Il discorso di Analee ai genitori adottivi

Forum per l'adozione
Griffith – ACT
23 maggio 2003

“Va bene, posso avere una alzata di mano di chi qui conosce il luogo in cui sono nati? Grande. Ora tieni la mano alta se pensi che quel luogo di nascita, o sapere che sei venuto da quel luogo, abbia plasmato chi sei oggi. Ad esempio, potresti essere in caserma per la squadra di calcio locale o potresti essere coinvolto in uno dei gruppi della comunità locale lì; basta alzare la mano, se credi che in qualche modo la tua personalità sia stata plasmata, anche in minima parte, dal fatto che sei nato in quel luogo. Alza la mano se sei orgoglioso del posto da cui vieni. Ora, puoi immaginare di non sapere da dove vieni. Ti senti diverso? Forse, meno sicuro di chi sei? Come se mancasse qualcosa? Benvenuti nel mio mondo e in quello di un adottato internazionale”.

I genitori adottivi devono essere consapevoli dei problemi che derivano dall'adozione di un bambino da un altro paese. La situazione è unica e di conseguenza produce dei problemi esclusivi. Essere genitori da soli è una sfida ENORME. Quindi le persone che vogliono adottare un bambino di un altro paese devono prima di tutto rendersi conto e capire davvero che sarà ancora più una sfida.

L'amore incondizionato per un bambino adottato da un altro paese è essenziale. Ma da solo non basta.

L'impatto dell'adozione su di me è documentato in Il colore della differenza. Ma la storia che racconto lì ci porta solo fino all'anno 2000. E per me, quella storia è stata solo l'inizio della mia personale indagine sugli effetti della mia adozione sullo sviluppo del mio io interiore.

Quindi, piuttosto che ripassare ciò che puoi o hai già letto nel libro, vorrei condividere con te la continuazione della mia storia, riprendendo da dove finisce il libro.

Sono davanti a te, una donna di quasi 30 anni, adottata dal Vietnam all'età di 10 mesi in una famiglia australiana incondizionatamente amorevole. Ho ricevuto una scuola privata, ho amicizie sincere e di lunga durata sia con maschi che con femmine, ho successo nella mia vita professionale e non ho mai subito abusi. Quindi, considerando questa felicità che le persone chiamano la mia vita, ti aspetteresti mai che io stia qui e ti dica onestamente che mi sento indegno di essere amato? Probabilmente no.

L'unico incidente importante che abbia mai vissuto nella mia vita è l'adozione, eppure, come donna adulta, mi sento indegna di ricevere amore. Suggerirei che i due siano correlati.

Ti consiglio di leggere un libro stimolante chiamato La ferita primordiale di Nancy Verrier. Esplora gli effetti della separazione sui bambini dalla madre biologica. È interessante notare che molti dei modelli di comportamento documentati in quel libro sono quelli che mostro nella mia vita. Ora se attribuisco la manifestazione di questi comportamenti all'essere il risultato della separazione dalla mia madre biologica è un altro forum, ma, come minimo, è molto casuale! Questo libro affronta l'adozione in generale, e non specificamente l'adozione internazionale o transrazziale, ma i comportamenti citati sono reali e comuni a molti adottati internazionali. Non devi prenderlo tutto a bordo, ma è sicuramente una lettura utile, anche solo come spunto di riflessione.

Ho quasi 30 anni – così dicono – e sento e vivo ancora la realtà di avere una paura radicata dell'abbandono. Sono insicuro nelle mie relazioni e devo ammettere che ho poca o nessuna fiducia nella longevità dell'amore intimo per me stessa. È strano perché i miei genitori sono felicemente sposati da 43 anni, quindi so che può succedere; È solo che non ho fiducia che lo farebbe per me.

Se non mi sento necessario in una relazione o amicizia, allora mi sento insicuro. In passato, la mia strategia inconscia era di solito cercare di rendermi necessaria/amata/necessaria/amata/indisponibile. Basti dire che sono un ottimo impiegato!

L'insicurezza che provo nelle mie relazioni deriva dall'essere abbandonata alla nascita. C'è qualcosa nella mia psiche, e nel subconscio di molti altri adottati, che dice: "Devo essere stata una persona cattiva perché mia madre non mi volesse / mi scarti / mi abbandoni / mi lasci". Ora ovviamente non esistono cose come i bambini "cattivi". Ma molti adottati sentono che, poiché sono stati abbandonati alla nascita, devono essere indegni di essere veramente curati.

