Sì, noi amiamo questo paese.

Sei una cameriera, una ragazza alla pari o una prostituta? Ho sentito tutto questo durante la mia infanzia e la mia carriera professionale in Norvegia.

Una cronaca norvegese di maggio Martinsen, CEO di Gruppo Irmi. Scritto in collaborazione con l'organizzazione norvegese Adoptionforum e tradotto dal originale articolo pubblicato sui giornali norvegesi.

Ho iniziato a scrivere questo testo nove anni fa, ma è stato archiviato e archiviato perché non osavo alzarmi in piedi. Siamo riusciti a infrangere il codice e ad avere un paese senza razzismo?

Secondo Norwegian People's Aid, le persone in cerca di lavoro con nomi stranieri hanno il 25% in meno di possibilità di essere intervistate e il 43% degli immigrati dall'Africa, dall'Asia e dall'America Latina era sovraqualificato nelle posizioni in cui lavorava (2012). In Norvegia abbiamo la sezione 185 del codice penale, nota anche come sezione sul razzismo, ma può sembrare che non siamo stati in grado di risolvere la sfida.

LEGGI ANCHE: Parla dopo aver scritto di razzismo per dieci anni

Si dice spesso che la Norvegia e i norvegesi siano così amichevoli e inclusivi e che non ci sia quasi nessun razzismo in questo paese. Ma il concetto di razzismo racchiude anche atteggiamenti e discriminazioni che impongono alle persone tratti basati su razza, religione e cultura. Sono nata in Corea e adottata da genitori etnici norvegesi della costa occidentale. Direi che siamo stati reciprocamente fortunati; erano genitori intraprendenti che volevano un figlio, e io ero un bambino che aveva bisogno di genitori. Penseresti che fossi norvegese.
Ma la società e gli individui mi hanno spesso ricordato che non lo sono.

Di recente ho incontrato un'altra donna intraprendente di origine cinese, ma è norvegese come me. Ha scritto un post in Drammens Tidende il 5 aprile 2016 su com'è essere un'imprenditrice e una donna di origine immigrata che affronta il razzismo quotidiano in Norvegia. Sebbene sia stato adottato dai norvegesi, abbia ricoperto posizioni di comando per 15 anni, non sono riuscito a sfuggire al razzismo.

Arrivo con i miei genitori adottivi

Il razzismo visibile

Da bambino

Sono cresciuto in un villaggio dove quasi tutti erano etnicamente norvegesi. A causa di questo, ho avuto momenti difficili nella mia infanzia. Probabilmente anche i miei genitori hanno sperimentato il razzismo all'inizio. Mi hanno raccontato di un episodio in cui io, da bambino, ho pianto su un volo. Uno dei passeggeri aveva detto loro che "persone come lei" appartiene a Emma Hjort, cioè una casa per bambini disabili mentali.

Da bambino, dovevo abituarmi a ricevere commenti come figa negra, puttana negra, fottuto sfigato giallo, ecc. I bambini fanno scherzi e scioperi, e appartiene all'infanzia di tutti. Ma se qualcosa andava storto, la colpa veniva data “a quella gialla”. Sono stato messo a terra e più spesso incolpato di quanto meritato. Mi ha fatto qualcosa da piccolo. E non sono mai stato un informatore. Ho scelto di “soffrire in silenzio”.

Ho imparato presto ad acquisire gli atteggiamenti "se hai intenzione di realizzare qualcosa nella vita, allora devi 'combattere il doppio' e 'non si tratta mai di come ti senti, ma di come lo prendi'." Invece di diventare triste e amareggiato, mi sono concentrato sulla ricerca di una soluzione per una vita quotidiana migliore.

La mia soluzione era diventare un maschiaccio con un tocco di umorismo.

