Il significato degli occhi adottati

di Alexis Bartlett, adottato dalla Corea del Sud all'Australia; il loro progetto artistico adottato può essere trovato su Arte di Alexis Bartlett.

Gli occhi di YoungHee di Alexis Bartlett

Continuando con i miei ritratti adottati e disegnando molti occhi ultimamente, mi ha fatto pensare alla mia storia e alla mia storia, gli occhi che giocano un ruolo strano.

Ho sempre odiato i miei occhi mentre crescevo. Parte della difficoltà di crescere come adottati è che vogliamo solo essere come quelli che ci circondano. Mi ha sempre deluso quando mi guardavo allo specchio e vedevo questi occhi marroni e coreani che mi fissavano perché non erano niente come quelli intorno a me, o quelli che dovevano essere la mia famiglia. Attraverso ancora periodi in cui voglio davvero fare il famigerato intervento chirurgico all'occhio coreano (per farmi una doppia palpebra, e quindi l'illusione di occhi più grandi e meno asiatici) perché penso che ci sarà sempre una parte di me che posso Non abbracciare completamente per quello che sono. Ma ora ho un ragazzino che mi guarda come una mamma; un ragazzino che voglio che cresca amandosi così com'è. E sento che sarebbe solo contraddittorio per me alterare me stesso dicendogli che dovrebbe amarsi per come è.

È così difficile, ma l'amore per se stessi è così importante. Ed è così difficile da avere quando vieni adottato perché non solo sai (da un'età MOLTO giovane) che c'era qualche ragione per cui non eri voluto, ma cresciamo con persone che non somigliano per niente a noi. Può sembrare banale, ma credetemi, non lo è. La rappresentazione è importante, in particolare provenienti da coloro che dovrebbero essere più vicini a te. Comunque, YoungHee qui, ha degli occhi fantastici.

Per vedere altri ritratti degli adottati di Alexis, dai un'occhiata, fai clic su ciascuna immagine.

Per coloro che non accedono a Facebook, ecco alcuni di ciò che Alexis ha condiviso per questi ritratti come riflesso del suo viaggio:

“È bello dipingere persone che sono “come me”. Sto solo venendo a patti con... me stesso, in molti modi. Per tutta la vita ho cercato di concentrarmi sul trauma dell'adozione; qualcosa che si è manifestato in vari modi nel corso degli anni. Ero un ragazzo terrorizzato e solo (anche se, per essere onesti, amo la solitudine) che voleva essere accettato ma non poteva esserlo perché non avrei mai potuto accettarmi ed essere semplicemente me stesso".

“Molte persone non vogliono ascoltare le esperienze degli adottati; si stanno confrontando troppo, troppo sfidando gli ideali felici con cui le persone vengono adottate. Molti di noi sono arrabbiati per l'incomprensione, essendo stati messi a tacere dal lato felice dell'adozione in cui le persone vogliono credere".

“Ero un bambino molto solo. Ho sempre trovato difficile, se non impossibile, stringere amicizie genuine con le persone e ho sempre saputo di essere diverso dalla mia famiglia adottiva; molti dei quali mi escludevano dalle cose, comunque. L'arte era tutto ciò che avevo, per la maggior parte del tempo.

“Per me appartenere è sempre stata una lotta. Ora ho la mia piccola famiglia dove finalmente ho un vero senso di appartenenza, ma a parte questo, è piuttosto scarso. Recentemente sono stato reso molto consapevole del fatto che non apparterrò mai o non mi adatterò mai alla mia famiglia biologica, e non mi sono mai nemmeno adattato veramente alla mia famiglia adottiva. Trovare la comunità coreana degli adottati è stato immensamente importante per me e mi sento molto onorato di poter condividere le esperienze e le storie dei miei compagni adottati. Grazie ragazzi."

lascia un commento cancella risposta

Italiano
%%piè di pagina%%