Per cercare di assicurarmi che le persone non mi lasciassero, sono cresciuto dimostrando comportamenti che pensavo le persone volessero che suscitassi. Sono cresciuto come un piace alle persone; spesso facevo di tutto per accogliere qualcun altro, anche se era completamente scomodo. Ho sempre temuto di mostrare le mie imperfezioni o di incoraggiare il conflitto per paura che allontanasse anche le persone. E questo tipo di comportamento fa ancora capolino nella mia vita attuale. Ma sto migliorando nel dire "no"!

Sono cresciuto con l'assoluta convinzione che chiunque e chiunque amo alla fine sceglierà di lasciarmi. Questa è la convinzione che mi ha costretto a sabotare prematuramente più di una relazione nella mia epoca; la teoria del "dovrei entrare prima che lo facciano loro" era una parte importante delle mie relazioni intime fino a soli due anni fa. Tutto quello che posso dire è che sono contento di aver capito QUELLO, anche se mi ci è voluto un po'!!

In questi giorni, la mia radicata paura di essere abbandonata influenza ancora il mio rapporto con i miei genitori. I miei genitori adottivi mi amano più di quanto chiunque possa sperare che i loro genitori li amino. Ma ad essere onesti, non sanno CHI sono. Non conoscono il vero me, i miei pensieri, i miei sogni, i miei desideri, le mie paure perché non riesco a mostrargli tutte quelle cose. E le ragioni di ciò sono duplici:

1) Non ho mai mostrato loro chi sono nel caso non gli piacesse quello che vedevano e volessero scartarmi. Quindi quello che ho cercato di essere la figlia 'ideale'; mai fastidioso, impegnativo o difficile. Era il mio modo per assicurarmi che sarebbero stati orgogliosi e quindi non avrebbero avuto motivo di abbandonarmi. E il nostro rapporto è ancora prevalentemente così. Lentamente, mi sto fidando di più di loro con il "vero" me, ma mi sento ancora più a mio agio a tenerli a distanza di braccia.

2) Penso che in fondo, in fondo, non riesco ad avvicinarmi a loro perché un giorno se ne andranno; il mio subconscio cerca di proteggermi impedendomi di avvicinarmi troppo perché alla fine, un giorno, moriranno e perderò i miei genitori. Ancora. Per la seconda volta in questa vita.

Credo che queste siano le ragioni per cui evito di essere emotivamente aperto e vicino ai miei genitori. Mi sento più a mio agio a confidarmi con loro via e-mail o telefono. Di persona, mi arrangio. Per me, c'è un netto senso di sicurezza nella comunicazione non faccia a faccia con loro. Come mai? Non ne sono sicuro.

È interessante notare che anche le mie amicizie sono molto simili. Sono una persona molto difficile da conoscere perché non rivelo molto. Tendo a incoraggiare le persone a parlare di se stesse, quindi non devo esporre molto su di me; la logica è che se non mi conoscono, allora non possono giudicare se gli piaccio o no e quindi non possono avere un motivo per lasciarmi. E devo ammettere che sono anche estremamente a disagio nel condividere i miei amici. Una delle mie più grandi paure, anche quando ho quasi 30 anni, è presentare i miei amici l'un l'altro perché quando si incontrano e scoprono quanto sono fantastici, allora divento insicura che non avranno motivo di essere miei amici. È un comportamento davvero bizzarro, lo so, ma è la mia vita!

Come puoi vedere, può essere davvero stancante essere un adottato all'estero. Puoi passare così tanto tempo ad essere la persona che pensi di dover essere e ad adattare i tuoi personaggi per riflettere il gruppo di persone o l'ambiente in cui ti trovi, che corri il rischio di non scoprire mai chi sei veramente.

