Non è un'attrazione turistica

Riesci a immaginare se uno sconosciuto entrasse in casa tua e iniziasse a fare selfie con tuo figlio, gli facesse regali, lo abbracciasse e lo baciasse, poi se ne andasse? Il giorno dopo un nuovo sconosciuto è entrato in casa tua e ha fatto esattamente la stessa cosa.

Questa è una realtà per la maggior parte dei bambini che vivono negli orfanotrofi di tutto il mondo. Non ci pensiamo due volte quando vediamo persone postare questo tipo di immagini, infatti spesso ci lodiamo a vicenda quando partecipiamo a tali attività. Da quando riesco a ricordare, visitare gli orfanotrofi, posare con gli “orfani”, amare e fare loro regali è stata vista come una cosa buona e accettabile, ma credo che sia ora di rivalutare! In effetti, è passato molto tempo da quando avremmo dovuto realizzare quanto a volte possiamo essere negligenti con la sicurezza e il benessere di questi bambini.

Com'è che quando sono i nostri figli vediamo le cose in modo così diverso? Quando si tratta di nostro figlio, nessuno ha bisogno di dirci gli effetti negativi che tali situazioni potrebbero provocare, ma quando non si tratta di nostro figlio, ma di un bambino in un orfanotrofio, lo priviamo così facilmente della sua individualità e del suo valore. Gli istinti genitoriali che tengono i nostri figli fuori dai guai dovrebbero essere estesi a tutti i bambini, non solo a quelli all'interno della nostra stessa casa. Dobbiamo lavorare per proteggere TUTTI i bambini allo stesso modo. 

Anche se c'è sicuramente molto da capire sul motivo per cui esiste questa discrepanza di valore, non è di questo che tratta questo post.

Quello che vorrei discutere è il motivo per cui il volontariato negli orfanotrofi può essere problematico e talvolta causare danni. 

  1. La maggior parte dei bambini negli orfanotrofi non sono orfani. In passato, donare e fare volontariato all'interno degli orfanotrofi è stato visto come una cosa buona e nobile, ma con la consapevolezza che 4 bambini su 5 che vivono all'interno di tali istituti non sono orfani, è nostra responsabilità assicurarci di non contribuire al problema. L'atto di visitare e fare volontariato negli orfanotrofi è diventato sempre più popolare nel corso degli anni e, di conseguenza, c'è stato un aumento diretto del numero di orfanotrofi in tutto il mondo. Il desiderio di donazioni può incitare gli orfanotrofi ad andare alla ricerca di bambini per riempire i loro muri, predando le famiglie vulnerabili che sono alla disperata ricerca di aiuto. Di conseguenza, i bambini vengono rimossi dalle famiglie in cui avrebbero potuto essere investiti per restare insieme (il che è veramente nell'interesse del bambino). Per questo motivo, i bambini vengono spesso tenuti all'interno di queste istituzioni per sostenere donazioni continue da parte di volontari e organizzazioni religiose che hanno sviluppato un rapporto personale con quel particolare orfanotrofio. 
  2. Non esiste un buon orfanotrofio. Anche se non sto dicendo che non ci siano orfanotrofi gestiti da brave persone che fanno del loro meglio per fornire un ambiente sicuro e nutriente, l'istituzionalizzazione dei bambini non è mai stata considerata "buona" per loro. I bambini non prosperano nelle cure istituzionali, anche nelle migliori condizioni. Il tasso di abusi fisici, emotivi e sessuali all'interno degli orfanotrofi è alto. Se sappiamo che i nostri contributi agli orfanotrofi possono potenzialmente promuovere la creazione di orfani e sappiamo anche quanto sia dannosa l'assistenza istituzionale per un bambino, allora perché mai dovremmo considerare di contribuire a un sistema che istituzionalizza inutilmente i bambini 4 volte su 5? Proprio come è per i nostri figli, è meglio che tutti i bambini stiano con le loro famiglie biologiche, ove possibile. Sarebbe meglio sostenere programmi che si concentrano sul tenere insieme le famiglie o reintegrare i bambini nelle loro famiglie invece di investire quei soldi in sistemi che stanno separando le famiglie.
  3. Solo volontari e professionisti adeguatamente controllati e formati dovrebbero lavorare con i bambini in istituto. Consentire a gruppi di volontari non adeguatamente selezionati e formati di avere accesso ai bambini vulnerabili negli orfanotrofi promuove un ambiente non sicuro per i bambini. 
  4. Quando i volontari visitano gli orfanotrofi, anche per un breve periodo di tempo, creano un legame che verrà spezzato una volta che il volontario tornerà a casa. I bambini che si trovano nella sfortunata posizione di essere collocati in un orfanotrofio sono stati esposti a traumi. In primo luogo, c'è il trauma che ha determinato la necessità di assistenza. Potrebbe trattarsi di qualsiasi cosa, da abuso, abbandono, morte in famiglia, povertà, salute mentale di un genitore, perdita del lavoro, corruzione o una moltitudine di altre ragioni. In secondo luogo, c'è il trauma profondo dell'essere separati da tutto e da tutti quelli con cui hanno familiarità. Perdere quel legame e la connessione quotidiana con i membri della propria famiglia è estremamente traumatizzante. Il più delle volte, gli orfanotrofi diventano una porta girevole di persone che entrano, si uniscono ai bambini e poi se ne vanno, esponendo così i bambini al trauma dell'abbandono più e più volte. 
  5. Visitare, fare volontariato e donare agli orfanotrofi crea un mercato di domanda e offerta che può portare al traffico di bambini. In molti paesi in via di sviluppo, dove l'infrastruttura del governo è debole, spesso manca un'adeguata supervisione all'interno degli orfanotrofi. Pertanto, è quasi impossibile garantire che la maggior parte di questi orfanotrofi sia gestita legalmente ed eticamente. In molti paesi in cui la crescita degli orfanotrofi è aumentata negli ultimi anni, è diventato un problema enorme da affrontare. Con oltre 500 orfanotrofi senza licenza solo in Uganda, è quasi impossibile donare o fare volontariato all'interno di queste istituzioni, garantendo al tempo stesso che le cose siano gestite in modo etico e che i bambini non vengano sfruttati per ricevere entrate dalle donazioni.

Anche se non sto dicendo che non c'è assolutamente modo di fare volontariato in modo sicuro ed etico in un orfanotrofio, penso che sia importante umiliarsi e assicurarsi che nel nostro tentativo di "fare del bene" non abbiamo in qualche modo partecipato a un sistema che potrebbe sfruttare i bambini. Può essere facile convincersi che se le nostre intenzioni sono buone i risultati delle nostre azioni sono irrilevanti. Le buone intenzioni sono inutili se causano danni. Per molti anni ho inconsapevolmente sottovalutato la vita dei bambini in istituto, tutto in nome della buona volontà. Sono imbarazzato per la mia mancanza di miglior giudizio e ignoranza. Ma riconoscere e ammettere dove ho sbagliato fa parte del cambiamento che voglio vedere in questo mondo.

Possiamo tutti fare meglio ed essere migliori per questi bambini e le loro famiglie.

Di Jessica Davis

lascia un commento cancella risposta

Pubblicazione....
Italiano
%%piè di pagina%%