Qual è il futuro dell'adozione internazionale?

Questo è stato presentato da Lynelle Long al webinar Child Identity Protection (CHIP) venerdì 18 febbraio 2022, l'argomento del webinar era: Rispettare il diritto all'identità del minore nell'adozione internazionale (alle 2:49:30 sulla registrazione video).

Nella mia modesta prospettiva, credo che il futuro dell'adozione internazionale stia lentamente volgendo al termine. Personalmente ne sono felice, così come lo sono un vasto numero di adulti adottati internazionali in tutto il mondo. Riconosco però che non tutti gli adottati sono d'accordo con la mia felicità né vogliono vedere la fine dell'adozione internazionale. L'argomento che pongono è probabilmente che abbiamo guadagnato e beneficiato molto e perché dovremmo impedire agli altri di avere lo stesso?

Sostengo che stiamo derubando attivamente i paesi della loro risorsa più preziosa – i loro figli – quando approfittiamo, con i nostri privilegi e risorse, per trarre vantaggio dalle loro vulnerabilità. Dobbiamo fare di meglio: fare ciò che è eticamente giusto, quando sappiamo con il senno di poi che gli esiti positivi casuali non giustificano l'enorme quantità di traumi che è stata inflitta a così tanti.

Abbiamo visto alcuni paesi in Europa iniziare ad assumersi la responsabilità indagando in modo indipendente sulla storia dell'adozione internazionale e venire a patti con i torti fatti a così tanti. Il COVID ha anche creato un freno naturale al commercio di bambini, ma negli ultimi decenni gli sforzi degli adottati internazionali e dei nostri alleati sono aumentati fino a culminare in un riconoscimento mondiale che l'adozione internazionale come esperimento sociale non ha avuto lo stesso successo di molti sperato che.

Se dovessi chiedermi come sarà il futuro dell'adozione internazionale, non potrei mentire e fingere di sostenere la fantasia che molti sembrano avere con l'adozione. Dal punto di vista della vita, troppi di noi adottati internazionali hanno lottato e sofferto per tutta la vita le conseguenze di essere stati derubati delle nostre origini, dei nostri parenti, del nostro paese, della cultura e della lingua.. è tempo di dare uno sguardo onesto e critico a ciò che è internazionale l'adozione lo fa davvero. È l'UNICA opzione di accoglienza alternativa che recide in modo proattivo il nostro diritto all'identità e alle relazioni familiari, tranne nei casi di alcuni paesi (Vietnam, Belgio e Francia) che consentono Adozione semplice esistere.. ma in realtà è estremamente raro avere una semplice adozione internazionale. 

Posso solo valutare il futuro e ciò che porta, da dove ci siamo spostati e spostati negli ultimi 24 anni in cui sono stato attivamente coinvolto. Ho visto il grande cambiamento che ha subito la mia comunità di adottati nei 24 anni in cui sono stato coinvolto:

  • Dall'essere completamente isolati l'uno dall'altro, all'essere massicciamente connessi ora!
  • Dall'essere nella nebbia, al totalmente risvegliato alla realtà delle strutture che hanno creato le nostre vite.
  • Dall'affidarsi a scartoffie fabbricate ingannevoli, all'abbracciare la tecnologia del DNA perché non mente.
  • Dal non voler impegnarsi nella politica, all'impegnarsi completamente e cercare / esigere un impegno con il governo e le autorità.
  • Dal non comprendere i nostri diritti, al trovare ora percorsi per difendere i nostri diritti attraverso le leggi e chiedere giustizia e riparazione. 

Questo è ciò che mi eccita di più .. vedere i tanti adottati che chiedono giustizia che sono ispirati dal successo dei pionieri prima di loro – adottati come Patrick Noordoven che hanno combattuto la mancanza di percorso legale, studiato le leggi, affrontato i tribunali e ha creato un percorso legale per chiedere giustizia e l'accesso alla nostra verità: il nostro diritto all'identità. Abbiamo bisogno che più di questo accada in massa in tutto il mondo!

Quindi quello che stiamo iniziando a vedere proprio ora, negli ultimi anni, è che alcuni governi stanno riconoscendo la necessità di proteggersi meglio perché si stanno rendendo conto che stanno partecipando a un'attività e a un sistema che ci deruba attivamente dei nostri diritti: il nostro diritti di identità, origini e famiglia. Una volta che i governi si renderanno conto del rischio che corrono, credo che vedremo l'adozione internazionale diventa quasi inesistente perché è troppo rischioso, troppo costoso!

L'adozione internazionale è sempre stata una questione di soldi: chi ce l'ha, chi no, chi non vuole perderlo, chi non può permettersi di correre il rischio. Sebbene il rischio di adozione internazionale fosse storicamente considerato basso, i governi e le autorità hanno sostenuto la domanda di bambini, ma la marea su quel sentimento è cambiata e non si può tornare indietro! Credo che un giorno guarderemo indietro storicamente a questo enorme esperimento sociale chiamato adozione internazionale e alla fine sarà riconosciuto su scala globale che non è mai stato nel nostro migliore interesse essere rimossi dal nostro paese, dalla nostra cultura e dalle nostre origini e aggiungersi ai nostri traumi.

Di pari passo con questo, sono entusiasta di vedere alcuni governi iniziare a riconoscere i nostri bisogni e diritti di adottati! In Australia siamo stati uno dei pochi paesi a ricevere un finanziamento gratuito servizio di consulenza per la salute mentale e abbiamo avuto un servizio gratuito di ricerca e riunione. Entrambi questi dovrebbero essere un servizio minimo e obbligatorio in tutto il post adozione per ogni paese di adozione e di invio. Alcuni paesi mi stanno parlando del nostro modello australiano e so che altri paesi stanno iniziando a fornire uno o entrambi questi servizi.

Ma mentre celebro i cambiamenti in alcuni paesi progressisti, non dimentichiamo che le nostre famiglie perse hanno ancora a malapena diritti e di solito non hanno accesso a consulenza gratuita o a un servizio di ricerca. Spero che in futuro inizieremo a vedere questo cambiamento. La voce delle nostre famiglie di origine è ancora in gran parte inascoltata, ignorata, negata. Dobbiamo cambiarlo!

Spero che l'adozione internazionale diventi solo un'opzione di ultima istanza, come originariamente previsto dalla Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti dell'infanzia (UNCRC).

Lettura consigliata

La tesi di Patrick Noordoven: Adozione internazionale e diritto all'identità

lascia un commento cancella risposta

Pubblicazione....
Italiano
%%piè di pagina%%