Arte dal cuore

profilo.jpg
Jonas Haid

Non so molto dei primi anni della mia vita, solo quello che mi hanno raccontato i miei genitori adottivi e che hanno fatto eco a quello che l'agenzia coreana ha scritto sui documenti di adozione. 

Sono stato trovato a un'età stimata di 4 anni in Corea vicino al municipio di Suwon alla stazione degli autobus. Sono stato portato a casa di Kyung Dong Baby e ho aspettato un anno per vedere se qualcuno sarebbe venuto a reclamarmi. Dopo un anno di attesa e nessuno è venuto, sono stata dichiarata disponibile per l'adozione. Mi è stata data un'identità: il nome Jung Seung Hee, la data di nascita (il giorno in cui sono stato trovato) e un anno di nascita. 

Nel 1989 sono arrivato in Germania dalla mia famiglia adottiva. Avevano già quattro figlie biologiche e io sono entrato in famiglia come il fratello più giovane. Non mi sono mai sentito accolto o voluto nella mia famiglia adottiva. I miei genitori adottivi erano molto severi e hanno cercato di insegnarmi come vivere da cattolico. Mia madre adottiva mi ha detto che a volte mi trovava seduta sul divano con le lacrime che mi rigavano le guance.

Per quanto mi riguarda, anche se hanno affermato di amarmi come un loro figlio e che sarebbero sempre stati lì per me, ho faticato a sentirlo. Ciò era dovuto ai modi in cui agivano, che erano diversi rispetto a ciò che cercavano di insegnare. Ho vissuto un'infanzia violenta, non solo per me ma anche per le mie sorelle. Sono stati feriti dai nostri genitori, a volte senza motivo. Le cose più intense che ho visto è stata la sorella più giovane che stava davvero soffrendo. Aveva spesso l'emicrania perché si ammalava sin dalla nascita e quando era veramente dura, per esempio mentre guidava, e lei cominciava a piangere, nostro padre fermava la macchina, le urlava contro e la schiaffeggiava come un matto. Dopo aver finito diceva: "Ora hai un motivo per piangere!"

Preghiere con mia sorella: ho cercato di cogliere questo momento per coloro che si sono già riuniti con qualcuno della loro famiglia d'origine. Le farfalle sono fantasia quindi perché appaiono fuori dalla cornice, non nella realtà. Sono i messaggeri che hanno ascoltato bene le preghiere e le hanno portate a Dio.

Quindi non ci sono molte cose buone che posso dirti sui miei genitori adottivi. Ho iniziato a scappare di casa quando avevo 11 anni. La prima volta sono scomparso per 2 settimane, la seconda per 6 settimane. Avevo un amico bianco che mi ha aiutato quella volta. Vivevo in una roulotte dei suoi genitori e lui mi portava da mangiare quando cenavano. Sua madre non sapeva che ero dentro. Quando sono tornato a casa dai miei genitori adottivi – speravo che sarebbero stati felici di vedermi e festeggiare il mio ritorno a casa – ma l'unica cosa che mi hanno detto è stata: "Vai nella tua stanza e scrivi perché scappi di casa". Quindi ancora non mi sono mai sentito accolto o voluto.

Ho iniziato con l'arte quando ero molto giovane. Vivevamo in campagna e non avevamo la TV. Anche mia sorella maggiore disegnava e io adoravo i suoi schizzi. Ho cercato di essere brava come lei.

Quando avevo quattordici anni, i miei genitori adottivi decisero di darmi via in un altro orfanotrofio in Germania. Era per bambini con disturbi comportamentali. Ero felice di lasciare la mia casa adottiva, quell'inferno in terra ma, d'altra parte, non ero davvero una bambina difficile, mi sentivo solo incompresa e nessuno aveva mai veramente provato a parlare con me delle mie radici. Tutto quello che hanno detto è stato: "Sei in Germania ora. Il modo migliore per te sarà dimenticare il tuo passato!”

Dall'età di quattordici anni, ho vissuto per me stesso e ci sono state molte cose cattive che ho fatto di cui non vado molto orgoglioso: abuso di droghe, attività criminali e così via. Per quanto mi riguarda, mi sono sentito finalmente accettato in quella comunità di "cattivi" e volevo essere uno dei peggiori di loro per ottenere il loro rispetto. Quello era davvero il modo sbagliato di vivere e mi sono svegliato quando avevo 18 anni.

