De-gemellato per adozione internazionale

Mia sorella gemella ed io siamo nati nel 1972 a Gia Dinh, in Vietnam. A Saigon fummo ricoverati al Nhi Dong Hospital (ospedale pediatrico) nel 1974 dalla nostra madre biologica a causa della malnutrizione. Ha riferito all'ospedale che eravamo gemelli, tuttavia, non sono stati effettuati test o studi genetici per confermarlo. Dopo averci portato in ospedale, non è tornata. Apparentemente era molto povera e questo era il suo modo per ottenere aiuto per noi. L'assistente sociale dell'ospedale ha cercato di localizzare nostra madre, ma non ci è riuscito. Dopo aver atteso a lungo la visita dei parenti di nostra madre ma non avendo ricevuto alcuna notizia, il direttore dell'ospedale, a causa della mancanza di strutture, la signora Thuy (assistente sociale Holt) ci ha portato al Centro di accoglienza Holt per cure e adozione. Lì, Andy Noe MD era il nostro medico e mi ha chiamato Gai Lien.

L'accordo di collocamento tra Holt e i nostri genitori adottivi è stato firmato il 30 dicembre 1974. Abbiamo volato da Saigon il 5 aprile 1975 durante l'operazione Baby Lift sul volo charter Pan Am 747 di Holt numero E93405. Siamo atterrati a Seattle il 6 aprile 1975 e siamo stati adottati dalla famiglia Crapuchettes della California, USA.

Per poter essere portati via dal Vietnam, mi chiamavo Tuyet Trang Nguyen e mia sorella si chiamava Thuy Trang Nguyen. Era comune anche ricevere una data di nascita. La nostra data di nascita era il 1 gennaio 1972, che per coincidenza è la stessa per molti altri orfani di guerra vietnamiti. I nostri genitori adottivi hanno detto alla corte che eravamo separati da circa un anno e che mi sarei chiamata Natalie Tuyet Crapuchettes e mia sorella è stata decisa a essere la sorella maggiore e si è chiamata Michelle Thuy Crapuchettes.

I miei genitori adottivi avevano due figli naturali quando ci siamo uniti alla loro famiglia. Entrambi i fratelli, più grandi di noi, avevano rispettivamente 7 e 5 anni al momento della nostra adozione. Erano felici di avere delle sorelline e hanno sempre agito in modo molto amorevole e responsabile nei nostri confronti. Abbiamo vissuto la nostra infanzia ad Altadena, in California. Era ovvio che fossimo adottati poiché eravamo asiatici e la nostra famiglia adottiva era caucasica. Ci è stato detto che ci hanno adottato dal Vietnam perché erano contro la guerra del Vietnam. Tuttavia, ci hanno anche detto che Michelle aveva circa un anno più di me. Ha frequentato diverse scuole private per la maggior parte della nostra infanzia.

La famiglia allargata ci ha accolto e non siamo stati isolati razzialmente perché anche i migliori amici del mio genitore adottivo avevano adottato una ragazza coreana. Era un po' più grande di noi, ma penso di essermi sentito più legato a lei perché era asiatica e anche lei adottata.

Per il pubblico, stavamo vivendo il sogno della California! Siamo cresciuti in una famiglia della classe medio-alta. Entrambi i genitori erano psicologi. Vivevamo in una casa di cinque camere da letto con 4 bagni, soggiorno, camera familiare, sala da pranzo/sala biblioteca e un cortile con piscina, trampolino e un piccolo campo da basket/racchetta da 3 pareti. I nostri genitori adoravano organizzare feste. Gli altri 3 bambini (non io) sono andati in scuole private. Mia madre era francese, quindi siamo andati in Francia molte volte in estate e per i campi estivi, abbiamo fatto le vacanze alle Hawaii ea New York e abbiamo fatto viaggi in famiglia. Mia sorella ed io abbiamo fatto ginnastica, abbiamo giocato a calcio AYSO/YMCA e lezioni di pianoforte. Alle medie ho preso lezioni di tennis e violoncello.

All'interno della casa abbiamo avuto riunioni di famiglia e una vita che non era esattamente il sogno californiano! Questi incontri significavano che i nostri genitori ci facevano scegliere le nostre punizioni quando non facevamo le nostre faccende o facevamo qualcosa di sbagliato, e ci dicevano cosa dovremmo pensare invece di voler veramente sentire cosa pensavamo veramente. Noi quattro ragazzi ci sentivamo i loro pazienti… analizzavano costantemente ciò che dicevamo e facevamo. Mi è successo qualcosa di terribile durante il mio primo anno di liceo che ha influito sulla mia capacità di concentrazione e i miei genitori pensavano che non mi importasse della mia educazione. Pertanto, nel mio ultimo anno mi mandarono in un collegio cattolico misto chiamato Villanova Preparatory School a Ojai, in California. Anche i miei due fratelli sono andati in collegio al liceo.

