Le etichette anti-professionisti dell'adozione

Mi dà molto meno fastidio oggigiorno che le persone sentano il bisogno di giudicare dove io o l'ICAV siedono nelle discussioni sull'adozione come solo "anti" o "pro" - come se l'adozione potesse essere classificata in uno spettro di adozione lineare!

Sì, mi piace, e incoraggio i miei coetanei, a chiamare e parlare apertamente delle complessità e porre fine alle pratiche non etiche, alla tratta, alla deportazione, al reinserimento, all'abuso .. ma la realtà è, di solito quando gli adottati parlano di questi problemi da queste angolazioni, possiamo facilmente essere etichettati e chiudere!

Personalmente, sento che ci sono così tante sfumature nell'arena delle adozioni. Ad esempio, se sostengo la semplice adozione in teoria rispetto all'adozione plenaria, questo mi rende "anti" o "pro"? Se preferisco l'affidamento e la tutela della parentela a uno di questi, sono "anti" o "pro"? Se preferisco che i bambini siano tenuti nel loro paese di nascita, sono "anti" o "pro"? Se preferisco che i bambini rimangano all'interno della loro famiglia o comunità nucleare ed allargata, sono "anti" o "pro"? Se voglio dare la priorità alla sicurezza di un bambino, sono "anti" o "pro"? Se voglio che una madre mantenga una scelta, sono "anti" o "pro"?

Non è un po' semplicistico sovrapporre uno spettro lineare così ristretto alle nostre opinioni per un argomento così complesso? E cosa succede quando consideriamo l'adozione nazionale con l'adozione internazionale? O l'adozione domestica transrazziale con l'adozione internazionale transrazziale? Le discussioni saranno sempre così complesse con così tante differenze ma anche, così tante somiglianze!

Alla fine della giornata, l'adozione transrazziale, l'adozione locale, l'adozione internazionale, l'affido, la tutela, l'affidamento familiare sono tutte opzioni per situazioni complicate nel benessere dei bambini. Cosa dovremmo fare con i bambini vulnerabili e bisognosi di cure? Come possiamo garantire che abbiano stabilità a lungo termine all'interno di strutture amorevoli e di supporto per il loro lungo viaggio? Le risposte a queste domande ci portano ben oltre una semplice discussione "anti" e "pro". Semplificare queste discussioni su quel tipo di focus non ci porta da nessuna parte se non a dividerci.

Quando semplifichiamo eccessivamente le situazioni complesse, smorza l'ambito mentale e limita le possibili soluzioni.

Quando considero l'adozione internazionale, sostengo la sicurezza del bambino e il rispetto per le famiglie, le etnie e le culture. Questo dovrebbe essere sempre prima di tutto nelle nostre priorità quando consideriamo soluzioni per il bambino. Non sono anti o pro - Il mio scopo è incoraggiare una discussione aperta e sana su questioni complesse che non hanno UN'UNICA soluzione per tutti, ma va discusso caso per caso! Mi piacerebbe se i governi potessero mettere più soldi e concentrarsi nell'aiutare a tenere insieme le famiglie, ove possibile! Riconosco anche che non tutte le famiglie hanno scelto di stare insieme e che le donne dovrebbero avere delle scelte. Quindi il mio punto è che non possiamo sovrapporre UNA soluzione su un intero spettro di situazioni complesse. Ogni bambino con i propri genitori e parenti ha bisogno di considerare la propria situazione in base ai propri meriti. E non dimentichiamo, dobbiamo riconoscere che le soluzioni potrebbero dover cambiare nel tempo.

Il maggiore impatto che l'adozione plenaria crea è che si tratta di una soluzione permanente per quella che spesso è una crisi temporanea oa breve termine. Per alcuni, si spera che restare insieme sia la preferenza e che i governi debbano offrire sufficienti supporti sociali per renderlo possibile. Per altri, se insistono a non essere genitori dei propri figli né a far assumere ai parenti la tutela, mi auguro che si possa passare a un modello migliore come la semplice adozione che garantisca l'integrità dell'identità originale e il mantenimento del legame con i parenti. Non mi piace molto il modo in cui l'adozione plenaria ha inavvertitamente sovrapposto più traumi di quanto dovrebbe aiutare. Le persone sono umane, cambiamo nel tempo. Perché continuiamo a porre ai bambini cambiamenti legali che alterano la vita permanente come soluzioni difficili da cambiare quando in realtà, forse un modo migliore sarebbe tenere conto del fatto che le situazioni e le persone cambiano e consentire soluzioni più flessibili?

Usare etichette semplicistiche e lineari come "anti" e "pro" per discutere di adozione internazionale può essere controproducente. Quanto ci manca quando ci limitiamo a discussioni così lineari?

3 Risponde a “The Anti – Pro Adoption Labels”

lascia un commento cancella risposta

Pubblicazione....
Italiano
%%piè di pagina%%