È stato in prigione che ho avuto questo risveglio. Stavo lottando perché ho sempre camminato su due strade nella mia vita: la prima è stata quella ufficiale da bravo ragazzo, la seconda è stata quella oscura. Ero molto accettato sulla scena criminale ma alla fine ho deciso da solo. Ho potuto vedere che un lato ha sempre influenzato l'altro. Ero solo seduto su una sedia e mi sono detto: "Devi fare la cosa giusta - puoi decidere tra quella cattiva e quella buona - ma devi farlo con tutto  la forza nel tuo cuore”. Poi mi sono detto: “Proviamo ancora una volta a fare il bravo”. Da allora tutto è cambiato. Ho smesso di contattare i vecchi amici, ho fatto un taglio e ho ricominciato la mia vita.

Ho parlato di nuovo con i miei genitori adottivi e ho detto loro che cercherò di fare le cose giuste ora e per favore, potrebbero supportarmi perché volevo andare a studiare Fashion Design. La scuola era molto costosa e non avevo i voti per andarci, ma ho sostenuto il test dell'Università e con le mie capacità di disegno ho raggiunto un risultato che nessuno aveva mai raggiunto prima. Quindi l'università mi ha permesso di entrare in modo eccezionale e mi sono laureata come stilista.

Questa laurea è stata la prima cosa che ho finito regolarmente.

Ho terminato il mio corso di fashion design nel 2009 e successivamente ho deciso di guadagnare con il content marketing e il marketing online nel settore della moda. Ho migliorato le mie capacità di marketing online e ho realizzato molti progetti negli ultimi 9 anni. La parte creativa di me non è mai scomparsa: era solo in attesa e dormiva dentro di me.

Amore e disperazione: mostra il momento subito dopo la nascita in cui una madre sa che non può tenere per sé quel qualcosa di adorabile. Decide di donare il proprio sangue. Un conflitto interiore di amore e disperazione.

A quanto pare, non sono mai stato il cattivo ragazzo e c'era sempre la persona vera dentro di me, quella che sono adesso. C'erano così tante cose nella mia prima infanzia che sono andate storte e io ero in quel cerchio a cui non potevo sfuggire perché all'epoca nessuno me lo mostrava. Sono stato io a dover lottare per tutto ciò che ho ora e ho iniziato a credere in Dio, non a causa della Sacra Bibbia, ma perché c'erano così tante cose che mi hanno aiutato a essere un uomo buono. Nessuno avrebbe potuto portare e rimuovere tutte le mie ferite dentro se non un Potere Superiore.

Ho sempre avuto molti amici. Sono sempre stato il forte che ha combattuto per i diritti dei deboli. Questo è il motivo per cui ho avuto così tanti problemi con la legge, perché stavo lottando per aiutare gli altri.

Con la mia arte, posso sentire molto di ciò che gli altri condividono con me. Tutte le opere d'arte provengono da storie diverse. Alla fine, tutti i miei clienti hanno le lacrime agli occhi quando presento loro l'opera d'arte personalizzata con la mia interpretazione. Per creare questi pezzi, parlo con loro della loro storia di vita e dopo di che costruisco il mio profilo di quell'individuo. Senza eccezioni, si chiedono come diavolo posso entrare nel loro cervello e nelle loro emozioni e conoscerli come persona, a volte più di molti dei loro amici che conoscono da anni. Non so come posso farlo, ma succede.

Se ho la sensazione giusta, inizio l'opera d'arte e la penna scorre semplicemente sulla carta. Non c'è nessun motivo prima di iniziare – penso solo a qualcosa che voglio disegnare in combinazione con quello, ma a volte cambia mentre disegno perché penso che possa rappresentare meglio i sentimenti.

Ecco alcuni messaggi originali sulla mia opera d'arte da coloro con cui ho lavorato:

Sto singhiozzando con lacrime meravigliose!!! (Maria)

Lo adoro.

Non posso credere che tu l'abbia finito così rapidamente.

Come? Come hai questo dono e mi conosci da pochi messaggi?!

Non ho parole. Questo è bellissimo! Voglio davvero stamparlo e incorniciarlo.

Riesci a leggere le persone abbastanza bene e sei stato molto preciso con la tua percezione di me! 

L'intero concetto e la tua visione sono semplicemente... completamente incredibili! 

Non potrò mai ringraziarti abbastanza... questo mi fa venire le lacrime agli occhi. Quello che non sono riuscito a esprimere, l'hai fatto benissimo.

Messaggi come questi sulla mia arte mi danno più forza e potere per migliorare le mie capacità di disegno per rappresentare più adottati e le loro esperienze di vita.

Sono un imprenditore e fondatore della mia attività (vino e marketing online) ma per ora mi concentro sul marketing online, sulla consulenza e sulla mia arte.

Puoi seguire l'opera d'arte di Jona su Instagram o Facebook.

lascia un commento cancella risposta

Pubblicazione....
Italiano
%%piè di pagina%%