Kris condivide su Adoptee Anger

Questa è una serie su Adoptee Anger dall'esperienza vissuta, per aiutare le persone a capire cosa c'è sotto la superficie e perché gli adottati a volte possono sembrare arrabbiati.

di Kris Rao, adottati dall'India negli Stati Uniti, hanno recentemente scoperto la loro adozione come adottati di Late Discovery.

Nel 2019, all'età di 34 anni, ho saputo di essere stata adottata. Da allora, ho acquisito una familiarità folle con il ciclo del lutto. In modo non lineare, ho sperimentato incessantemente tutte le emozioni associate al dolore. Di tutte le emozioni, la rabbia, tuttavia, è diventata l'unica emozione costante quando penso all'adozione.

Nel caso della mia esperienza, come adozione di una scoperta tardiva, sono arrabbiato per essere stato mentito per 34 anni. Mi sento ingannato. Imbrogliato. Imbrogliato. Qualunque sia la parola che mi viene in mente per descriverlo, alla fine per 34 anni sono stato manipolato nel credere di essere qualcuno che non sono. Manipolato in estranei credenti dove i miei parenti biologici e genetici. L'identità che mi è stata data non sembrava mai adattarsi alla persona che sapevo di essere, e mi sentivo come il pazzo per i miei pensieri.

Il problema della rabbia, però, è che viene percepita come un'emozione negativa. Per tutta la vita, crescendo, mi è stato insegnato a controllarlo. Per non lasciare che abbia la meglio su di me. Anche adesso, mentre scrivo per condividere la mia esperienza ed esprimere le mie opinioni sull'adozione di oggi, c'è chi mi dice di non essere così arrabbiato. Quella rabbia non è una buona cosa.

Per un bel po' dopo aver scoperto la verità, ho lottato con la rabbia. In un gruppo di adottati per la scoperta tardiva, una volta ho posto una domanda sulla rabbia. Più di 90% ha affermato di essere ancora arrabbiato o di lottare con la rabbia. Le risposte più utili sono state quelle che dicevano che andava bene essere arrabbiati. Un adottato ha persino risposto a qualcosa che ho scritto e ha detto che si trattava di una "rabbia giusta". E avevano ragione. La mia rabbia è giusta e giustificata per la mia esperienza. Va bene essere arrabbiati. Va bene sentirlo.

Come ha scritto Faith G. Harper nel suo libro Sfoggia la tua rabbia: usare la scienza per comprendere la frustrazione, la rabbia e il perdono:

"Se provare rabbia va bene, puoi essere arrabbiato e continuare a stare bene."

Guardando indietro, penso di aver lottato con la rabbia perché ho confuso i miei pensieri sulla rabbia con il modo in cui la gestiamo e agiamo di conseguenza. Non c'è niente di sbagliato nell'emozione stessa. La rabbia è una reazione normale a qualsiasi situazione negativa, ed è il modo in cui la affrontiamo che determina una reazione positiva o negativa. E questa è la cosa fondamentale, “La rabbia è una risposta a un'emozione più profonda. È un'emozione secondaria, nel senso che è reattiva. Non solo alle situazioni che incontriamo, ma anche ad altre emozioni".

Le emozioni negative vanno bene fintanto che le esprimiamo in modo sano.

Sono sempre stato frustrato crescendo per come sono stato cresciuto. Frustrato di non riuscire a capire perché mi sono sempre sentito diverso. Quella frustrazione si è trasformata in rabbia subito dopo aver scoperto di essere stata adottata. Sono arrabbiato perché mi hanno mentito. Sono arrabbiato per tutti gli abusi che ho subito e per essere stato spinto a credere che fosse per il mio bene. E mi addoloro per questo. È un sacco di negatività da affrontare tutto in una volta. Quando ho saputo di essere stata adottata, sono rimasta ferita. C'era dolore per quello che sembrava un enorme atto di tradimento. Quella ferita diventerebbe anche rabbia. Più cercavo di non provare tutte queste “emozioni negative”, più sentivo di diventare “negativo”.

