Lettera di adozione Maori al Ministro della Giustizia neozelandese

di Bev Reweti, adottata transrazziale, portata con la forza dal suo Maori Whanau a una famiglia adottiva bianca in Nuova Zelanda ; attualmente in procinto di intentare un'azione legale contro lo stato della Nuova Zelanda per essere stata sfollata dalle sue origini.

Questa è la mia lettera al Ministro della Giustizia della Nuova Zelanda riguardo alla mia posizione sulla legislazione sulle adozioni che rimuove i bambini Maori dai loro whanau, hapu e iwi.

Hon Kris Faafoi
ministro della giustizia
giustizia.admin@parliament.govt.nz

12 marzo 2021

Caro signor Faafoi

Sono lieto di sapere che in questa legislatura porterete avanti la riforma della legge sulle adozioni.

Sono nato il 30 maggio 1956 a Wanganui da Robin Jean Oneroa e Reweti Mohi Reweti II, I whakapapa da Ngatiwai, Ngapuhi e Ngati Whatua.

Sono stato adottato il 25 giugno 1957 tramite la Pretura Patea da una coppia non Maori. Il mio nome è stato cambiato dal mio nome di nascita Mary Oneroa al mio nome adottivo.

Sono il ricorrente per Wai 2850, un reclamo per conto mio, e tamariki Maori che sono stati sfollati dai loro whanau, hapu e iwi (il mio reclamo), che è attualmente archiviato nell'indagine Wai 2575 Health Services and Outcomes Kaupapa (l'Health Inchiesta).

È mia posizione che tutta la legislazione che rimuove Maori Tamariki dal loro whanau, hapu e iwi costituisce una violazione dell'articolo 2 di te Tiriti o Waitangi / il Trattato di Waitangi (te Tiriti / il Trattato) che garantisce Maori tino rangatiratanga su tutti i nostri taonga, compresi Tamariki Maori e il loro benessere.

Sono coinvolto con il gruppo InterCountry Adoptee Voices (ICAV). ICAV è una piattaforma e una rete di supporto per gli adottati internazionali e per i problemi che affrontano crescendo in questo tipo di spazi, inclusa la rimozione forzata di Tamariki dal loro whanau.

Nel 2001, The Benevolent Society ha pubblicato un libro intitolato Il colore della differenza, di cui ho fatto parte e riguarda i viaggi degli adottati transrazziali. Ho anche fatto parte del suo sequel pubblicato nel 2017, un progetto di ICAV, chiamato Il colore del tempo che esplora gli impatti dell'adozione internazionale su un lungo periodo di tempo (16 anni dopo Il colore della differenza).

I Tamariki Maori che sono posti al di fuori del loro whanau o iwi, come me, hanno sperimentato una perdita della vera identità. Siamo posizionati tra le nostre famiglie di nascita e le famiglie scelte per prendersi cura di noi dallo Stato.

Spesso abbiamo comportamenti e sentimenti oltre patologizzati, mentre ci viene richiesto anche di integrare il trauma della rimozione dai nostri whanau, hapu e iwi, il tutto senza comprensione o supporto specialistico.

Da molto tempo partecipo attivamente a tutte le questioni relative allo sfollamento e all'adozione e chiedo giustizia per tutti coloro che sono stati colpiti dallo spostamento di tamariki Maori da whanau, in particolare quelli che sono portati sotto gli auspici di Oranga Tamariki e altre organizzazioni fornire cure.

È stato attraverso il mio coinvolgimento e la mia grande preoccupazione per i processi relativi alla rimozione forzata di Tamariki Maori dal loro whanau e ho incaricato i miei avvocati di esaminare questi processi ai fini dell'inchiesta sanitaria, che ha portato al monumentale caso Hastings e al tentativo di sollevare pepi appena nato da una giovane madre Maori.

Attendo ulteriori comunicazioni.

Naku noa na

Bev Wiltshire-Reweti

lascia un commento cancella risposta

Italiano
%%piè di pagina%%