Dal padre adottivo di Kim

Kim ha chiesto al padre adottivo di scrivere della sua adozione. Questi sono i suoi ricordi.

La storia di Kim di Geoff Catford

Durante l'intera guerra del Vietnam non avevamo praticamente fatto altro che reagire in modo molto conservatore e solidale al "Fino in fondo con la politica LBJ”. Suppongo che ci siamo anche abbonati al "Teoria di Domino” nella convinzione che si dovrebbe fare di tutto per combattere il comunismo nel sud-est asiatico prima che la marea rossa invadesse le nostre coste.

Eravamo soliti sederci con orrore a guardare le proteste contro la guerra di strada guidate dal Prof Medlin della Flinders University e ad alta voce infastiditi dai lunghi capelli e dal disordine che emanavano da quella direzione.

Dopo un po', tuttavia, ci siamo stancati come altri per la situazione che sembrava non funzionare come avevamo previsto. Desideravamo fare qualcosa per essere coinvolti nell'aiutare ad alleviare alcune delle sofferenze che quotidianamente assalivano la nostra sensibilità in TV e altri media.

Per quanto sgradevole fosse, in realtà sentivamo di aver sbagliato in molti modi e nel tentativo di correggere le cose senza compromettere la nostra integrità vendendoci alla sinistra dottrinaria, abbiamo deciso di essere coinvolti in attività che avrebbero aiutato a creare una soluzione pratica , se non politico.

Tutto questo è avvenuto in un momento a Victor Harbor in cui le nostre vite sono state ugualmente sfidate, da un'altra fonte completamente diversa. Era un periodo in cui le chiese locali stavano scoprendo qualcosa in più sulla dinamica dello Spirito di Dio. La nostra forma di cristianesimo era un assenso intellettuale piuttosto freddo alla dottrina, supportato da una lunga lista di attività ecclesiastiche. Quando alcuni dei nostri amici iniziarono a mostrare qualità di carattere, scopo e gioia che attribuivano al rilascio dello Spirito di Dio nelle loro vite, fummo stranamente attratti. Per farla breve, alla fine abbiamo scoperto da soli la realtà di questa esperienza. Invece di diventare un'indulgenza spirituale piuttosto egoistica, abbiamo sentito che Dio ci incoraggiava a condividere la Sua compassione cercando di lavorare con Lui per alleviare un mondo ferito che Egli amava più di noi.

L'arrivo di Kim nella nostra famiglia può essere direttamente attribuito all'opera di un tocco di Dio sulle nostre vite.

Le storie sono apparse in questo momento nel "Settimanale della donna” sul primo piccolo gruppo di bambini vietnamiti che era stato portato in Australia. Sulla legittimità e l'adeguatezza di un'azione del genere è scoppiata una notevole controversia. E possiamo solo dire che i nostri cuori erano stranamente riscaldati dalla difficile situazione di bambini come questi. In effetti, siamo stati individualmente e privatamente gravati di correre il "rischio" di mettere in gioco il nostro comfort e di essere effettivamente coinvolti nell'intera situazione.

Alla fine mia moglie, Jan, ha rivelato di avere una fortissima “impressione” che dovremmo rendere la nostra vita e la nostra casa aperte a uno di questi bambini rifiutati e sofferenti. Con sua sorpresa ho confessato una convinzione simile e così ci siamo lanciati con un piano d'azione. Questo è stato unico per noi perché siamo sempre stati persone con idee che hanno parlato di questioni di giustizia in astratto ma in realtà non hanno mai FATTO nulla di pratico. Smuoverci dalla nostra inerzia intellettuale è stato davvero un miracolo moderno.