Ma non si è mai fermato del tutto. L'episodio peggiore è stato durante una funzione in chiesa e noi eravamo i cresimandi. Prima del servizio, diverse persone mi hanno costretto a entrare nel bagno della scuola. Mi hanno messo la testa nel water dicendo: "Se devi essere cresimato, devi essere battezzato prima" mentre mi hanno inzuppato la testa con l'acqua del water. Sono arrivato in chiesa appiccicoso e alcuni hanno gridato: "Penso che le fogne gialle qui dentro odorino!" La dichiarazione è stata seguita da una risata sprezzante da tutta la scuola rurale. Questo è stato il giorno in cui ho sentito di avere due scelte: suicidarmi tagliandomi un'arteria o annegando; la scelta numero due è stata quella di rimanere concentrati sulla scuola e pensare ad allontanarsi dal villaggio. Ho scelto quest'ultimo.

Secondo i sondaggi scolastici condotti dall'Olweus Group, oltre il 40% di coloro che sono stati vittime di bullismo ha pensato al suicidio.

La Youth Data Survey del febbraio 2017 afferma che il 10% dei sedicenni ha cercato di uccidersi. Alcuni, purtroppo, "ci riescono", quindi il bullismo e il razzismo, uniti all'isolamento, hanno conseguenze fatali per molti giovani.

Per me, una svolta importante è arrivata quando uno dei principali bulli, dopo molti anni, si è scusato con me e ha riconosciuto ai suoi genitori ea me ciò a cui ero stato esposto da bambino. Non tutti hanno l'opportunità di perdonare come ho fatto io.

Il razzismo silenzioso

Nel libro Pregiudizio plausibile dell'antropologa Marianne Gullestad, scrive di razzismo invisibile – la discriminazione che non notiamo perché si basa su convinzioni che molte persone pensano siano perfettamente normali. Molti sembrano pensare che l'identità abbia a che fare con la discendenza.

Ero convinto che la società stesse migliorando. Ma nell'età adulta è arrivata una nuova lezione: ho scelto di chiamarlo "il razzismo silenzioso".

Avevo dato alla luce il mio secondo figlio e stavo girando intorno alla mia piccola figlia bionda quando la gente per strada mi ha fermato e mi ha chiesto: "Di chi ti occupi? Dove sei una cameriera?" Gli uomini si avvicinavano spesso e mi chiedevano quanto costassi una notte. Ho sempre avuto uno stile classico e conservatore, quindi sono rimasto sorpreso. Ho imparato presto a non offendermi troppo e ad accettare che questa società è “proprio così”. Si tratta ancora di atteggiamenti, ignoranza e stigmatizzazione.

Come donna dall'aspetto asiatico in Norvegia, ho l'impressione di essere vista come una merce internazionale: una cameriera, una ragazza alla pari o una prostituta. Quando avevo la tentazione di arrabbiarmi, lasciavo che fosse. Quando sono apparse le "offerte", ho usato l'umorismo e ho risposto con un chiaro dialetto della West/Midcoast e un sorriso dicendo: “Scusa, sono troppo caro per te!

razzismo digitale

Già nel 2012 le Nazioni Unite hanno espresso preoccupazione per l'aumento del razzismo digitale. I nostri figli ora stanno imparando il comportamento del web online attraverso la scuola. Ma che dire degli adulti?

Sui siti di incontri digitali, le persone si incontrano alla ricerca di possibili fidanzati, fidanzate e futuri compagni di vita. Conosco diverse persone che si sono sposate, a seguito di contatti attraverso piattaforme digitali.

Sebbene fossi scettico su queste arene e pensassi che fosse meglio incontrare persone nella vita reale, ero curioso di conoscere siti di incontri consolidati e usati mentre ero single nei primi anni 2000. Sfortunatamente, sono poi annegato nelle richieste di prostituzione e attività di camera da letto, sia il visibile che l'invisibile hanno spiegato che ero un'asiatica. Ho concluso presto che questa arena era più adatta per i norvegesi etnici, e rapidamente mi sono disconnesso e ho chiuso l'account.

