L'adozione come questa deve FERMARE!

Ai miei compagni adottati che sono stati innescati di recente dal notizia sulla famiglia Stauffer che ha pubblicamente raccontato al mondo di ricollocare il loro bambino di 4 anni Huxley (di origini cinesi anch'egli affetto da autismo).

Parlo con voi in solidarietà contro il modo in cui alcune famiglie adottive e l'industria delle adozioni continuano a trattarci come una merce! La recente copertura ci ricorda in modo grossolano quanto sia stata traumatica la nostra vita... le ferite dell'adozione insieme al nostro fondamento del trauma dell'abbandono, vengono ulteriormente stratificate quando si verificano più abbandoni. So che quando il “sistema” permette o facilita un riabbandono come questo (la deportazione è un'altra forma), ci sentiamo personalmente violati, come se ci è letteralmente successo, di nuovo.

Conosco personalmente degli adottati che hanno vissuto questa esperienza di abbandono da parte di più famiglie adottive: "rehoming" è un termine così impersonale per un'esperienza così immensamente personale! Quello che la maggior parte delle persone non capisce è il trauma non lascia mai il nostro essere e ci vorranno decenni per affrontarlo in guerra, ammesso che lo superiamo!

Voglio che gli adottati che hanno subito questa esperienza sappiano che non c'era qualcosa di sbagliato in te: è che c'è così tanto di sbagliato nell'attuale sistema di adozione internazionale che permette che ciò accada.

L'esperienza recente mette in evidenza che tutto ciò di cui parliamo gli adottati è sbagliato. Siamo trattati come una merce! Dato via e scartato quando diventa troppo difficile, non l'ideale che la famiglia ha sottoscritto (e acquistato).

C'è qualcosa di intrinsecamente sbagliato nel mantra dell'adozione che tutti credono ingenuamente che Huxley starà meglio con la sua seconda famiglia. Ciò presuppone che la seconda volta, l'agenzia e la famiglia adottiva avranno ragione, ma la nostra realtà vissuta dell'adozione evidenzia che il processo di abbinamento è una lotteria così casuale! L'agenzia potrebbe non fare di meglio la seconda volta, specialmente quando non ha incentivi o punizioni per nessuno dei due risultati, né è costretta a essere ritenuta responsabile per fallimenti come questo o a denunciarlo.

Sono sicuro che tu, come me, potresti sentirti arrabbiato per questa situazione perché continuiamo a ricevere il messaggio che qualcosa non va in noi - che non siamo abbastanza bravi. Come bambini abbandonati, questo è un messaggio interiorizzato che passiamo la vita a lottare per correggere! Spesso ci sentiamo come merce danneggiata. Purtroppo, nemmeno la migliore famiglia adottiva del mondo può garantire che Huxley o altri come lui escano da pasticci come questo senza conseguenze per tutta la vita.

Il sistema è sbagliato quando i futuri genitori non sono adeguatamente valutati, educati da una base informata sul trauma, né respinti. Non tutti dovrebbero avere il privilegio di essere genitori di noi! Ci vuole un tipo di persona molto dotata ed emotivamente consapevole per aiutare veramente un bambino già traumatizzato a guarire, prosperare e sentirsi abbastanza accettato da essere in grado di superare i suoi inizi!

Inoltre, non ci sono abbastanza supporti post-adozione per garantire risultati migliori a lungo termine. I governi e le agenzie trattano l'adozione come una transazione una tantum in cui la loro responsabilità termina il giorno in cui i nostri genitori adottivi ci portano a casa. Raramente ricevono un supporto adeguato e la loro "educazione" termina il giorno in cui la transazione è completata, mentre sappiamo che ogni fase della vita apre un nuovo livello di complessità da svelare. Non abbiamo alcun difensore indipendente che ci guardi a lungo termine per assicurarci che prosperiamo e non esistono rapporti sui nostri risultati a lungo termine nel corso di decenni. Ci sono certamente pochissimi meccanismi per gli adottati per segnalare o agire nel momento o in seguito, quando siamo maltrattati o ulteriormente danneggiati. Huxley riceverà un fondo dall'agenzia per le adozioni o dalla prima famiglia adottiva per fornirgli una fornitura infinita di aiuti professionali se lo desidera, per attraversare il labirinto di traumi composti? Non riesco a immaginarlo! E quando parliamo di esperienze come questa, di solito le nostre voci vengono messe a tacere in preferenza per i genitori adottivi e ci si aspetta che il bambino "vai avanti" come se una "magica altra famiglia adottiva" ci "aggiustasse", così possiamo vivi per sempre felici e contenti! Il problema è che non stiamo vivendo una favola e la prossima famiglia adottiva probabilmente non riceverà nemmeno un sostegno extra per tutta la vita!

I miti in adozione come “famiglia per sempre” creare ideali irrealistici di adozione che si aggiungono alle montagne che noi adottati e le nostre famiglie adottive dobbiamo superare. Anche con la migliore famiglia e le migliori risorse, a volte ci sono troppi traumi e, a volte, niente lo rende migliore! Insegnano ai futuri genitori questo per stabilire aspettative più realistiche?