Ho dei bei ricordi d'infanzia di viaggi di famiglia, nuoto in piscina con amici e familiari, i nostri genitori che frequentavano le mie partite di calcio e incontri di ginnastica, regali generosi e feste divertenti a casa nostra. C'era molto lavoro da fare ai miei denti e anche a quelli di mia sorella. Ha subito molti interventi chirurgici per sistemare il labbro leporino. Ciò che è stato difficile è stata la severità dei miei genitori. Siamo stati sculacciati con pale di legno che avevano dei buchi quando eravamo giovani. Ci hanno insegnato a non essere schizzinosi. Abbiamo dovuto mangiare tutto. Noi ragazze amavamo le verdure ma odiavamo le ciambelle quindi ogni sabato mattina eravamo costrette a mangiare le ciambelle e se non le mangiavamo, non mangiavamo per l'intera giornata.

Quando sono diventato troppo vecchio per le sculacciate, ho dovuto pagare il mio debito accumulato dai miei genitori, punizione eccessiva di farmi pagare per non aver svolto le mie faccende in tempo o per non averle fatte, o per non aver fatto qualcosa che mi era richiesto. Mi è stato detto nella vita, "se uno infrange la regola/legge allora dovrebbe pagare i biglietti o le tasse per il ritardo". Il mio debito è diventato così alto perché se non avessi fatto quello che avrei dovuto fare, e se fosse successo di nuovo, la commissione sarebbe stata raddoppiata e così via. Al liceo la mia punizione è stata messa a terra per settimane e mesi. Inoltre, se avessi finito i compiti, i genitori avrebbero trovato più lavoro per me da studiare a casa. Potevamo guardare solo programmi TV come CNN, 20/20 e il Cosby Show. Gli unici film che potevamo guardare dovevano essere 4 stelle secondo uno standard di un libro di film.

Anche gli standard per le ragazze rispetto ai ragazzi erano diversi. Ad esempio, Michelle ha dovuto lavare l'auto dopo averla guidata, ma mio fratello maggiore non ha dovuto farlo. Quando uno dei fratelli ha distrutto la sua macchina, i nostri genitori gli hanno dato un'altra macchina, ma ci aspettavamo che fossimo piloti perfetti. Nostro fratello sarebbe stato trovato nel vialetto ubriaco ma dovevamo essere ragazze perfette.

La parte più difficile e la realizzazione è stata che i nostri genitori non avevano grandi aspettative su di noi. Si aspettavano solo che noi ragazze ci saremmo sposati e avremmo avuto figli. Non ci hanno aiutato in alcun modo con le nostre aspirazioni universitarie. Nessun aiuto in ogni caso per guadagnare soldi per tasse scolastiche e vitto. Entrambi ci siamo fatti strada attraverso il college pubblico e l'università mentre a nostro fratello sono stati forniti i mezzi per andare all'università privata dandogli un buon lavoro - capitano della barca per la pesca commerciale in Alaska che ha fatto almeno $30k per i 3 mesi in l'estate. Sarebbe stato un lavoro estenuante anche se soprattutto dato che non aveva esperienza.

Più tardi, quando eravamo adulti, i nostri genitori adottivi ci dissero che eravamo gemelli ma ci avevano "de-gemellati" perché pensavano che fossimo troppo simbionti e volevano che fossimo indipendenti l'uno dall'altro e che pensassimo separatamente l'uno dall'altro. Abbiamo chiesto le scartoffie e siamo venuti a sapere che stavano cercando gemelli dal 1973, pochi anni prima della caduta di Saigon nel 1975. Scoprire che i nostri genitori adottivi stavano attivamente cercando gemelli da adottare, ci hanno trovato e “de- gemellati” noi ed erano entrambi psicologi comportamentali che ci hanno mandato a gradi diversi e scuole diverse sembra troppo casuale!

