La storia di Chasna

Vivi la tua cultura

Sapere chi sono i tuoi genitori deve essere fantastico, questo è qualcosa che non saprò mai ed è davvero, davvero triste, ma abbracciando la mia cultura indiana mi sento come se avessi incluso mia madre naturale nella mia vita. Dopotutto, potremmo apprezzare lo stesso cibo, potremmo andare agli stessi film.

La mamma mi ha adottato dall'India da bambino. Sono figlio unico di una famiglia con un solo genitore, ho completato la scuola nel 2000 e ora sono alla Sydney University. Quando ho scoperto che non solo hanno l'hindi come una delle lingue che insegnano, ma anche una scuola di lingue intensiva di sei settimane in India che conta per il secondo anno, sono stato incredibilmente eccitato, nervoso, spaventato e felicissimo in un istante.

Essendo cresciuto in un paese diverso come l'Australia, con la sua cultura accogliente e rilassata, l'"adattamento" arriva, in modo abbastanza naturale. Sì, hai poca scelta in materia, ma d'altra parte, chi ha? Anche tutti gli altri stanno cercando di essere accettati. Le crisi di 'identità', sono una parte obbligatoria dell'adolescenza, così ci dicono gli psicologi!

La scuola a volte era davvero dura, specialmente nella Prima infanzia e nella Primaria quando qui ero un ragazzino marrone e dovevo spiegare all'infinito perché la mamma era bianca. Tutti i bambini adottati all'estero devono affrontare questo, ma sono stato fortunato perché la mamma ha capito e mi ha anche dato delle strategie per affrontare le provocazioni razziali e insieme ce l'abbiamo fatta.

Dall'anno 7 in poi, insieme al confine locale abbiamo avuto anche quelli "internazionali" dai paesi asiatici. Il modo in cui hanno affrontato la situazione è stato portare in collegio la loro cultura "popolare", la musica pop, le riviste di moda, le pin-up e i video. Mi trovavo in questa doppia situazione per cui ero in giro da più tempo di tutti loro. Come ragazza diurna e l'unico indiano dell'anno dopo Kindi, ero solo un altro ragazzo australiano lì. Gli amici sapevano che ero stato adottato, ma era bello avere un doppio background. Tutti erano gelosi del fatto che non facessi solo feste a Pasqua, Natale e Compleanno, ma anche alle feste indiane di Holi e Diwali, in particolare quest'ultima, a cui erano invitati i miei compagni di scuola.

La cultura indiana era di moda, quindi il mio parlare dei miei viaggi in India, indossando i vestiti e mangiando il cibo, è stato positivo. Solo quando sono entrato in contatto con questi pensionanti sono diventato dipendente dalla cultura popolare indiana, dai suoi film di Bollywood, dalla musica e dalle riviste hindi. Sembra pacchiano, ma se ciò che desideri è essere accettato, questa è la strada da percorrere, diventi parte di una comunità globale di indiani d'oltremare. Ho iniziato ad andare all'Hurstville Civic dove si proiettano film hindi, spesso con sottotitoli che mi hanno aiutato, dato che ancora non parlavo la lingua, e ho preso in prestito film hindi dai negozi di video e sottaceti indiani.

Per tutta la vita, la mamma, che è per certi versi più indiana di me (poiché ha trascorso lì la sua prima infanzia), mi ha tenuto in contatto con le mie radici culturali portandomi in India ogni due anni.

All'inizio alcuni amici erano dubbiosi, me compreso. Ho attraversato questo periodo di paura dell'India: la povertà, le persone e il modo in cui ti fissano quando cammini per il mercato con un bianco accanto a te. Tuttavia, man mano che mi avvicinavo sempre di più alla cultura, iniziai a notare aspetti diversi dalla povertà, quando scopri che tu e il portiere, che ti fissa ogni volta che esci dall'hotel, vi godete entrambi un film come "Dilwale Dulhania Le Jayerige” è più facile apprezzare la gente del posto come parte del tuo background, piuttosto che una mentalità "loro e noi".

Dall'essere stato in India molte volte ho avuto una fonte di bei ricordi e quindi una conoscenza di prima mano a cui attingere quando mi mescolavo con altri che avevano anche un doppio background. Mi ha fatto sentire parte di entrambe le culture, quasi come se avessi un genitore indiano e uno australiano.

Tutto è andato bene fino a quando è arrivata l'ora della settimana di orientamento all'università. Naturalmente volevo unirmi ad Ashoka nella società indiana, ma avevo paura che si rendessero conto della differenza tra me e loro. Vivono qui, ma con una famiglia indiana, scrivere il mio cognome sul modulo di adesione è stato un regalo!

Mercoledì è stata la mia prima lezione di hindi. Su 12 persone, 6 di noi erano indiani. Da un lato questo mi ha fatto sentire molto meglio, perché significava che non ero l'unico indiano che per qualche motivo non parlava l'hindi. È stato facile trovare un terreno comune con gli studenti hindi che avevano più o meno la mia età ed erano stati a scuola a Sydney. Abbiamo scoperto di avere una rete di amici comuni, ma il nostro studente in età matura, un indiano di Singapore, era qualcuno che ho temuto per tutto il semestre. L'ho stereotipata come un'indiana tradizionale che pensavo mi vedesse attraverso e disapprovasse l'adozione e non mi vedesse come un vero indiano. Non è stato fino alla fine del semestre, quando l'intera classe si è riunita per un pasto indiano per celebrare l'hindi sopravvissuto che io, attingendo alle mie conoscenze dal viaggio in India, sono stato abbastanza rilassato da parlarle dell'India e ho scoperto che non era tradizionale e giudicante, infatti era sposata con un cinese singaporiano e non aveva affatto un matrimonio indù convenzionale.

Studiando l'hindi avevo trovato la mia strada all'interno della comunità indiana, un gruppo di amici con cui potevo andare alle feste da ballo indiane, e, a parte il divertimento che si prova godendosi la propria cultura e facendosi accettare da questo gruppo, ho ha anche scoperto che le giovani generazioni che partecipano a queste funzioni indiane appartengono alla loro comunità e lo sei anche tu.

Tuttavia, anche prima dell'hindi, dall'interesse per la cultura, mi ero trovato una famiglia indiana. Ho conosciuto Radha grazie al lavoro di mamma, che mi portava lì quando ero piccola e ci ha presentato. Radha mi ha preso in simpatia e da allora sono stato accettato anche nella loro famiglia.

Immagino che quello che sto dicendo è che il tuo background culturale è sempre lì come un fantasma e se vuoi che sia in primo piano con tutto il resto, allora vivilo come si fa per la musica, la moda e la cultura popolare australiane, trovi la tua stessa indianità e famiglia o comunità.

Ogni nuova situazione è una sfida: sono nervoso all'idea di andare in India per la scuola di lingua hindi perché sarà la prima volta che sarò lì senza mamma. Questo mi farà vedere quanto sono a mio agio con la mia cultura indiana e fino a che punto posso essere accettato come indiano d'oltremare piuttosto che come turista nella mia stessa terra.

Chasna

lascia un commento cancella risposta

Pubblicazione....
Italiano
%%piè di pagina%%