La poesia di Emma

Questa poesia è stata scritta l'anno in cui ho fatto il mio primo viaggio di ritorno in Vietnam. Sono andato a vedere se potevo scoprire qualcosa sul mio passato, sulla mia storia.

Questa lettera è dedicata alla mia madre naturale che non ho mai conosciuto.

6 settembre 1990

Qui mi siedo, a guardare le ultime fasi del sole al tramonto e i suoi raggi finali accarezzare la terra.

Mentre la musica del giorno si spegne silenziosamente, inizia la musica della notte. Guardo il primo ammasso di stelle dispiegarsi e accendere le loro luci dorate. Vedo apparire la luna e riempire il cielo con il suo sorriso argenteo. Mentre osservo questi preparativi svolgersi e sovrapporsi delicatamente l'uno all'altro, mi chiedo e chiedo.

“Oh mamma.. 

Vedi il tramonto del sole come lo vedo io?
Senti la musica del giorno e la musica della notte come la sento io?
Le stelle brillano per te come brillano per me?
La luna sorride per te come sorride per me?

O sei in un posto dove il giorno non finisce mai e il sole non tramonta mai?

Cavalchi le onde della vita?
O la vita per te è un oceano – per sempre calmo, per sempre blu; con un cielo infinito di blu da abbinare?
Segui il ritmo della vita mentre scorre? 
O la vita per te è dolce e pacifica?
Cammini verso l'ignoto come me?
Oppure cammini con disinvoltura e sicurezza su strade chiare e lisce?

Lavori, riposi e giochi sotto il mio stesso universo – e il tempo è il tuo organizzatore come il tempo lo è per me?
O dove sei, non c'è nessun modello e nessuna lotta contro la corrente; e dove hai bisogno di fare poco o niente?
La vita del tuo arazzo è completata o incompiuta?
Qualunque sia la situazione, le lancette del tempo e dello spazio hanno preso il tuo arazzo e lenito tutto?

Nessun vento per portare le lacrime che piango per te,
nessun sole a mandare il mio sorriso quando penso a te.
Non c'è acqua per placare la sete del mio amore che provo per te.
Non ci sono parole per descrivere il mio bisogno di te.

Nessun gioco da ragazzi per inviarti messaggi.
Nessun calore per asciugare le mie lacrime che si sono trasformate in ruscelli; dai torrenti ai fiumi; dai fiumi agli oceani.

Oh Madre… 

Ti addolori per il dolore che piango?
O sei da qualche parte dove non ci sono dolore o problemi, nessun dolore?
Senti le cose che sento io?
O i tuoi sentimenti sono pacifici e leniti da tutte le sue confusioni?
La musica aveva significato per te come la musica ha per me?

Oh Madre... Madre... Madre

Quali erano le tue speranze per me?
Speravi per me una vita migliore, anche nel mezzo di un paese dilaniato dalla guerra?
Speravi che rimanessi in Vietnam?
O andare in un altro paese?
Oh mia madre, che non ho mai conosciuto –
nonostante le buone opportunità e un nuovo Paese,
ecco una bambina che aspetta il tuo ritorno.
La bambina che cammina lungo la panchina dell'orfanotrofio, aspetta il tuo ritorno.
La bambina ora qui in Australia,
si chiede quando tornerà a casa,
aspetta il tuo ritorno.
La bambina che sta qui seduta a scriverti,
aspetta il tuo ritorno.
Io, io sono quella bambina
Sai che viaggio attraverso lo spazio e il tempo;
terra e mare per trovarti?

Oh! Madre, madre, madre...

Mi fai le domande che faccio?
O la vita che vivi non è mai piena di come, quando, dove o perché?
Mi chiedi i "e se"?
O la vita per te non è mai piena di quelli?

Ridi e piangi come faccio io?
O la vita è un sorriso eterno?
Sei morto di mille morti come me?
O hai vissuto i tuoi tempi di vita e di morte?

Perché ovunque tu sia, spero che tu sia felice.

Sappi che c'è spazio nel mio cuore per te Madre,
a cui non ho mai avuto modo di conoscere e amare.
C'è amore eterno per te Madre,
a cui non ho mai avuto modo di conoscere e amare.
Non voglio mai provare rabbia verso di te Madre,
a cui non ho mai avuto modo di conoscere e amare.

Desidero tanto che tu sia felice ovunque tu sia, e qualunque cosa tu faccia Madre,
a cui non ho mai avuto modo di conoscere e amare.
Che tu sia sposato o meno, che tu sia qui o no; Sarò con te un giorno.
Perché lo desidero tanto.

Ovunque tu sia, anch'io spero che mani gentili mi portino a te.
Dove le ombre non si allungano mai e i ruscelli gorgogliano e inciampano sui sassi,
Dove sbocciano i fiori e regna la felicità.

Dove le onde sono solo increspature in un ambiente delicato;
Dove gli uccelli cantano costantemente e dove l'erba è verde.
Dove gli alberi allungano le braccia in segno di benvenuto.

Dove non esistono paure, incomprensioni, incertezze e tristezze, e non risiedono lacrime.

Fino ad allora, vivrò per il tempo in cui potrò correre con libertà nell'abbraccio delle tue braccia tese e finalmente dire: "Finalmente, sono a casa!"

Sarò con te e non saremo estranei come lo siamo ora.

Fino ad allora vivrò per il tempo in cui sentirò la tua voce pronunciare quelle tre parole magiche che una madre e una figlia si dicono di tanto in tanto... 
"Ti voglio bene". 

Guarderò il tuo viso che è stato strutturato con le esperienze e il tempo della vita,
Sentirò le tue mani levigare tutto il dolore e la preoccupazione via,
E mentre lo fai, 
Ascolterò le risposte alle domande per tutta la vita.

Ascolterò le cose che ho avuto tanto bisogno di sentire... 
"Ti amo ora come ti amavo tanto tempo fa."  
“Ti capisco ora come ti ho capito tanto tempo fa”.
"Sei nel mio cuore ora come lo sei sempre stato."

Non dovrò più guardare in faccia ogni amico che faccio e chiedermi "sei mia madre"?

Non dovrò più io, la ragazzina, continuare a cercare per le strade per trovarti.

Non dovrò più io, la bambina, viaggiare per il mondo per trovarti.

Perché ti sentirò dire -
“Tu sei con me e io con te”.

Perché mani pazienti mi terranno vicino al tuo cuore,
Dove posso riposare il mio corpo stanco e appoggiare la mia testa al tuo petto,
Dove possiamo essere in pace, come la stessa cosa.

ti sentirò dire - 
“Non dovrò mai lasciarti andare come ho dovuto fare tutto quel tempo fa”.

lascia un commento cancella risposta

Pubblicazione....
Italiano
%%piè di pagina%%