Prima di venire negli Stati Uniti potevamo contare solo l'uno sull'altro, l'unica cosa che era costante nella nostra vita. Credo davvero che il nostro legame come gemelli ci avrebbe reso più forti anche come individui perché quando uno ha una forte connessione con un altro essere umano, più siamo forti come individuo. Ricordo che una volta la mia mamma adottiva mi ha tirato i capelli e l'ho minacciata di non farlo mai più. Più tardi, quando io e mia sorella eravamo adulti, mi confidò che la nostra mamma adottiva era spaventosa e che le tirava i capelli così forte che le faceva fare la pipì nei pantaloni. Ho pianto così tanto e ho sognato di proteggere mia sorella da lei. Dentro di me avrei voluto essere lì nella vita reale per proteggerla. Era troppo tardi, proprio come era troppo tardi per riprenderci il nostro diritto di nascita di essere gemelli.

Col senno di poi... la nostra infanzia, il nostro legame come sorelle gemelle, la nostra personalità, la nostra fiducia e il nostro rapporto con gli altri sarebbero stati migliori e più forti se i nostri genitori adottivi non ci avessero separato. Se eravamo veramente simbiotici, era solo perché venivamo dalle difficoltà della guerra, della povertà e improvvisamente portati in una strana nuova terra in America.

Ricordo ancora i miei sogni d'infanzia di dover ballare nudo di fronte a sconosciuti. Penso che inconsciamente mi sentissi osservata e mi aspettassi di divertirci/intrattenere/esibirci anche se eravamo a disagio. Più tardi, da adulte, io e mia sorella abbiamo condiviso lo stesso sogno. Ci siamo sentiti come un esperimento: separarci dall'essere gemelli ci ha fatto sentire innaturali e a disagio nella nostra stessa pelle. Inconsciamente avevamo la sensazione che qualcosa fosse terribilmente sbagliato, ma è stato solo quando ci hanno detto da adulti che ci avevano "de-gemellati" che abbiamo capito. Per noi ora, è troppo tardi per fare qualcosa per invertire il danno legale, emotivo e psicologico! Per non parlare della perdita dell'infanzia di essere gemelli. Tutto in nome della scienza per mettere in discussione la natura contro la cultura. Quello che hanno fatto i miei genitori adottivi mi rende triste e mi fa piangere!

Prima che lei incontrasse il futuro marito e io incontrassi mio marito futuro, abbiamo cercato di riconquistare il nostro legame gemello trascorrendo ogni fine settimana a vederci da adulti. Tuttavia, a causa del danno del "degemellaggio" causato dai nostri genitori adottivi, credo indirettamente che questo sia il motivo per cui io e mia sorella viviamo in Stati diversi, io in California e lei in CO. Abbiamo entrambi lottato con il controllo, manipolare le relazioni ed è una battaglia costante per sopravvivere e prosperare.

Una cosa che mi sarebbe piaciuto mentre crescevo è essere stato esposto alla cultura vietnamita. Sono stato cresciuto per essere americano senza alcun indizio su qualcosa di asiatico. Non ho imparato a parlare vietnamita e mi sento così disconnesso da tutto ciò che è vietnamita. Ho avuto un fidanzato vietnamita al college, ma ho sempre sentito un distacco perché non ero veramente vietnamita né veramente americana. Mio marito scherza sul fatto che sono una banana: gialla fuori che sembra asiatica ma bianca dentro. La maggior parte dei miei amici sono asiatici sposati con caucasici. Gli amici di mio figlio sono per lo più asiatici. Dentro di me bramo la cultura asiatica e sono attratto dalle persone asiatiche. Molte delle mie amiche sono donne asiatiche che hanno figli di origine asiatico-americana o di razza mista. Sono grato di essere in America e di avere una famiglia tutta mia. Sono molto legato a questa famiglia.

Finora ho pochissimi pensieri e sentimenti sulla mia famiglia biologica solo perché c'è molto poco da fare. Recentemente ho trovato i documenti che i miei genitori adottivi mi hanno dato quando sono diventato adulto, ma ci sono molte discrepanze. Per tutto il tempo ho pensato solo a sentimenti positivi per mia madre biologica. Deve essere successo qualcosa a lei e al resto dei nostri parenti dato che era tempo di guerra. Non riuscivo a immaginare che nostra madre ci avesse abbandonato né che non ci volesse.