Molte cose poi hanno cominciato a trasparire. In primo luogo, abbiamo presentato una domanda al Dipartimento del Welfare del South Australia (SA) per diventare genitori adottivi. Ciò ha comportato interviste e visite a domicilio e alla fine siamo stati approvati per l'adozione, ma siamo stati sfidati dal Dipartimento a prendere in considerazione l'idea di prendere un bambino aborigeno. Abbiamo indicato la nostra disponibilità a considerare questo, ma hanno calcolato un'attesa di almeno due anni prima che ciò avvenisse. Intanto c'erano dei bambini vietnamiti che morivano e in quel momento erano in pericolo e noi non volevamo aspettare in giro ad abbandonarci a burocratiche scartoffie di correttezza politica mentre queste piccole vite erano a rischio.

Dopo aver ricevuto l'approvazione per l'adozione, il Dipartimento ci ha informato che ora eravamo soli. La domanda era, tuttavia, a chi rivolgersi?

È successo così che durante uno dei nostri viaggi di ritorno da Adelaide a Victor Harbor ci siamo fermati per comprare "NOTIZIE" da un ragazzo di carta. All'interno c'era un articolo sulla difficile situazione dei bambini rifugiati vietnamiti fornito da Barbara e Tony Dudman che ovviamente avevano un cuore grande e compassionevole per la difficile situazione di questi bambini. Alla fine dell'articolo c'era un numero di telefono tramite il quale le persone interessate potevano contattarle.

Alla fine entrammo in contatto e ci unimmo a molte altre famiglie, tra cui il dottor John Nichols e sua moglie, per formare la SA Adoptive Families Association. È stato un tale sollievo scoprire che non eravamo più soli in questa difficile ricerca.

Alla fine furono presi contatti con agenzie in Vietnam, inclusa Rosemary Taylor, assistita da Margaret Moses, una mia ex collega della SA English Teachers Association. Tuttavia, la situazione era così critica dal loro punto di vista che hanno preferito espatriare i propri figli negli Stati Uniti, dove erano saldamente stabilite linee di comunicazione chiare ed efficienti. Semplicemente non hanno avuto il tempo di entrare nella logistica di stabilire nuove linee di comunicazione con l'Australia

Furono presi contatti con World Vision, ma anche questi non si rivelarono fruttuosi. E poi un giorno Tony Dudman ci informò di aver avuto contatti con una donna di nome Rena Briand, una giornalista francese, sposata con un militare australiano e residente in Vietnam. Qualunque fosse il suo passato, questa donna di grande coraggio aveva un cuore compassionevole e aveva messo in pericolo la propria vita molte volte nel tentativo di negoziare il salvataggio di queste piccole vittime della guerra. Viaggiando a volte sotto falso nome per preservare l'anonimato ha avuto contatti con vari orfanotrofi e aveva già negoziato il rilascio di molti bambini in gravi difficoltà.

La sua richiesta alle nostre famiglie era di fornirle una foto di noi stessi e dei nostri figli insieme a una breve dichiarazione su noi stessi. Usando questa come sua guida si recò all'orfanotrofio Sancta Maria dove iniziò lunghe trattative per il rilascio di quelli che riteneva fossero bambini appropriati alle sue cure.

Ha riferito che quando sono entrati in tali stabilimenti molti dei bambini avevano voltato le spalle al mondo esterno e stavano soffrendo una grave privazione emotiva. Nel caso di Ha Van Tuan (che in seguito abbiamo chiamato Kim Tuan), evidentemente si è assicurato molto di mostrarle il suo sorriso più accattivante e si è assicurato di essere notato.

Abbiamo spesso detto in seguito che se Kim ha un motto nella vita sicuramente lo è “Non sarò ignorato”!!

Rena, a cui era stato chiesto di localizzare una ragazza per noi perché la loro situazione sembrava più grave, in seguito ci ha detto che quando ha visto Kim per la prima volta e ha guardato la foto della nostra seria famiglia Catford borghese con le sue 3 bambine carine, si disse: "Questa famiglia ha bisogno di questo bambino!!" In seguito ha condiviso con il senno di poi che sperava: "Non vorremmo farle causa".

Successivamente ci ha inviato la sua foto che mostra un ragazzino dall'aspetto sconcertato con sorprendenti rotoli di grasso intorno al collo, e siamo rimasti colpiti.

