La mia visione dell'adozione è cambiata con il tempo

di Maria Fredriksson adottato e artista dalla Corea del Sud alla Svezia.

Non saprò mai esattamente come, quando o anche se sono stato trovato. Il mio artwork in questa pagina mostra come ho deciso di creare la mia scena e ho mescolato la piccola ragazza dell'Asia orientale con il tipico scenario nordico.

Quest'anno compirò cinquant'anni. Durante sette anni e quattro mesi di quei cinquant'anni, ho guardato all'adozione da un'altra prospettiva rispetto ai miei primi quarantadue anni ed ecco qualcosa a cui ho passato le prime ore del 2022 pensando.

Quando si critica l'adozione, capita spesso di sentire persone che ti contraddicono riferendosi ad altri adottati che non condividono il tuo punto di vista critico. "Ho un'amica che è stata adottata ed è semplicemente perfettamente felice e grata". Bene, quindi?

Un'altra cosa che mi colpisce spesso è che quando si parla di adozione, essere più grandi e più esperti non ti rende più rispettoso. Non so quante volte ho visto adulti adottati essere respinti da genitori adottivi affermando che il loro bambino adottato di dieci anni non ha mai subito razzismo o si è sentito sradicato, ecc.

Per anni sono stato pro-adozione e ho persino partecipato a incontri di informazione (propaganda) di un'agenzia di adozione per potenziali genitori adottivi e assistenti sociali. Non sono mai stato interrogato e non mi è mai stato chiesto di mostrare statistiche di altre fonti scientifiche a sostegno delle mie affermazioni. Sono stato adottato allora e lo sono altrettanto adottato adesso. Tuttavia, le mie parole allora non sono mai state oggetto di dubbio, mentre quello che dico oggi è sempre oggetto di esame e molto spesso liquidato come BS sentimentale. Al contrario di ciò che era veramente sentimentale BS...

All'epoca, non avevo letto alcun rapporto o visto alcun documentario sull'adozione. Non avevo quasi parlato con altri adottati diversi da mio fratello e gli altri adottati nei panel alle riunioni dell'agenzia di adozione. Certo, oggi si potrebbe accusarmi di essere un po' categorico, ma perché non me ne sono stato accusato prima? E perché le parole del mio io presto cinquantenne sono meno affidabili di quelle del mio io trentenne, o del mio io quindicenne, se è per questo...

Non si tratta solo di traumi. Per me, si tratta di affermazioni politico/ideologiche, si tratta di intuizioni sui privilegi e sulle strutture coloniali/patriarcali, di cui so molto più oggi di dieci anni fa, per non parlare di quando ero bambino.

Penso che abbia a che fare con il modo in cui l'adozione è inquadrata e scelta. Noi, gli adottati, siamo eternamente bambini e come tali uguali tra loro ma non uguali ai genitori adottivi, nemmeno quando hai decenni in più del genitore adottivo di cui stai discutendo. Pertanto, nel contesto del dibattito sull'adozione, odio essere etichettato come “bambino adottivo” e non mi piace dover fare riferimento a persone che adottano come genitori adottivi. In questo contesto, preferirei che fossimo adottati e adottanti, ma poiché so quali battaglie scegliere, rispetto le regole di gruppo nei forum di adozione. Tuttavia, credo che la lingua sia importante. Le parole dipingono immagini e queste immagini influenzano il modo in cui si tiene una conversazione.

Una risposta a "My View of Adoption has Changed with Time"

lascia un commento cancella risposta

Pubblicazione....
Italiano
%%piè di pagina%%