Essendo io stessa una madre ora, sarebbe troppo difficile per me lasciare andare mio figlio a meno che non ci fosse un motivo estremo per me di farlo. Non riesco a immaginare quanto deve essere stato difficile per la mia bio-madre ammettere a se stessa che doveva chiedere aiuto e lasciare che qualcun altro si prendesse cura delle sue ragazze. Credo che non avesse scelta se voleva che ricevessimo assistenza medica. Abbiamo sofferto di malnutrizione al punto che ci ha colpito più tardi nella nostra infanzia: ha bloccato la nostra crescita e dovevamo essere 6 pollici più alti. Se ci ha lasciato per sempre all'ospedale, è stato solo perché credeva che l'ospedale avrebbe trovato un modo per noi di avere una vita migliore di quella che lei avrebbe mai potuto fornire finora. Penso e sento che questa è l'epifania dell'amore materno. Sfortunatamente i nostri documenti non indicano nulla sul nostro padre bio o su altri fratelli.

Amo essere una mamma per mio figlio e la mia figliastra. Quando ho incontrato mio marito era un uomo divorziato con una bambina di 7 anni dal suo primo matrimonio con una donna giapponese. La gente pensava che fossi sua madre. Non le piaceva. Le ho detto che non avrei mai preso il posto di sua madre. L'ho incoraggiata a vedere sua madre. Dato che sua madre era ancora viva, non l'ho adottata legalmente. In un certo senso l'ho adottata come mia figlia a modo mio. Per lei ero una figura materna e la sostenevo. Le ho fatto sapere che poteva contare su di me per essere lì per lei. Ha per la maggior parte sentito di poter trovare comprensione ed empatia da me più che con suo padre. Sul cellulare mi ha scritto ICE, acronimo di In Case of Emergency. Poteva sempre chiamarmi quando aveva bisogno di aiuto. Non ho mai sentito di poter chiedere aiuto a mia madre adottiva.

Essendo stato adottato, so cosa vuol dire voler essere ascoltato. Sono stato lì per lei per prestarle il mio orecchio. Con 8 anni di essere una figura materna ho imparato e cresciuto di più. Penso di aver seguito inconsciamente la mia citazione preferita, "Il modo in cui parliamo ai nostri figli diventa la loro voce interiore” di Peggy O'mara. È diventata una giovane donna sicura di sé e indipendente. Sono così orgoglioso di lei e glielo dico. Continuo a tenere questa citazione nella mia mente mentre cresco mio figlio, Jonas. Altri genitori mi dicono che è un ragazzo molto felice con fiducia, umorismo e premura.

Da bambino non sono mai stato divertente, sempre serio e poco sicuro di me. Mio figlio ora ha 10 anni. Gli ho fatto sapere che credo nelle sue capacità e mi assicuro che sappia di avere una voce. A turno decidiamo dove cenare e cosa fare nei fine settimana. Durante la mia infanzia, non sentivo di avere una voce. Dovevo obbedire e collaborare. Penso che essere una mamma mi abbia aiutato a guarire le ferite della mia infanzia. So di non essere perfetto. Faccio errori come genitore. Chiedo scusa a mio figlio.

Quindi, in base alla mia esperienza di adozione internazionale, ho alcuni pensieri su come evitare che la storia si ripeta.

Primo, i miei genitori adottivi ci hanno adottato con falsi pretesti. I documenti indicano chiaramente che nostra madre biologica ha detto all'ospedale Nhi Dong che io e mia sorella eravamo gemelle. Solo perché non sono stati effettuati test o studi genetici per confermare che eravamo gemelli, non significa che non fossimo gemelli né significa che ai genitori adottivi venga data la possibilità di cambiare la nostra età per soddisfare i loro bisogni o la loro agenda. Non so se il test del DNA fosse disponibile nel 1975, ma da adulti abbiamo fatto un test del DNA e indica che siamo gemelli identici. I gemelli non dovrebbero mai essere separati o sdoppiati legalmente tramite adozione!

In secondo luogo, credo che il lavoro sociale non dovrebbe fermarsi al completamento dell'adozione, cioè all'arrivo del bambino/i nella famiglia adottiva. Devono essere più continue le revisioni del servizio sociale post-adozione sui genitori adottivi con bambini adottati. Nella mia situazione, a causa della mancanza di informazioni dal Vietnam o della possibile mancanza di trasparenza o peggio ancora della deliberata omissione di informazioni tra i partecipanti all'agenzia di adozione, all'agenzia di adozione e ai genitori adottivi, i genitori adottivi potevano mentalmente, emotivamente e psicologicamente danneggiarci "degemellandoci" senza ripercussioni per loro e senza redenzione per noi.