Mark Manson ha scritto quanto segue sulle emozioni negative nel suo libro La sottile arte di non fregarsene:

“Il desiderio di un'esperienza più positiva è di per sé un'esperienza negativa. E, paradossalmente, l'accettazione della propria esperienza negativa è essa stessa un'esperienza positiva».

“Questa è una totale sciocchezza. Quindi ti darò un minuto per svelare il tuo cervello e forse leggerlo di nuovo: volere un'esperienza positiva è un'esperienza negativa; accettare l'esperienza negativa è un'esperienza positiva. È ciò che il filosofo Alan Watts chiamava "la legge all'indietro": l'idea che più perseguiti sentendoti sempre meglio, meno soddisfatto diventi, poiché perseguire qualcosa non fa che rafforzare il fatto che ti manca nel primo luogo."

È stato un sacco di lavoro, ma sto imparando a riformulare me stesso e come vedo la mia rabbia. Sto imparando ad accettare semplicemente ciò che è e ad usarlo per elaborare il mio dolore, il mio trauma. Accettare le esperienze negative della mia adozione. Permettendo a me stesso di sentire la mia rabbia, e non esserlo.

Mi sono imbattuto in questa citazione qualche tempo fa e mi è rimasta impressa riguardo al mio dolore.
"Nessuno nota la tua tristezza finché non si trasforma in rabbia, e poi sei la persona cattiva."

Non conosco le sue origini, ma sembra accurato. Semmai, voglio che la gente sappia che la mia rabbia non riguarda chi sono io come adottato. Non si tratta nemmeno di chi sono io come adozione di una scoperta tardiva. Riguarda ciò che provo come adottante.

Ancora più importante, vedo la mia rabbia come uno strumento, perché non solo mi ha permesso di stabilire e mantenere i limiti necessari per proteggermi, ma è ciò che mi spinge a scrivere per il cambiamento, condividere la mia esperienza e ripristinare tutto ciò che è stato portato via da me. Ho imparato a usare la mia rabbia per sostenere il cambiamento, per condividere la mia esperienza e la mia verità impenitente. Condivido la realtà dell'adozione scrivendo esattamente quello che provo e come lo sto affrontando.

La mia rabbia riguarda la richiesta di responsabilità da parte di coloro che non vogliono essere ritenuti responsabili. Si tratta di bonifica.

In un saggio sulla rabbia, Brian Wong ha scritto quanto segue:
"Sebbene la rabbia potrebbe non essere l'emozione più praticamente utile da avere in tutti i casi, la sua produttività epistemica e motivazionale la rende il candidato ideale per guidare le vittime verso richieste di risarcimento o riparazione appropriate. È la rabbia verso la perdita di ciò che conta che consente alle vittime di individuare le componenti più importanti del loro processo riparativo – ovviamente, potremmo non pensare che il restauro sia intrinsecamente più prezioso, ma questa critica non coglie il punto. La rabbia può svolgere un ruolo cruciale nel recupero dei beni perduti”.

Molto semplicemente, ecco cos'è la rabbia. Cosa può essere. 

Guarire dai miei traumi passati per me non significa lasciar andare il mio dolore o la mia rabbia. È così che lo gestisco e come utilizzo quella rabbia. Si tratta di usare la mia rabbia per un'esperienza positiva.

La rabbia come reazione a un'esperienza negativa può fornirci l'energia per il cambiamento. Può essere usato per aiutarci a mantenerci al sicuro e darci il coraggio di riprenderci ciò che abbiamo perso. E questa è una buona cosa!

Per ulteriori informazioni da Kris, segui su:
Kris-404:RootsNotFound
Twitter @adottatoindiano
Instagram @indianlatediscoveryadoptee

Una risposta a "Kris shares about Adoptee Anger"

lascia un commento cancella risposta

Pubblicazione....
Italiano
%%piè di pagina%%