Lezioni di vita da un adottato – Parte 1

Questa è una serie scritta da Tamieka piccolo, adottato dall'Etiopia in Australia.

'Il tuo tempo è limitato, quindi non sprecarlo vivendo la vita di qualcun altro, non lasciarti intrappolare dal dogma, che è vivere con i risultati del pensiero di altre persone, non lasciare che il rumore delle opinioni degli altri affoghi la tua interiorità voce e, cosa più importante, abbi il coraggio di seguire il tuo cuore e il tuo intuito.'

Steve Jobs

Ci sono studi che dimostrano che è comune per gli adottati creare un falso senso di sé - di solito tra due identità - il bambino d'oro perfetto che fa di tutto per l'approvazione delle loro famiglie adottive in modo da non dover mai affrontare il rifiuto, o il ribelle che può rifiutare le loro famiglie prima che possano rifiutarle (ancora). Il bambino d'oro può assomigliare molto allo studente astuto che riversa ore e ore nelle sue classi, ottiene voti positivi, è terrorizzato dall'idea di ottenere qualcosa di meno, qualcuno che non è mai in disaccordo con le opinioni o le ideologie dei genitori e può affermare che non c'è nulla lamentarsi in termini di adozione. Potrebbero finire per essere il tipo in effetti (e ovviamente non devi essere adottato per farlo) ma per vivere la vita che le loro famiglie adottive desiderano per loro. Potrebbero volere che studino per diventare un medico, un chirurgo, uno scienziato, un ingegnere invece di fare ciò che il loro cuore desidera veramente.

Per me personalmente, ero sicuramente uno di quei tipi di falsi sé in cui gli adottati possono tendere a cadere, quelli che hanno risultati eccessivi, i perfezionisti, quelli terrorizzati dalla disapprovazione dei loro genitori o dal deludere i miei insegnanti e mentori. Per me fin da bambino ho sempre voluto essere un artista. Sapevo in fondo che era quello che volevo essere per tutta la mia vita; ei miei genitori ne erano molto consapevoli. Tuttavia, hanno cercato di riportarmi alla realtà; dicendo che dovevo essere il meglio del meglio del settore come Picasso o Van Gogh per arrivare ovunque in quel campo. Lo hanno sottolineato in particolare quando sono arrivato alla fine del liceo e ho dovuto pensare seriamente a cosa volevo fare nella mia vita come carriera.

Ho finito per scegliere la psicologia perché era una scienza, qualcosa di tangibile e strutturato che potevo seguire secondo le aspettative della società. Non fraintendermi: psicologia; la psicologia e il comportamento umano e sociale mi interessa, ma non ha acceso un fuoco o una scintilla dentro di me come fa l'arte. Alla fine ho scelto di studiare Animal Behaviour quando mi sono laureata e sono stata accettata all'università. Quando sono stato esposto al mondo esterno, al mondo reale, mi sono reso conto di quanto della mia vita mi stavo permettendo di essere dettato dai miei genitori. Ho capito che dovevo vivere la mia vita ei miei sogni. E sì, è stato spaventoso affrontare i miei genitori e dire loro che mi stavo trasferendo al Bachelor of Arts e volevo diventare un'artista. Ma ho aperto un percorso nella mia vita di tanta scoperta di me stesso e conoscenza; dove ho incontrato così tante persone meravigliose, con cui mi sono allineato in così tanti modi. Non me ne pento fino ad oggi.

Lasciatemi dire questo per esperienza personale ai compagni adottati; vivi la vita che vuoi vivere, non ciò che la società ti impone di fare; non quello che la tua famiglia o i tuoi amici pensano che dovresti fare - fai cosa tu desiderio, ciò che ti porta gioia, eccitazione, ciò che fa cantare il tuo cuore e il tuo spirito librarsi.

Perché quando la tua famiglia e quegli amici o chiunque non fa più parte della tua vita rimarrai bloccato con la vita e i sogni che hai fatto. Nessun altro deve viverlo tranne te, e sperimenterai la tua felicità o mancanza di felicità, non loro né nessun altro. Sarai tu quello che andrà a letto ogni notte sentendoti realizzato o insoddisfatto delle decisioni che prendi ogni giorno, quindi assicurati di forgiare il tuo percorso, il tuo sogno in modo da poter trovare la vera felicità. Non è facile a volte, ma niente nella vita che valga la pena lo è.

lascia un commento cancella risposta

Italiano
%%piè di pagina%%