Riunione dei consulenti DSS

NO.jpg

Il 14 maggio 2018, l'ICAV ha incontrato il consigliere del ministro Dan Tehan, Wendy Summers.

L'incontro è stato in risposta alla decisione del Dipartimento dei servizi sociali del governo federale australiano (DSS) di non finanziare più il servizio di ricerca per l'adozione internazionale e la riunificazione (ICATRS) di ISS Australia per gli adottati internazionali, istituito nel 2016.

Partecipanti:
Lynelle lungo (ICAV)
SueYen Bylund (ICAV)
Wendy Summers (consulente senior DSS)
Jo Manning (Rappresentante Dipartimento DSS)

L'ICAV ha chiesto la motivazione della decisione di sopprimere il finanziamento. Ci è stato riferito il motivo delineato nella lettera standard che ci è stata inviata in risposta alle nostre richieste di riesame della decisione.

Il Dipartimento dei servizi sociali (DSS) ha fornito a ISS Australia un finanziamento una tantum per istituire l'ICATRS nel 2016-17. In riconoscimento della domanda del servizio superiore alle aspettative, DSS ha fornito a ISS Australia un'estensione di un anno per ICATRS nel 2017-18.

Il Dipartimento ha visto questo finanziamento una tantum e un'opportunità per gettare le basi dei servizi di rintracciamento e riunificazione in Australia. Il Dipartimento ha informato che non esiste alcuna opzione per ulteriori finanziamenti del governo australiano per l'ICATR.

Prendo atto che i due anni di finanziamento che ISS Australia ha ricevuto le hanno permesso di istituire un servizio che è stato accolto favorevolmente dagli adottati internazionali e dalle loro famiglie. Ho incoraggiato ISS Australia a costruire su questa base considerando modelli di finanziamento alternativi" (aprile 2018).

L'ICAV ha chiesto di capire se c'è mai stata una richiesta al Ministro per uno specifico Finanziamento Ministeriale di questo servizio, dopo i nostri incontri del 2015 con i Senior Advisor della Presidenza del Consiglio dei Ministri in cui abbiamo parlato dell'enorme bisogno di supporto alla ricerca. In quanto adottati all'estero, richiediamo assistenza da governo a governo per molte delle nostre ricerche. Per le adozioni precedenti agli anni '80 in cui non esistevano processi formali di adozione, abbiamo bisogno dell'assistenza del governo per ottenere documenti e trattare con paesi in cui gli agenti di adozione non esistono più.

Dato che c'è un budget di AU$33.6m stanziato dal precedente governo Abbott per i futuri servizi ai genitori nell'adozione internazionale per il 2014-2019, e ci sono oltre 10.000 adottati internazionali registrati in Australia, segnaliamo perché non ci sarebbe potuto essere uno specifico richiesta di soddisfare il nostro servizio ragionevolmente piccolo (in confronto) e perché questo non può essere considerato dato che il periodo di finanziamento non è ancora terminato. La nostra richiesta è stata annotata.

Abbiamo parlato della necessità che il ministro risolva l'accordo Commonwealth-Stato in cui attualmente è responsabilità degli Stati fornire supporto post adozione. Segnaliamo l'impraticabilità di questo accordo, dato che la ricerca richiede rapporti da governo a governo e che attualmente è DSS che possiede la responsabilità del Country Program Management di mantenere relazioni in corso con i nostri paesi di nascita.

Abbiamo anche parlato dell'attuale clima del Commonwealth che riconosce e corregge altri gruppi simili: The Forced Adoption Apology, The Stolen Generation, The Forgotten Australians e ora, più recentemente, le Institutional Responses to Sexual Abuse. Vorremmo che il governo australiano prendesse in considerazione gli adottati che sono entrati in questo paese con mezzi altamente discutibili e talvolta del tutto illegali e consideri come verrà loro risposto. Segnaliamo che abbiamo sollevato questo problema diverse volte nel corso degli anni e che questo gruppo sta crescendo di numero ogni anno man mano che invecchiano e maturano. Ricordiamo loro l'azione legale intrapresa dagli adulti adottati all'estero nei Paesi Bassi.

Esprimiamo che vorremmo lavorare con il Commonwealth per esplorare altre iniziative di ambito più ampio nell'ambito del DSS quando i servizi di nicchia non sono possibili. La loro missione è migliorare il benessere dei bambini e delle famiglie e vorremmo lavorare ulteriormente per esplorare come includere gli adottati. Sembriamo cadere tra le crepe di servizi finanziati simili. Citiamo le scuse per l'adozione forzata e come non siamo in grado di accedere a tali servizi. Non si potrebbe ampliare il campo di applicazione per includere gli adottati internazionali? Diamo l'esempio del più recente invito a presentare proposte per le persone a rischio di dipendenza dal welfare e di disoccupazione di lunga durata e suggeriamo di includere in futuro gli adottati internazionali.

Citiamo i paralleli tra la progenie della maternità surrogata e le tecnologie assistite da donatori. Questi bambini, che crescono, e come gli adottati all'estero, vorranno gli stessi supporti che chiediamo, nel cercare di capire le proprie origini e nella ricerca dell'identità. Negli anni a venire, il nostro governo deve pensare e pianificare in anticipo per considerare come saranno supportati questi gruppi vulnerabili, attraversando i confini internazionali e richiedendo la cooperazione da governo a governo. Qual è il ruolo e la responsabilità del governo se facilita e sostiene le famiglie che si creano con questi mezzi.

Li ringraziamo per il loro tempo. I nostri 30 minuti sono davvero finiti.

Quindi la lunga storia breve è: S ti sentiamo, ma la risposta è ancora NO con un po' di Forse per uno sguardo ad altre strade su come gli adulti adottati all'estero possono essere inclusi in altre iniziative più ampie.

Italiano
%%piè di pagina%%