C'è stato qualche sviluppo positivo qui in quest'area negli ultimi 15-20 anni, mi sono chiesto di recente e ho stabilito un profilo per sostenere il test. La conclusione è che fortunatamente sembra essere un po' migliorato. Ma purtroppo non è sparito del tutto.

Sviluppo e responsabilità sociale

Dopo aver trascorso alcuni anni a Tokyo come diplomatico per il ministero degli Esteri, io e mio marito ci siamo trasferiti a casa e nel 2011 ho iniziato un nuovo lavoro di direttore a Oslo.

Il primo giorno di lavoro, un collega chiede durante un programma chiuso con visita guidata,
"Di dove sei?" Una domanda logica e la risposta è stata semplice: "Sono appena tornato da Tokyo, ma sono cresciuto fuori Namsos" (una città locale in Norvegia). Ma il collega mi ha guardato come se fossi caduto dal pianeta Marte: "Non è vero!" Ho riso prima di collegarmi al fatto che fosse la mia etnia a essere improvvisamente messa a fuoco. Dato che ero l'unica donna nel gruppo dirigente e avevo anche un'origine etnica diversa, forse non era strano? Ho gentilmente risposto che sono stata adottata dalla Corea da genitori norvegesi.

La reazione è stata indimenticabile. “No, non si chiama così. Persone come te non vengono adottate. Sei importato.” Non ho potuto fare a meno di ridere, anche perché non credevo alle mie orecchie. Davvero non eravamo andati oltre?

In una celebrazione del cinquantesimo compleanno, sono stato in una conversazione con un senior director in una direzione norvegese, che ha parlato delle sfide che la Norvegia sta affrontando con tutti i somali. Mi sono incuriosito e ho dovuto chiedere di più su cosa volesse dire quella persona, spiegando che io stesso ero stato adottato e avevo genitori norvegesi. La risposta è stata: “Oh, vieni dall'Asia. Sì, le persone come te sono così laboriose e dolci".

 “Persone come te“?

Pensavo di essere norvegese!

Viaggio molto per lavoro. Tra tutti gli aeroporti che visito, spicca OSL Gardermoen. 9 volte su 10, io e il mio bagaglio dobbiamo essere ispezionati. Si chiama "controllo casuale". Un'osservazione interessante è che questo accade sempre, mentre accade raramente in altre città europee quando arrivo. Ne ho fatto uno sport, quindi quando sono con altri nel gruppo di viaggio tendo a dire: tieni traccia di ciò che sta accadendo nei controlli di sicurezza ora.

Non dirò che questi episodi quotidiani siano razzismo, ma sono mie osservazioni. Due settimane fa hanno cercato di espellermi dalla coda UE/SEE al controllo passaporti, citando che ero giapponese. Quando ho mostrato il mio passaporto norvegese con un sorriso, la persona che si era avvicinata era piuttosto turbata e imbarazzata.

In viaggio con le mie figlie in Corea del Sud

Quando si tratta di politica sull'immigrazione, integrazione e prevenzione del razzismo, non dimenticare i norvegesi “invisibili” che sono adottati o nati in Norvegia. Le mie figlie hanno un padre etnico norvegese e sono nate in Norvegia. Le nuove generazioni, i giovani adulti promettenti, non dovranno ritrovarsi tra commenti, pregiudizi e discriminazioni. Come madre, posso insegnare ai miei figli a includere e prendersi cura, e a colpire duramente quando gli altri sono soggetti a bullismo o razzismo. Ma non potremo mai affrontare la battaglia da soli.

Abbiamo bisogno di aumentare la conoscenza e chiarire la responsabilità che abbiamo tutti di aiutare a cambiare gli atteggiamenti. Non lasciate che chi è esposto soffra in silenzio. Il lavoro deve essere radicato nei politici e nello Stato come parte di un'importante responsabilità sociale. È una delusione che non siamo riusciti a migliorare ulteriormente.

2 Risponde a “Yes, we love this country.”

lascia un commento

Pubblicazione....
Italiano
%%piè di pagina%%