Affrontare la perdita del suicidio dell'adozione

di Lina Vanegas adottato dalla Colombia negli USA, RSU.

Opere di Adriana Alvarez

Ho perso due persone nella mia vita per suicidio, il padre dei miei figli che era anche il mio ex marito e mia madre. Il padre dei miei figli è stato adottato e mia madre è stata colpita dall'adozione perché ha perso me per l'adozione. Entrambi purtroppo corrispondono alle statistiche. Gli adottati hanno quattro volte più probabilità di tentare il suicidio. Direi che le mamme (prime madri, madri originali, mamme naturali) hanno anche alti tassi di tentativi di suicidio.

Sono un adottato transrazziale e internazionale che è stato adottato da Bogotà, in Colombia e ho vissuto la maggior parte della mia vita nel Michigan negli Stati Uniti. La perdita per suicidio è una morte come nessun'altra. Non è come un incidente d'auto, un infarto o un cancro in cui c'è una chiara spiegazione di come qualcuno è morto. Le persone che muoiono per suicidio stanno lottando immensamente. Non c'è chiusura con questa morte. Anche il suicidio è fortemente stigmatizzato, la gente non ne vuole parlare e molti giudicano la morte. La perdita per suicidio per noi adottati è ulteriormente aggravata e amplificata con tutta la perdita e il dolore che abbiamo già sperimentato e può innescare molti dei problemi di cui soffriamo in relazione all'adozione. 

Se stai leggendo questo e hai perso qualcuno per suicidio, voglio che tu sappia che non sei solo e che mi dispiace molto che tu stia vivendo questa perdita orrendamente dolorosa. Voglio anche che tu sappia che non è colpa tua. Non c'è niente che avresti potuto fare o avresti dovuto fare. La persona che è morta soffriva tanto. Potresti anche leggere questo e essere rimasto scioccato dalla morte della persona perché non avevi idea che stesse soffrendo e forse sembravano felici e come se tutto andasse bene. Non è ancora colpa tua. Per favore, non incolpare te stesso e non trattenere alcun senso di colpa. È estremamente doloroso sapere o apprendere che la persona amata stava soffrendo così tanto.

Una cosa che ho imparato è che alcuni giorni sono più difficili di altri. Mi ha aiutato a sapere che posso spezzare le mie giornate e posso prenderle momento per momento, minuto per minuto o ora per ora o un giorno alla volta come dice il famoso slogan degli Alcolisti Anonimi (AA). Il primo anno per me è stato completamente sfocato. Sembrava trascinarsi per sempre e avevo fretta di lasciarmi tutto alle spalle perché era così doloroso e difficile. Onestamente, non riesco a ricordare molto perché ero molto scioccato. Per favore, sii paziente, gentile e gentile con te stesso se hai subito una perdita suicida. La perdita per suicidio è una perdita così dolorosa e che cambia la vita. Il primo anno di perdita è stato davvero difficile perché tutto diventa un primo senza di loro. 

Alcuni dei giorni più difficili per me sono il compleanno della persona, l'anniversario della sua morte e le vacanze. Ho imparato a sedermi con le mie emozioni e a sentirle. Mi concedo il permesso di piangere e piangere se questo è ciò che deve accadere. Se qualcosa era troppo difficile, allora creavo una nuova tradizione o decidevo di non farlo. Poi ci sono momenti in cui crollo semplicemente perché qualcosa mi ha fatto scattare e sono tornato a sentire il mio dolore. Il dolore è un viaggio, fluisce e rifluisce. Non è lineare e non c'è una data di scadenza. Per favore, non permettere a nessuno di dirti diversamente o di spingerti a superarlo o a guarire in un certo lasso di tempo. Tutti soffriamo in modo diverso e il dolore non è un'esperienza unica. 

Opera di Nicholas Down

È stato un vero viaggio per me trovare modi per farcela e iniziare a guarire. La perdita per suicidio ha davvero cambiato il modo in cui ho visto la vita. Ora vedo che la vita è breve e fugace e che ogni giorno non è promesso. Ho scelto di usare la perdita di mia madre come slancio per aiutarmi a vivere la mia vita in onore di lei. Mi sforzo di trasformare il mio dolore in uno scopo, un percorso e potere. Ci sono stati molti modi che ho trovato per aiutarmi a farcela e che voglio condividere con voi.

Per me, sedermi con i miei sentimenti e sentirli veramente è stato molto utile. Piangere, urlare e letteralmente perdere il fiato, singhiozzare e avere quel profondo pianto dell'anima ha aiutato il mio dolore e il mio lutto. Anche per me la terapia è stata fondamentale. È davvero utile avere uno spazio sicuro e non giudicante che sia solo per me. È importante trovare un terapeuta che lavori esclusivamente con i traumi e idealmente qualcuno che sia competente per l'adozione. Molti terapeuti onestamente non hanno studiato l'adozione, quindi è difficile per loro capirci veramente.

