Preso in mezzo

di Katya raggiungere, adottato dall'Ucraina negli Stati Uniti.

“Su tutti i social media vedo persone che postano la bandiera ucraina o russa. Onestamente non potevo portarmi a condividere nessuno dei due.

Non ci sono parole chiare per esprimere il mio profondo dolore e dolore per questa crisi. Il mio cuore va ai cittadini ucraini e russi perché tutti stanno pagando un prezzo e per molti questo è qualcosa che non hanno mai chiesto. Ho contatti con persone dall'Ucraina, persone nelle regioni separatiste e persone dalla Russia. Il pendolo della comprensione da tutti i lati oscilla drasticamente, nel frattempo, ogni giorno cerco di elaborare nuove informazioni ed essere di supporto e incoraggiamento per gli altri.

Per tutta la vita, come ucraino adottato, sono cresciuto credendo di essere ucraino e di essere orgoglioso di queste radici. Dopo essermi riunito con la mia famiglia natale quasi tre anni fa, ho appreso che la mia famiglia natale ha forti radici russe. Il suolo ucraino su cui ho camminato da bambino è diventato una regione dell'Ucraina controllata dai separatisti filorussi.

Guardo alla mia sinistra e piango la sofferenza degli sfollati ucraini con i quali ho legami personali. Eppure sono stupito dal sostegno e dalla generosità dei paesi vicini nell'accogliere così tanti rifugiati ucraini e portare aiuti umanitari.

Guardo alla mia destra e vedo anche la mia stessa famiglia natale che soffre e si nasconde per la cara vita nei rifugi antiaerei e negli scantinati, rimanendo nella terra che chiamano casa; una terra che ha sofferto fino a questo momento 8 anni di conflitto. Sono aggrappati alla speranza che questa sarà la svolta finale.

Nel frattempo, ho anche amici che sono cittadini russi e si vergognano delle loro radici. Questa crisi in Ucraina è completamente sviante e disgustosa solo per essere testimone, per non parlare di viverci.

Ho momenti in cui mi sento così sopraffatto e le emozioni si alternano. Cerco di non lasciare che ogni nuovo dettaglio alteri la mia prospettiva. La mia famiglia è così paziente con me mentre elaboro e cerco chiarezza. La vita quotidiana continua attraverso questo squilibrio. E mentre questo è un aspetto importante della mia vita, è ancora solo uno dei tanti altri aspetti. È stato fondamentale per me creare spazio per me stesso e persino spazio per risate e divertimento in questi tempi difficili.

Mentre il mio legame più profondo con questa crisi è la mia famiglia natale che vive in essa, capisco anche che c'è un quadro molto più ampio che ha un impatto sul nostro mondo e le ramificazioni di questa crisi dureranno molto più a lungo di qualsiasi notizia.

So che il mio ruolo in questo è molto più di un semplice spettatore. Sto pregando affinché il mondo veda i miracoli di Dio attraverso tutto questo. Nel mezzo del caos tutto intorno a me, mi viene in mente la fedeltà del Signore in un'abbondanza di pace nella mia anima che va oltre la comprensione mentre imparo a fidarmi di Dio per ciò che è fuori dal mio controllo. La sua grazia è sufficiente. Prego affinché questa stessa pace dimori nei cuori afflitti di molti altri. Sebbene ci sia una grande divisione nel nostro mondo, crisi come queste hanno anche un modo unico di unificare gli individui. Sono nate conversazioni molto significative poiché le persone sono state così gentili da raggiungere il supporto. Preghiere continue e sostegno per tutti coloro che sono colpiti”.

lascia un commento cancella risposta

Pubblicazione....
Italiano
%%piè di pagina%%