Un altro problema comune tra gli adottati internazionali è la lotta in corso per abbinare il nostro esterno al nostro interno. Con questo intendo dire che guardiamo in un modo, ma ci sentiamo in un modo completamente diverso. Vediamo se riesco a spiegare cosa intendo:

“Va bene, per alzata di mano, chi guida qui un'auto con targa ACT? Ok, per quelli che non lo fanno, ho bisogno che tu, solo per un momento, faccia finta di sì. Quindi immagina, se ne hai bisogno, che la situazione sia questa – tu risiedi qui a Griffith e guidi un'auto – qualunque sia l'auto che il tuo cuore desidera (la mia è un'Audi TT decappottabile!) – quell'auto ha targa ACT su di essa. Quindi guidi con queste targhe e ti senti benissimo perché sei del posto e vivi qui nell'ACT e le tue targhe lo confermano.

Ma poi un giorno, la tua auto deve andare dal meccanico e il meccanico ti dà un'auto di cortesia con targa del Queensland. E devi guidare questa macchina per, diciamo, una settimana. Quindi per una settimana tutti nell'ACT che ti vedono per strada e che non ti conoscono personalmente, presumono che tu sia di QLD. Come pensi che potresti sentirti con le persone che fanno questa supposizione su di te? Speciale? Orgoglioso? Misterioso? Si vergogna? Imbarazzato? Costretto a spiegare la vera storia alle persone?

E se poi il meccanico ti chiamasse e ti dicesse che la tua auto non era riparabile e che dovevi andare in giro con l'auto di cortesia per sempre? Cosa pensi che potresti voler fare? Leggi di immatricolazione a parte, lo accetteresti e impareresti a convivere con persone che ti assumono e ti giudicano in base alle targhe di immatricolazione? O li cambieresti?"

È un pensiero interessante, vero? Per molti, essere adottati da una cultura all'altra è come vivere con le targhe di qualcun altro. Sembriamo appartenere a una cultura, quindi le persone che non ci conoscono presumono che lo facciamo, quando in realtà apparteniamo a un'altra. sembro asiatico. Ma io sono un australiano (compagno!). All'esterno sembro asiatica, ma all'interno mi sento come una surfista bianca, con i capelli biondi e gli occhi azzurri. Quindi puoi immaginare il tumulto che alcuni adottati provano a stabilire un collegamento agevole e confortevole tra il loro aspetto e come si sentono. Soprattutto quando l'adottato è cresciuto senza alcun orgoglio legato alla propria cultura di nascita o al proprio paese.

Solo di recente ho iniziato a possedere la mia cultura di nascita e sono orgoglioso di attaccarmi al paese di nascita di cui non so nulla. Fino a poco tempo fa, diciamo l'anno scorso, non avevo alcun interesse a possedere il Vietnam come parte di me. Ma ora posso e lo faccio. E si sente benissimo.

L'impatto dell'adozione internazionale sui fratelli è un'altra questione che i genitori dovrebbero considerare. Ho tre fratelli maggiori, tutti nati naturalmente dai miei genitori, ognuno con i capelli rosso fuoco e tutti considerevolmente più grandi di me. Ricordo solo di aver vissuto con il fratello più giovane, che ha cinque anni più di me, e ripensandoci ora, penso che abbia avuto difficoltà ad avermi come sorella. Ha causato un po' di dolore ai miei genitori mentre cresceva; mi sono drogato, ho avuto problemi con la legge e sospetto che parte di questo comportamento di ricerca di attenzioni fosse dovuto al fatto che sono stato al centro dell'attenzione della famiglia per così tanto tempo. Ho sviluppato un così travolgente senso di gratitudine verso i miei genitori, per avermi dato la vita che hanno fatto, che la mia risposta alle azioni dolorose di mio fratello è stata molta animosità e rabbia nei suoi confronti. Non capivo come potesse fare del male consapevolmente ai miei genitori, e di conseguenza mi ci è voluto molto tempo per perdonarlo per averlo fatto; è stato forse solo circa cinque anni fa che potevo apprezzare quello che avrebbe potuto passare e perdonarlo davvero per le sue azioni.

