L'adozione è complicata

Di Aaron Dechter, adottato dalla Colombia in America.

Sia io che mia madre.

45 anni fa oggi, sono stato adottato e sono arrivato a Boston, negli Stati Uniti. Questa giornata è dura: tre facce della medaglia. Profonda tristezza per Mamá e la mia famiglia colombiana per il figlio che è stato rubato e portato via. Felicità per mia mamma, mio papà e la mia famiglia americana per quello che è stato il giorno più importante per loro. Quindi questo mi lascia.

Come molti altri adottati che sono fatti a pezzi internamente in un milione di pezzi, alla mia età ora, sono arrivato ad accettare gli alti e bassi, la felicità e la tristezza mentre il pendolo oscilla ogni giorno.

La mia sorella minore mi dice: "Il dolore e la sofferenza di Mamá e di tutta la famiglia non guariranno mai". Mia sorella maggiore mi dice: "Prendilo come un dono della vita per avere due famiglie che mi amano, per prendersi cura di me e permettermi di tornare a casa". Brenna e Gabriella dicono: “Questo è stato un giorno felice, ora sapendo che la verità è diversa. È dura, è ancora un giorno speciale ma sembra contaminato”. Tutte le opinioni sono giustificate.

Quindi eccomi qui, a rappresentare la triade dell'adozione. Rappresento Mamá e la famiglia Colombia. Rappresento i miei genitori e la famiglia americana. Rappresento Brenna e Gabriella e me stesso. Non posso lavare via l'adozione, ma mi ha reso quello che sono oggi.

Il percorso verso la guarigione continua, ma sono ancora qui a combattere la causa per Mamá, i miei genitori e me.

lascia un commento cancella risposta

Pubblicazione....
Italiano
%%piè di pagina%%