Il mio viaggio di adozione

di Anna Grundström, adottato dall'Indonesia alla Svezia.

Non molto tempo fa pensavo alla mia adozione non come un viaggio, ma una meta. Sono finito dove sono finito, ed era chiaro fin dall'inizio che non ci sarebbero mai state risposte al perché. Le mie domande sono passate in secondo piano e sono rimaste lì per anni, osservando una corsa a cui non mi legavo, i miei inizi.

Circa due anni fa, in qualche modo sono passato dal sedile posteriore al sedile del conducente e ho messo entrambe le mani sul volante. Anche se non c'erano ancora risposte alle mie domande, mi sono reso conto che potevo ancora farle.

Sono arrivato a capire che chiedere non significa sempre ottenere una risposta sbagliata o giusta, o addirittura una risposta, in cambio. Chiedere significa riconoscere me stesso, i miei pensieri e sentimenti. Dare il permesso di chiedersi ad alta voce, di essere sconvolti, arrabbiati e frustrati. Per riconoscere la perdita di cose, luoghi e persone. E a volte ci sono risposte, così sottili che quasi mi mancano: come notare come mi lamento quando il sole sorge per la prima volta al mattino, o come un particolare senso di desiderio mi pervade la schiena quando inalo un profumo casuale.

C'è qualcosa nel riconoscere la perdita del nostro passato come adottati, nominarlo, incarnarlo, anche se non sappiamo perché o come. Da qualche parte all'interno del nostro corpo lo sappiamo. Da qualche parte nel corpo è tutto ancora lì. Festeggiare, soffrire e accettare: fa tutto parte del mio viaggio di adozione.

Anna offre laboratori creativi e di movimento guidato per gli adottati: dai un'occhiata a lei sito web per vedere cosa sta succedendo!

lascia un commento cancella risposta

Pubblicazione....
Italiano
%%piè di pagina%%