Voci contro le adozioni illegali parlano alle Nazioni Unite

Il 10 marzo 2022 ho avuto l'onore di presentare in inglese una breve presentazione di 10 minuti in rappresentanza della nostra coalizione Voci contro l'adozione illegale (VAIA) al Nazioni Unite.

All'incontro hanno partecipato:
Il Comitato per le sparizioni forzate (CED)
il Comitato sui diritti dell'infanzia (CRC)
il Comitato per i diritti umani (CCPR)
il Relatore Speciale sulla Promozione della Verità, Giustizia, Riparazione e Garanzie di Non Ricorrenza
il relatore speciale sulla vendita e lo sfruttamento sessuale dei bambini, compresa la prostituzione minorile, la pornografia minorile e altro materiale pedopornografico
il Relatore speciale sulla tratta delle persone, in particolare donne e bambini,
e il gruppo di lavoro sulle sparizioni forzate o involontarie.

A causa del lavoro di Racines Perdues Raíces Perdidas e Ritorno alle origini, la nostra coalizione VAIA è stata al corrente del lavoro congiunto svolto da questi membri del Comitato delle Nazioni Unite che stanno lavorando su un Dichiarazione congiunta sulle adozioni internazionali illegali.

Questo è ciò che ho condiviso nella mia dichiarazione:

Buona giornata, buona serata a tutti voi!

Mi chiamo Lynelle Long e sono un'adottata internazionale residente in Australia, per procura adottata tramite un avvocato privato, uscita dalla guerra del Vietnam nei primi anni '70.

Vorrei ringraziare tutti voi per l'onore di essere qui e per aver incluso le nostre voci in questa occasione importantissima. Sono stato lieto di leggere la bozza di testo a cui tutti voi avete contribuito. Riflette molti dei punti che abbiamo trattato nel nostro documento sulla prospettiva dell'esperienza vissuta che ho presentato al gruppo di lavoro dell'Aia 2019 sulla prevenzione e la lotta alle pratiche illecite nell'adozione internazionale. Mi scalda il cuore sapere che così tanti di voi sono nostri alleati, per aiutare e incoraggiare gli Stati a rispondere nel modo giusto ed etico alle nostre adozioni illegali e illecite. Grazie!

Il messaggio che la bozza di testo trasmette è assolutamente in linea con ciò che anche noi cerchiamo. La tua azione da questo incontro e se questo testo viene pubblicato, ci dà un raggio di speranza in quello che spesso è sembrato un mare infinito di sgomento e perdita mentre abbiamo passato anni a lottare e difendere noi stessi. È meraviglioso non sentirsi più soli, ma sapere che abbiamo forti alleati che ci sostengono anche. Siamo i bambini per i quali l'adozione internazionale è tutto. Non rimaniamo “bambini” per sempre. Cresciamo per avere la nostra voce e vogliamo parlare e garantire che le lezioni del passato vengano apprese e che le pratiche e la legislazione vengano modificate per evitare che gli stessi torti accadano ad altri e per affrontare e correggere i torti fatti a noi .

Oggi mi presento a voi come Rappresentante per il Voci contro le adozioni illegali coalizione (VAIA)

La nostra coalizione è stata creata da associazioni che si battono per il riconoscimento delle adozioni illegali, del nostro diritto all'origine, per molti hanno bisogno di modifiche legali per sostenerci come vittime e richiedono assistenza istituzionale, statale, diplomatica e consolare per rettificare i torti fatti a noi.

Ci presentiamo ufficialmente oggi alle Nazioni Unite come una coalizione di organizzazioni che formano una campagna della società civile, è un'iniziativa guidata da adottati con esperienza vissuta.

Siamo organizzazioni, associazioni, fondazioni e collettivi non governativi e non finanziati, costituiti da adottati, famiglie biologiche e famiglie adottive.

Insieme abbiamo lanciato una campagna della società civile per difendere i nostri diritti ed è così che ci presentiamo a voi, le Nazioni Unite.

I nostri obiettivi sono:

– chiedere il riconoscimento delle adozioni illegali e il loro riconoscimento come crimine contro l'umanità quando seguono il rapimento, la vendita o la tratta di bambini e vi sono prove sufficienti per dimostrare che sono avvenute nell'ambito di un attacco generalizzato o sistematico contro la popolazione civile .

– presentare le azioni politiche e legali intraprese da ciascuna organizzazione nel mondo.

– invitare gli Stati a impegnarsi in un dialogo con noi sul riconoscimento della responsabilità per quanto accaduto e per ottenere riparazione.

Oggi vorremmo informare i diversi gruppi di lavoro, le Alte Commissioni, i giornalisti speciali, le missioni diplomatiche e gli esperti dei diversi comitati, in particolare il Comitato sui diritti dell'infanzia, il Comitato sulle sparizioni forzate nonché il Comitato per i diritti umani, della situazione internazionale in materia di adozioni illegali in relazione alla tratta di esseri umani.

Riteniamo essenziale che vi sia uniformità nelle risposte a seguito del verificarsi di adozioni illegali.

Riteniamo sia anche anormale che, a seconda del Paese in cui risiede l'adottato, non siamo riconosciuti come vittime.

Vogliamo anche richiamare l'attenzione sul fatto che i procedimenti legali per adozioni illegali si confrontano il più delle volte con problemi che ci impediscono di chiedere giustizia e riparazione. Ad esempio la prescrizione, anche la difficoltà di stabilire i fatti di ciò che è accaduto nei nostri casi quando i registri ci sono tenuti o sono stati distrutti.

Vorremmo che il nostro contributo e le nostre esperienze fossero presi in considerazione dalle Nazioni Unite.

Non vediamo l'ora di vedere la tua dichiarazione finale e faremo del nostro meglio per renderci disponibili a lavorare con tutte le parti interessate per vederne l'attuazione.

Grazie mille per il vostro tempo, per averci ascoltato e per averci permesso di partecipare.

Insieme a Racines Perdues Raíces Perdidas vi terremo informati sullo stato di avanzamento del nostro lavoro presso l'ONU.

Ecco l'elenco delle organizzazioni che lo compongono Voci contro l'adozione illegale (VAIA):

Fondazione Racines Perdues
Cileni adottati nel mondo (CAW)
Collectif adotta Schakel
InterCountry Adoptee Voices (ICAV)
Association Reconnaissance Adoptions Illégales à l'International en France (RAÏF)
Empreintes Vivantes
Piano Angelo
Collectif des adoptés français du Mali
Collettivo dei genitori adottati nello Sri Lanka
Ruanda en Zoveel meer
Associazione DNA Ind
Ritorno alle origini
Collettivo degli adottati dello Sri-Lanka
Protezione dell'identità del bambino

Risorsa:

Documento prospettico ICAV: Suggerimenti per l'esperienza vissuta per le risposte alle adozioni illecite (in francese o inglese)

lascia un commento cancella risposta

Pubblicazione....
Italiano
%%piè di pagina%%