Prima che il rilascio potesse essere assicurato, ci è stato chiesto di inviare una referenza da un prete cattolico in Australia che assicurasse all'orfanotrofio la nostra idoneità come genitori adottivi. Questo è stato fornito volentieri da padre Peter Monopoly di Victor Harbor e trasmesso alle autorità del Vietnam, dove l'adozione internazionale è stata organizzata per passare attraverso i tribunali vietnamiti.

Seguì una discreta corrispondenza di tribunali e avvocati vietnamiti che inviarono masse di documenti che avevamo tradotto in inglese. Anche il manager locale di ANZ a Victor Harbor (Bob Parker) è stato molto disponibile quando ci è stato chiesto di inoltrare varie somme di denaro per le spese processuali. Anche uno studio di avvocati in Waymouth Street ad Adelaide è stato di grande aiuto nell'organizzare le questioni legali a tal fine.

Alla fine Kim è stato formalmente adottato e messo in un asilo nido dove lo abbiamo sostenuto per i mesi prima del suo arrivo qui in Australia. C'erano ancora grandi difficoltà nell'organizzare il trasporto fuori dal Vietnam devastato dalla guerra, quindi Rena fece in modo che Kim venisse portato fuori per trascorrere i fine settimana a casa di un dottor Lan che aveva trascorso un po' di tempo a studiare medicina a Sydney. Abbiamo pagato per beni di prima necessità come il latte vero da fornire a Kim mentre era sotto la sua cura e lei ci scriveva regolarmente, raccontandoci dei suoi problemi di dentizione, dei suoi attacchi di scorbuto e di altri incidenti di crescita. Siamo molto in debito con questa brava donna per l'amore e la cura che ha offerto a nostro figlio mentre si trovava in una fase così vulnerabile della sua vita. Non avendo avuto sue notizie dalla caduta di Saigon, abbiamo ipotizzato che il dottor Lan non fosse sopravvissuto a quell'evento. Quindi è stata una grande gioia nel 2005 averla trovata in California USA, ancora praticando medicina e ringraziarla ancora per tutto quello che aveva fatto per noi.

Alla fine, nel novembre 1973, un gruppo di 10 bambini fu riunito a Saigon pronto per il trasporto in rifugio e l'adozione in Australia. Quanto siamo tutti in debito con Tony Dudman che si è offerto di andare per nostro comune conto e riportare tutti e 10 da solo. Ha detto che come controllore del traffico aereo era abituato a gestire una moltitudine di attività contemporaneamente in una situazione stressante.

Diverse volte ci ha telegrafato dal Vietnam avvisandoci di una partenza imminente solo per seguire l'ennesimo fastidioso ritardo. Ma poi è arrivato il giorno con l'annuncio che erano effettivamente partiti su un volo Singapore Airlines per Melbourne, orario di arrivo sconosciuto.

Una famiglia Catford molto eccitata ha guidato ad Adelaide il 25 novembre 2017 e ha trascorso l'intera giornata salutando ogni arrivo all'aeroporto di Adelaide da Melbourne. Ma ancora nessun segno di Tony e della sua tribù.

Alla fine siamo stati informati verso le 18:00 che a causa di un fulmine all'aeroporto di Melbourne, non ci sarebbe stato alcun arrivo in aereo. Invece i bambini sarebbero arrivati la mattina successiva (26 novembre) sull'Overland Express alla stazione ferroviaria di Adelaide. Quindi è stata la casa di nonna McKirdy a Rosslyn Park per la notte e un inizio molto presto la mattina successiva per salutare l'espresso alle 8 del mattino.

Dimenticheremo mai la figura esausta di Tony Dudman che barcolla sulla piattaforma stringendo alcuni vasi di terracotta che era riuscito in qualche modo ad acquistare nel bel mezzo dei suoi doveri, gridando: "Ho bisogno di dieci mamme e ho bisogno di loro ora!" E lì in una carrozza, stipati uno accanto all'altro come piccole sardine, c'erano i dieci bambini vestiti con uno strano assortimento di vestiti che era stato fornito loro da amici gentili che si erano presi cura di loro durante il loro lungo soggiorno a Melbourne.