Sono un avido lettore e per me leggere e ricercare mi ha dato risposte e mi ha aiutato a capire. Mi sono buttato nella lettura e nella ricerca del suicidio. Per me era importante capire il suicidio in modo da poter dare un senso alle cose. Ho letto molto di altri sopravvissuti alla perdita di suicidio, il che è stato davvero essenziale perché potevo relazionarmi con quello che stavano dicendo e potevo imparare come hanno affrontato e guarito. L'altro gruppo che era davvero importante leggere e ascoltare era quello dei sopravvissuti al tentativo di suicidio. Mi ha aiutato ad essere in grado di acquisire una comprensione più profonda del suicidio e delle lotte per la salute mentale. Mi ha anche dato un'idea di come posso aiutare le persone che soffrono di idee suicide.

 Mi sono unito a un gruppo di supporto al lutto e a un gruppo di supporto per le vittime di suicidio. Entrambi questi gruppi mi hanno permesso di connettermi con altre persone che stavano vivendo le mie stesse cose e non avevo bisogno di spiegarmi. Ho fatto amicizia, ho pianto, ho riso ma soprattutto ho capito che non ero solo e mi sono sentito visto, ascoltato e convalidato. Frequento anche un gruppo di adozione che è stato utile perché molti adottati hanno anche a che fare con la perdita dei suicidi. È stato utile parlare con altri adottati della perdita per suicidio. Puoi cercare un gruppo online e l'accessibilità dovrebbe essere più semplice ora che la maggior parte dei gruppi viene eseguita virtualmente. 

Anche partecipare a eventi come le passeggiate che raccolgono fondi per la prevenzione del suicidio o partecipare alla Giornata internazionale della perdita dei sopravvissuti al suicidio che si tiene a novembre è molto utile. Ancora una volta, sono stato in grado di rendermi conto che non sono solo e mi sono sentito parte di un pezzo più grande. È stimolante vedere che vengono raccolti fondi per aiutare a prevenire il suicidio, finanziare la ricerca e anche catartico. 

Anche movimenti come la corsa, la bicicletta, la camminata e lo yoga mi hanno aiutato a farcela perché sono uno sbocco in cui posso liberare e incanalare le mie emozioni. La meditazione è stata fantastica perché mi ha permesso di rallentare ed essere presente nel mio corpo. Il diario e la scrittura sono stati il mio sbocco creativo per elaborare e affrontare la perdita suicida. Anche assicurarmi di seguire una dieta equilibrata e di dormire a sufficienza è stato davvero utile. Il pezzo per la cura di sé è davvero importante e avrà un aspetto diverso per tutti. Per favore, fai qualcosa per te che ti piace fare. 

I social media sono anche un ottimo modo per entrare in contatto con altri sopravvissuti a un suicidio. Ci sono molti gruppi e organizzazioni a cui puoi unirti. Ci sono anche molti blog, podcast e articoli su problemi di salute mentale che discutono di suicidio che sono grandi risorse. 

Sono passati quasi 7 anni dalla mia prima perdita suicida e poco più di 2 dalla morte di mia madre, quindi è stato un periodo di tempo decente e non un lungo periodo di tempo. Sono in un luogo in cui voglio condividere la mia storia, sia che si tratti di uno contro uno, di un gruppo o attraverso la scrittura. Questo non è qualcosa che avrei potuto fare all'inizio perché era così doloroso e stavo ancora elaborando tutto. Ora scopro che condividere la mia storia mi ha davvero aiutato a far fronte e ad essere in grado di aiutare gli altri.

Ho fatto uno sforzo per incorporare le persone che si sono perse nella mia vita quotidiana. Ho acquistato ornamenti in loro onore per il mio albero di Natale, ho incorniciato loro foto per la mia casa, acquisto regolarmente fiori in onore di mia madre, accendo candele e preparo il loro cibo preferito durante le vacanze o in qualsiasi altro momento. Sto pensando di farmi un tatuaggio in onore di mia madre in modo che sia sempre simbolicamente lì con me. È stato rassicurante per me incorporarli nella mia vita quotidiana. Alcune altre idee a cui ho pensato sono, piantare un albero o una pianta per la persona, puoi mettere loro un posto a tavola, puoi comprare o creare qualche tipo di arte che possa essere in suo onore, puoi comprare o fare una sciarpa o qualcosa da indossare che li simbolizzi. 

Voglio che ricordi che il suicidio della persona amata non è colpa tua. Non sei il solo a perdere qualcuno per suicidio.

Per favore, abbi cura di te e ricorda che ci sono risorse per aiutarti a farcela. Sii gentile e gentile con te stesso.

Altre risorse sul suicidio degli adottati

Affrontare il suicidio dell'adottato
Pagina commemorativa dell'ICAV
Giornata della memoria degli adottati
È una settimana nera per gli adottati in Europa

Pubblicazione....
Italiano
%%piè di pagina%%