In terzo luogo, la cultura e il patrimonio di nascita del bambino adottato non dovrebbero essere persi o ignorati nel processo di assimilazione nel suo nuovo paese e nella nuova famiglia. Dalla mia esperienza, sento che dovevo adattarmi a ciò che mi circondava perché era previsto che lo facessi. Tuttavia, non avevo conoscenza della mia cultura vietnamita fino a quando non sono diventata adulta e l'ho cercata. Crescendo, non sono mai stato introdotto alla cultura vietnamita come il cibo, la lingua, la musica, l'arte, ecc. Mi è stato detto solo della guerra vietnamita. Pertanto, ho una disconnessione con il Vietnam e la sua cultura nonostante il mio desiderio di abbracciarla. È molto difficile per me cercare di impararlo ora da adulto ed è difficile capire e abbracciare la cultura vietnamita perché mi è estranea.

In conclusione, come adottato internazionale non sono stato ascoltato. Non avevo voce in capitolo, nessuna voce... Una cosa è essere adottata, ma un'altra è essere derubata del mio diritto di nascita come gemella e derubata della mia cultura di nascita! L'agenzia per le adozioni, i genitori adottivi ei tribunali non mi hanno chiesto se volevo essere "disgemellata" dalla mia sorella gemella. Non mi è stata data una scelta e oggi, di nuovo, non ho voce perché non posso legalmente annullare il danno che mi è stato fatto. Legalmente non sarò per sempre una gemella, anche se il mio DNA dimostra che sono una gemella identica con mia sorella. I miei genitori adottivi non mi hanno chiesto se volevo conoscere la cultura vietnamita. L'agenzia per le adozioni e i tribunali non hanno inserito una clausola nell'adozione per includere che io sia esposto alla cultura vietnamita. Nessuna ripercussione per l'agenzia di adozione, per i genitori adottivi, né per il tribunale. Non c'è nessuna responsabilità neanche per loro. Non c'è redenzione per me e mia sorella in quanto adottati.

A causa della mancanza o dell'assenza di trasparenza sull'adozione, del danno inflittomi dai miei genitori adottivi insieme alla mancanza di precauzioni aggiuntive prese dall'agenzia per le adozioni e dai tribunali e nessuna revisione dell'assistenza sociale post adozione con genitori adottivi e adottati, ho non mi sentivo amata o che i miei bisogni fossero presi in considerazione. Sento che io e mia sorella siamo stati un esperimento.

I miei documenti di adozione sono sigillati, ma ai miei genitori adottivi è costato solo $5 per farli recuperare. So che all'epoca era legale, ma ancora una volta questo è un altro esempio di ciò che è sbagliato tutto in nome dell'adozione. Non so quanto sarà difficile per me ottenere l'accesso ai miei documenti di adozione, ma come adottante, non dovrei fare i salti mortali per chiedere i documenti che hanno segnato il mio destino.

Sarebbe difficile escludere i genitori adottivi come i miei, ma è per questo che vorrei vedere le revisioni dell'assistenza sociale post adozione con genitori adottivi e adottati - qualcuno (almeno i tribunali) avrebbe dovuto segnalare e mettere in discussione l'idea assurda di legalmente "de- gemellando” noi. Ci devono essere ripercussioni e responsabilità tra l'agenzia di adozione, i genitori adottivi e i tribunali che hanno fatto questo! Quindi molto ingiusto! Mishka e io vorremmo che potessimo cambiare idea sull'essere cresciuti come gemelli: la nostra infanzia è stata persa come gemelli identici!

Quanto sono emarginati e privi di potere gli adottati in adozione?! Spero che la mia esperienza evidenzi che si tratta davvero di un sistema che asseconda i bisogni ei desideri dei nostri genitori adottivi e non riguarda affatto il "miglior interesse del bambino". Il fatto che l'adozione internazionale sia un'industria multimiliardaria che ha fatto così tanti soldi dai bambini di famiglie vulnerabili e svantaggiate – queste sono realtà toccanti con cui posso davvero relazionarmi!

Una risposta a "De-Twinned by Intercountry Adoption"

  1. Michelle, siamo cresciuti nella stessa strada e non avrei mai saputo che avessi passato un periodo così difficile. Eri un po' più giovane, ma mi sento così male che non sapevo che i tuoi genitori (soprattutto tua madre) ti picchiassero. Ricordo principalmente tuo fratello Dominic, e sembrava forse un po' danneggiato. Spero che tu stia bene ora

Lascia una risposta a Elise Proulx cancella risposta

Italiano
%%piè di pagina%%