto per crederci. Oh! Era caos organizzato! Mi sono sentito sollevato quando l'aereo è decollato.

Riepilogo

Felice di essere andato. Ho fatto un sacco di foto e mi piacerebbe tornare. Vorrei avere più tempo laggiù, ma sono contento dell'esperienza complessiva. A parte la riunione, mi sono davvero piaciuti i taxi e le corse in autobus perché ho potuto avere un'idea completa e un'immagine del luogo senza essere seccato o sentirmi a disagio.

Jen Fitzpatrick

Foto della riunione feb 2005

lascia un commento cancella risposta

Pubblicazione....
Italiano
%%piè di pagina%%