Ciò che rende questa recente esperienza per Huxley così stimolante per me, è la mancanza di rispetto per il suo viaggio personale e le sue lotte: il suo viaggio è stato reso pubblico dal giorno zero con quasi un milione di spettatori che hanno visto ogni dettaglio! Le sue ulteriori sfide pubblicamente mostrate al mondo intero. Che la famiglia abbia monetizzato il proprio canale YouTube a seguito del suo trauma è imperdonabile e un giorno prenderà in considerazione tutto questo quando avrà 30 o 40 anni e farà tutte le domande che noi adulti adottati all'estero facciamo ora - come potrebbe una famiglia farlo, quando dovrebbero sostenere e amare? Si è mai trattato davvero di lui o di loro? Non siamo un cardo o un pavone da mostrare e mettere in mostra quando fa comodo ai genitori adottivi essere visti come un salvatore! Il nostro viaggio è una vita di traumi e perdite! L'ignoranza su una scala come questa agisce solo per aggravare i traumi esistenti. Chissà se lo considererà un abuso quando sarà più grande? Vorrei.

Non va bene partecipare a un sistema di adozione che sforna e sputa fuori adottati come se fossimo un gidget senza sentimenti o anima! Abbiamo un valore immenso, siamo vulnerabili e meritiamo di meglio. Se questo è il modo in cui viene condotta l'adozione internazionale, dovremmo tutti gridare che smetta fino a quando non sarà fatta in un modo più appropriato che ci rispetti come esseri umani e insegni alle famiglie che o ci prendi con tutti i nostri doni e sfide - o tu andiamo, aiutaci a stare con la nostra famiglia e cultura, o con un'altra famiglia che ha la capacità di esserci per noi a lungo termine! Con l'enorme volume di piattaforme guidate dagli adottati nel cyberspazio che forniscono istruzione e informazioni sui nostri viaggi, mi chiedo come qualsiasi genitore o agenzia adottiva possa continuare a rivendicare ignoranza e ingenuità.

Spero che la rabbia collettiva che proviamo in questo momento incoraggerà tutti noi a gridare dai tetti delle nostre esperienze e a liberarci dalla vergogna intrinseca che proviamo nell'essere abbandonati e rifiutati. Questa non è una vergogna da sopportare: è un sistema che perpetua ulteriori traumi sulla nostra roccia già traumatizzata.

Per gli adottati che sperimentano il reinserimento, è abbandono più volte. Non c'è niente di sbagliato in noi, ma tutto è sbagliato in un sistema che perpetua un tipo di persone che adottano una comprensione ingenua e grossolanamente inadeguata, illudendosi nel credere di poterci salvare, solo per cadere di faccia. Sono un genitore di un bambino nello spettro autistico. So perfettamente quanto possa essere difficile essere genitori, ma sono anche un'adozione internazionale con traumi fondamentali e capisco quanto sia importante che lo facciamo bene in modo che i bambini vulnerabili al trauma vivano, non siano più aggravati dal sistema dannoso che noi vedere abbagliante proprio di fronte a noi!

Nota: sono rimasto sbalordito da quanti genitori adottivi straordinari e astuti esistono là fuori nel cyberspazio che sono stati arrabbiati per questo come me. Spero che anche tu trasformerai quella rabbia in incoraggiare gli adottati a parlare ed essere ascoltati. Aiutaci ad elevare le nostre voci!

risorse

L'esposizione del rehome di Reuter

Da quando ho condiviso i miei pensieri, ho visto molti altri adottati internazionali che scrivevano e condividevano i loro! Meraviglioso vedere le nostre voci uscire dal buio e dare visibilità! Ecco un elenco di ciò che è stato scritto da allora:

https://redthreadbroken.wordpress.com/…/myka-stauffer…/

https://gal-dem.com/huxley-adoption-story-youtube…/

https://www.mother.ly/news/myka-stauffer-adoption (questo articolo include il professor JaeRan Kim, anch'egli adottato all'estero e l'unico accademico che finora ha studiato i guasti delle adozioni internazionali)

https://taylorshennett.wordpress.com/…/a-chinese…/

https://stephaniedrenka.com/open-letter-myka-stauffer/

https://www.buzzfeednews.com/…/huxley-stauffer-youtube… (questo articolo include Susan Cox, anche lei adottata all'estero che lavora per Holt International)

https://www.insider.com/im-an-adoptee-im-tired-white…

https://danielibnzayd.wordpress.com/2020/05/29/adoptive-parents-not-your-story-to-tell/?fbclid=IwAR35OG2l4M28K4M2-AfcorS7yIW9DjHI_I9sXJim7MJ6QUL7vATtI2Dzb

Una risposta a "Adoption Like This Has To STOP!"

  1. Vorrei tanto che gli adottati lo sapessero. Le prime mamme in una gravidanza traumatica vengono perseguitate, mentite, mentite, costrette e talvolta torturate per procurarsi il bambino in vendita. Questo non perché sia cattiva, ma assolutamente perché qualcuno è disposto a sborsare un sacco di soldi per questa vendita (anche se è solo il finanziamento della fed). Come madre della perdita, gli acquirenti in genere mi fanno arrabbiare. Questa è una versione ovattata della schiavitù. Invece di insistere, una volta che un bambino è stato comprato non può essere ricomprato, per favore considera in primo luogo la completa corruzione per vendere un bambino. Grazie

lascia un commento cancella risposta

Italiano
%%piè di pagina%%