È stato quel senso opprimente di gratitudine che ho portato con me per tutto questo tempo, che mi ha impedito di essere curioso della mia storia di nascita. Ho una famiglia così grande che l'ultima cosa che vorrei fare sarebbe ferirli o offenderli. E così non ho mai intrattenuto il pensiero di esaminare la mia storia o cultura perché ho pensato che sarebbe stata la cosa sbagliata da fare, da parte loro. E forse per certi versi, è proprio per questo che ero così disgustato da qualsiasi accenno alle mie origini. Penso che in un certo senso, ho usato il mio comportamento come simbolo della mia lealtà alla mia famiglia. Nel profondo sospetto che il mio subconscio stesse pensando 'se accettassi apertamente di essere vietnamita e mostrassi interesse per la mia storia di nascita, allora sicuramente la mia famiglia mi considererebbe ingrato? E chi vorrebbe tenere qualcuno che è ingrato? Specialmente dopo tutto quello che hanno fatto?' Ora so che ovviamente non mi avrebbero lasciato, ma le paure erano molto evidenti e reali in quel momento.

La mia famiglia è così favorevole a qualunque cosa io voglia fare riguardo alla mia adozione. E sono lieto di dirvi che tornerò per la prima volta in ottobre, per festeggiare i miei 30nscompleanno. Ho intenzione di vivere il luogo da cui provengo e potrei anche vedere se ci sono tracce storiche del mio tempo lì.

Sono così orgoglioso di essere quello che sono oggi, anche se ho ancora molti problemi da risolvere e molto sviluppo da realizzare, sono davvero orgoglioso di stare davanti a te, una donna di quasi 30 anni, adottata a l'età di 10 mesi in una famiglia australiana incondizionatamente amorevole, aiutandoti a comprendere meglio i problemi unici associati all'adozione internazionale e transrazziale.

Il solo fatto di essere consapevole che queste cose esistono ti rende molto più avanti dei genitori che hanno adottato la mia generazione.

In sintesi, penso che i messaggi da portare a casa per i genitori adottivi siano:

· Assicurati che tuo figlio abbia contatti con altre persone nella stessa situazione o in una situazione simile. Puoi farlo attraverso le reti ICASN e PARC.

· Rendere la cultura del parto accessibile al bambino fin dall'inizio. Non forzarli, ma assicurati che sappiano quanto te, da dove vengono e coltivino un po' di orgoglio per la loro cultura di nascita.

· Riconosci il fatto che tuo figlio ha un aspetto diverso dal resto della famiglia parlandone con tutti i membri della famiglia. Avere un forum aperto in cui tutti possano dire tutto ciò che sentono senza ripercussioni o giudizi. E renditi conto che sia i tuoi fratelli naturali che i tuoi figli adottivi potrebbero ricevere un trattamento scadente dagli studenti durante l'orario scolastico; parlare di razzismo e affrontare questi problemi man mano che si presentano, oltre che in anticipo. Una comunicazione aperta e onesta è fondamentale in ogni famiglia, ma è assolutamente essenziale per un'esperienza di adozione positiva.

· Sii consapevole delle tue motivazioni per l'adozione e di come ciò si traduce durante la comunicazione con tuo figlio. Ad esempio, le coppie infertili possono inconsapevolmente promuovere l'adozione come seconda preferenza (ad esempio, "beh, non potevamo concepire naturalmente, quindi abbiamo pensato di adottare"); pensa a come potrebbe sentirsi il tuo bambino adottato a sentire questo? Allo stesso modo, se annunci che stai adottando perché vuoi "salvare" qualcuno o dare un contributo filantropico, allora il tuo bambino adottato sarà inavvertitamente fatto sentire estremamente grato?

· Ricorda che tuo figlio potrebbe anche non sapere che questi problemi risiedono in lui. Non ho mai capito perché mi sono comportato come ho fatto; non mi sono mai chiesto perché volessi accontentare tutti o perché facessi di tutto per far ridere o piacere la gente; Mi sono solo sentito obbligato a farlo. Non ho mai pensato al motivo per cui non gravitavo intorno alle persone asiatiche, sapevo solo che non mi sentivo a mio agio con loro. Come ogni bambino, tuo figlio o tua figlia adottivo non sapranno cosa motiva il loro comportamento. Ma voi, come genitori adottivi, dovete essere consapevoli di tutti i problemi associati alla situazione e riconoscere che alcuni o tutti o, se siete fortunati, non molti di loro alzeranno la testa durante la vita di vostro figlio. Consapevolezza ed educazione è la cosa migliore che puoi fare per tuo figlio.

Grazie per l'attenzione.


lascia un commento cancella risposta

Pubblicazione....
Italiano
%%piè di pagina%%