Il dolore della perdita e la gioia di vederla riunita alla sua famiglia

di Jessica Davis, madre adottiva americana di una figlia ugandese, è tornata con successo dalla sua famiglia ugandese; co-fondatore di Kugatta che riunisce le famiglie colpite dall'adozione internazionale dell'Uganda.

Namata con i suoi fratelli

Ogni anno penso che non piangerò e non mi farà male così profondamente come una volta. Ma ogni volta che vedo tutto ciò che è stato quasi permanentemente sottratto a Namata, il dolore ritorna altrettanto profondo (se non più profondo) della prima volta in cui mi sono reso conto a cosa avevo partecipato e cosa doveva essere fatto. Ho ancora membri della famiglia allargata che si rifiutano di ammettere che riunirla con la sua famiglia ugandese fosse la cosa GIUSTA e GIUSTA da fare.

Ci sono molte persone che credono che sia giusto prendere bambini da famiglie LOVING se queste famiglie sono povere, vivono nel paese “sbagliato”, praticano la religione “sbagliata”, o per una serie di altri motivi irrazionali. È incredibile quanto denaro, tempo e risorse contribuiscano alla separazione delle famiglie che in primo luogo non dovrebbero mai essere separate.

Non smetterò mai di denunciare i torti che si perpetuano all'interno del sistema di adozione internazionale. Non smetterò di lottare per coloro che sono stati sfruttati da questo sistema e di certo non dimenticherò mai la fantastica bambina che è entrata nella mia vita e mi ha insegnato a fare meglio. Per quanto mi manchi, il mio dolore impallidisce in confronto alla gioia che provo vedendola a casa con la sua famiglia e prosperare.

Abbiamo fatto tutto “bene”. Abbiamo utilizzato un'agenzia di adozione molto apprezzata, seguito tutti i protocolli e le procedure corretti e segnalato tutto ciò che non andava quando lo abbiamo scoperto. Infatti, anche se è stato dimostrato che la nostra agenzia di adozione era corrotta, i documenti di Namata sono stati falsificati, il giudice ugandese è stato corrotto, l'intervista all'ambasciata ha mostrato che la madre di Namata non capiva cosa fosse l'adozione e all'epoca non ci è stato detto, la nostra adozione di Namata dall'Uganda era ed è tuttora considerato LEGALE. Cosa ti dice sull'adozione internazionale?

Namata non è riuscita a tornare a casa perché era la cosa giusta e giusta da fare. I diritti di Serena violati e il miglior interesse di Namata ignorati erano irrilevanti da parte di coloro che avrebbero dovuto preoccuparsene. Il motivo per cui Namata è andata a casa e si è riunita con la sua famiglia è perché Adam e io ci siamo rifiutati di accettare che tutto ciò andasse bene o "in meglio".

Innumerevoli famiglie sono state inutilmente fatte a pezzi attraverso l'adozione internazionale, proprio come quella di Namata.

Raramente sento qualcuno esprimere preoccupazione per queste ingiustizie o per ciò che è stato perso, piuttosto le persone usano buone intenzioni andate storte per ignorare queste realtà e andare avanti come se non fosse successo nulla di sbagliato. Se le persone non ascoltano o non riescono a capire il problema in questione, forse lo vedranno quando guarderanno questa famiglia e si renderanno conto che tutto ciò che era quasi perso e che non c'era letteralmente alcuna ragione per questo.

Namata e la sua famiglia

Leggi l'ultimo post di Jessica: Giustizia o responsabilità accadono nelle adozioni illecite?

3 Risponde a “Pain of Loss and the Joy at Seeing her Reunified with her Family”

  1. Che bella storia triste. Dico la stessa cosa da quando ho adottato le mie figlie dalla Cina. Sto facendo tutto il possibile per trovare la loro famiglia. Mi vergogno di aver partecipato alla loro adozione, ma sono felice di averli per aiutarli a trovare la loro famiglia.

    1. Sono così felice che vengano fuori più informazioni sulle adozioni che stanno facendo a pezzi le famiglie. So che non sapremo mai 100% di tutte le adozioni e dei fatti reali sulle famiglie e sui bambini. Vorrei che potessimo. Mi chiedo se sia così dannoso presumere o lasciare che i bambini pensino di essere stati ingiustamente sottratti alle loro famiglie che li amavano e li volevano così com'era/è fargli presumere che sono stati dati amorevolmente ma tristemente dalle loro famiglie di origine per circostanze al di fuori del loro controllo (polizza del figlio unico, morte familiare, gravidanza non programmata). Entrambe le circostanze possono o non possono essere vere per tutti gli adottati. È così difficile dire "Non lo sappiamo" per tutto questo anno, ma conserverei qualsiasi senso di colpa finché non lo saprai per certo, sia per gli adottati che per i genitori adottivi. In entrambi i casi è difficile. L'adozione riguarda la perdita.

lascia un commento cancella risposta

Pubblicazione....
Italiano
%%piè di pagina%%