Il dolore per la madre dura per sempre

di Melanie Kleintz adottato dal Perù in Germania.

Tra il 24 dicembre 2020 e il 1 gennaio 2021, un totale di 6 adottati dall'Europa si sono tolti la vita, a Settimana nera in Europa per gli adottati. Il numero di casi non denunciati è decisamente più alto. Tutti non riuscivano a chiarire le loro origini, il loro dolore era troppo forte e non trovavano altro modo per rendere sopportabile il dolore.

È così infinitamente triste, doloroso e insopportabile sentirne parlare. Lavoro con genitori adottivi e futuri genitori adottivi da 10 anni e ho tenuto conferenze sull'argomento. Evito anche abbastanza felicemente l'argomento di quanto gli adottati siano vicini alla morte, anche se ne so meglio.

Quante volte negli ultimi anni ho sentito dire che gli adottati dovrebbero essere contenti di essere stati salvati. Negli ultimi mesi una bambina mi ha fatto capire quanto sia importante lavorare con gli adottati, i bambini in affido e il sistema che li circonda. All'esterno tutto sembra così semplice. Il bambino ha nuovi genitori e “è buono“.

Il dolore dei bambini non è permesso dal mondo esterno per tutta la vita. Il dolore per la loro prima “madre” dura tutta la vita. I bambini che conoscono la loro nuova mamma non possono capire il loro dolore. Ieri mio figlio l'ha spiegato bene. Questi bambini hanno un “vuoto nel cuore e anche se ridono, sono sempre tristi”.

C'è ancora molto lavoro educativo da fare con gli adottati traumatizzati e i bambini in affido. Il lavoro di prevenzione e i servizi post adozione sono per me le caratteristiche più importanti!

Se avessi un desiderio, vorrei che ogni adottato potesse chiarire le proprie origini e che nessun ostacolo fosse posto sulla loro strada. I documenti per l'adozione sarebbero stati completi e i genitori adottivi avrebbero sempre offerto supporto in tutto.

Sono così infinitamente triste che questi 6 non abbiano trovato altra via d'uscita e spero solo che gli adottati, i genitori adottivi o altre persone vicine agli adottati, cerchino aiuto e sostegno in una fase iniziale.

Noi adottati possiamo sostenere questo problema all'interno dei nostri gruppi. Il “più caro” della vita ci è stato tolto e chi non capisce quanto ci manca la nostra prima madre, ha bisogno di capire un po' di più il desiderio di chi è stato adottato.

Non possiamo impedire agli adottati di prendere le loro decisioni. L'hanno pianificato. È stata una loro decisione, con la speranza che la loro situazione fosse tollerabile.

Conosco un tedesco adottato che si è tolto la vita a Natale qualche anno fa. Ci è stato detto che è morto e non importa dove è stato detto, tutti i suoi coetanei sapevano che si era suicidato. Tutti sapevano della sua situazione ma nessuno poteva aiutarlo perché non sapevano come.

Sono così orgoglioso dei membri dei miei gruppi. Ci scambiamo idee, impariamo a parlare della propria adozione e ci sosteniamo a vicenda. Negli ultimi mesi del 2020, ho sentito davvero una bella unione nel gruppo. Sensibile e attento! Gli incontri online sono andati allo stesso modo. Vorrei mantenerlo e mantenerlo.

Cari amici adottati, siete persone forti e coraggiose. Non vedo l'ora che arrivi il prossimo incontro che potremo trascorrere insieme.

lascia un commento

Pubblicazione....
Italiano
%%piè di pagina%%