C'era Kim, splendente con indosso una maleodorante tuta rossa, con un tipico aspetto da rifugiato "infestato" sul viso, che mostrava una serie di moncherini anneriti che erano i suoi denti da latte e sfoggiava un piccolo taglio pulito a spazzola risultante dal suo recente spazzolino con lo scorbuto su tutto il corpo.

La cosa straordinaria è che quando Jan lo ha preso tra le sue braccia si è semplicemente aggrappato lì come un piccolo Koala e non ha lasciato che lo mettesse giù per molti giorni. Ha davvero rivendicato la sua pretesa sul suo territorio proclamando: “Sono arrivato. Penso che rimarrò qui!”

Jan è riuscito a staccarlo abbastanza a lungo da fargli il primo bagno in Australia quando lo abbiamo riportato da Nana. La cosa notevole è che una volta che lo abbiamo portato a casa a Victor Harbor dopo un controllo al Women's and Children's Hospital, è davvero prosperato una volta che l'effetto della penicillina ha colpito. Quasi immediatamente la sua pelle si schiarì e divenne un'immagine di salute molto vigorosa. Notevolmente più alto degli altri bambini, c'è da meravigliarsi che fosse conosciuto nell'orfanotrofio come "The Lanky Yankee".

Chissà quali impressioni dannose sono state impresse nella giovane mente di Kim come risultato di tutte le sue prime esperienze? Tutto quello che possiamo dire è che la sua vita sembrerebbe essere stata gentilmente protetta dalle peggiori devastazioni che perseguitano così tanti.

Le uniche prime indicazioni che abbiamo avuto di difficoltà sono state la sua paura di un bagno e lavarsi. Forse questo è naturale per tutti i bambini maschi o forse ha riportato alla mente i ricordi dell'unico contatto fisico umano prolungato che ha avuto in Vietnam, quando veniva tenuto sotto un rubinetto una volta al giorno per le abluzioni.

Ha anche mostrato un'inspiegabile paura degli aerei in generale e degli elicotteri in particolare. Ovviamente hanno risvegliato profonde esperienze di paura dal suo passato. A parte questo, è rimasto un bambino sano, volitivo, amorevole ma determinato che registrava regolarmente la sua presenza svuotando tutto il contenuto del suo armadio e cassetti in mezzo al pavimento della sua camera da letto per esprimere la sua disapprovazione per essere stato mandato a letto.

Anche la tendenza di sua madre a tenere lunghe conversazioni telefoniche era un affronto al suo desiderio di essere al centro dell'attenzione. Lo ha risolto molto bene un giorno prendendo il più affilato dei nostri coltelli da intaglio e correndo lungo il passaggio con la lama prima in bocca! Questo ha sicuramente attirato l'attenzione piena e indivisa di sua madre.

Dopo tutte le nostre negoziazioni e delusioni, che benedizione è stata alla fine vederlo sistemato nel suo recinto dei giochi in quel posto sicuro nel nostro salotto dove avevamo pregato per così tanto tempo che alla fine avrebbe mentito. Finalmente al sicuro, scampato al dolore, alla sofferenza e alla morte che lo avevano circondato per tutta la sua breve vita.

Puoi chiamare tutta questa circostanza, ma noi la vediamo come la mano gentile e sovrana di Dio che lo sottrae al pericolo e lo consegna nelle nostre mani riconoscenti.

Dubito che avremmo avuto il coraggio di iniziare questa avventura se avessimo conosciuto le enormi difficoltà nel tradurre un'idea calda e confusa nella cruda realtà dell'eventuale presenza di Kim con noi come membro della nostra cerchia familiare. Ma passo dopo passo la strada si è appena aperta.

lascia un commento cancella risposta

Pubblicazione....
Italiano
%%piè di pagina%%