Non puoi consigliarti di appartenere

Facebook Red Table Talk, Jada Pinkett Smith, Willow Smith, Gammy, fotografata da Michael Becker

Vedere Angela Tucker essere invitata alla Tavola Rossa per affrontare l'adozione transrazziale dal punto di vista di un adulto adottato è stato forse un momento fondamentale per molti di noi. Sono entusiasta che abbia avuto la possibilità e il coraggio di parlare di un argomento che gli adottati sanno creare disordine e spesso aperta ostilità.

Ho aspettato tutto il giorno che apparisse guardando un catalogo arretrato di episodi incluso uno che non riuscivo a guardare prima di quel giorno, rispondendo alla domanda "I bianchi dovrebbero adottare bambini neri?" in cui l'ospite è un genitore adottivo bianco e sono particolarmente assenti gli eventuali adulti adottati.

Non mi è sfuggito che uno di questi episodi sul privilegio bianco della famiglia discute il significato e l'impatto della citazione "Il pregiudizio è l'impegno emotivo verso l'ignoranza". In un altro episodio sulle relazioni tra donne nere e donne bianche, Jada parla onestamente della difficile sensazione che prova con le donne bianche, specialmente le donne bianche bionde. Più tardi penserò a questo e immagino cosa direbbe se le venisse chiesto di adattarsi a un gruppo di donne bianche bionde nel modo in cui sembra che si aspettino che Angela possa fare in una comunità nera.

Angela esprime cose a cui molti adottati si riferiranno in una forma o nell'altra, mentre altri no. Ad esempio, attualmente si sente più a suo agio nelle comunità bianche e nell'essere genitori di bambini bianchi in affido, e vedo molte critiche online per questo, sia da parte degli adottati che dei non adottati.

Se c'è una cosa che sappiamo dell'essere adottati è che possiamo mantenere prospettive mutevoli sulla nostra esperienza nel tempo e offrire agli altri lo spazio per essere dove sono è offrirlo a noi stessi. 

Un momento che mi ha toccato è stato quando Angela ha detto "Spero di vivere per vedere il giorno in cui la gente dice, quando dico 'sono adottato', dicono 'oh mio Dio, qualcuno ha provato a tenerti con te? prima la famiglia?' invece di celebrare la sua adozione e aspettarsi gratitudine per essa. Quando Jada ha detto "Non ci avevo mai pensato in quel modo prima" ho espirato, c'è una guarigione nell'avere la tua esperienza vista e riconosciuta in quel modo. L'ho sentito ultimamente con degli amici, che mi hanno detto “Mi stai davvero aprendo gli occhi”. In un mondo in cui le persone combattono attivamente per negare la mia realtà, sono così guarito dall'avere persone nella mia vita che possono cambiare prospettiva e lo fanno. Allo stesso modo, vedo che quei momenti sono capitati spesso nel corso di diversi mesi in cui condivido apertamente e non senza fraintendimenti. Quindi forse è molto aspettarsi che uno spettacolo di 20 minuti sposti le prospettive molto lontano in un giorno. Ci vorrà tempo e più delle nostre voci per costruire la comprensione.

Al tavolo rosso, un cambiamento di tono nella conversazione avviene rapidamente con l'ammissione vulnerabile di Angela di provare paura in compagnia di persone di colore, in questo momento ho la sensazione che abbia perso parte dell'empatia del suo ospite mentre Gamma si irrigidisce e le chiede di spiegare perché ha scelto la parola 'paura'. La paura dei neri è così inestricabile con un'eredità di discriminazione e violenza che non sorprende che la parola paura sia allarmante, io stesso ho trattenuto il respiro. Ma il "vero discorso" è al centro dello spettacolo e capire che l'adozione transrazziale è proprio questo, reale. Gamma ne aveva dato prova lei stessa in uno spettacolo precedente, quando aveva ammesso di aver trovato più facile accettare un uomo bianco in famiglia che una donna bianca.

Come compagno di adozione, quello che so è che la paura che provo per le persone della mia stessa cultura è anche un ricordo implicito della mia rinuncia. Intorno a persone che sembrano quelle che mi hanno abbandonato e quelle senza cui ho vissuto, mi sento vulnerabile, rifiutabile. Può un non adottato comprendere mai veramente quella sensazione? 

Entrando nel suo passo, Gamma consiglia presto ad Angela di "consultarsi" per aver messo in discussione come potrebbe insegnare a un bambino nero (in affido) ad essere nero, Gamma sottolinea che Angela consiglia le coppie bianche nell'adozione transrazziale. Angela, tuttavia, non consiglia ai bianchi di essere neri, non consiglia loro di adattarsi alla cultura nera, usa invece la sua esperienza vissuta come adottata transrazziale per educare i genitori adottivi sui rischi, la mancanza di specchi razziali e modelli di ruolo . Non è la stessa cosa che essere effettivamente una persona di colore che cerca di inserirsi in una cultura nera senza la quale è cresciuto.

Non puoi consigliarti di appartenere.

Non puoi imparare ad appartenere più di quanto puoi imparare a essere un pavone. Potresti imparare abbastanza per uscire con i pavoni senza allarmarli, ma prova a volare e saprai che non sei abbastanza pavone abbastanza rapidamente. Proprio così con l'iceberg della cultura. Una miriade di strette di mano segrete si trovano sotto, prove non dette e iniziazioni siedono tra noi e gli altri.

L'appartenenza è al centro dell'identità. Coloro che pensano che sia sufficiente decidere chi sei indipendentemente dalle altre convinzioni, stanno sottovalutando il ruolo che l'essere visti gioca nella nostra identità. L'accettazione di sé nella nostra identità è una piccola isola, a volte irrilevante, la convalida della nostra identità è un continente. Per gli adottati transrazziali può esserci molto mare tra la nostra isola e quel continente.

Penso ad Angela seduta a quel tavolo con tre generazioni di donne nere, sicure della loro parentela, legate dalla biologia e da una storia condivisa. Dall'altra parte del tavolo Angela siede tra una coppia bianca che l'ha cresciuta, e non le assomiglia per niente, e le donne nere che l'hanno partorita – che le somiglia ma le è estranea. Cerco di immaginare di cosa avesse bisogno Angela da quelle donne dall'altra parte del tavolo che la rimproverano di consigliarsi.

Penso che potrebbe esserci una guarigione sia per Angela che per molti adottati che si relazionano con lei se avessero potuto dire: "Mi dispiace che tu debba lottare per appartenere alla tua stessa gente, capisco perfettamente perché ti senti in quel modo. Vogliamo che tu sappia che per noi appartieni proprio qui a questo tavolo qui con noi”.

Angela e tutti gli adottati – appartenete alla nostra tavola, la vostra voce è importante per noi, grazie!

4 Risponde a “You Can’t Counsel Yourself into Belonging”

  1. AdoptiveBlackMom - Sono una donna professionista nera single che vive nell'area di Washington. Ho adottato mia figlia ormai adulta nel 2014 e questo blog racconta il mio viaggio. Sentiti libero di contattarmi a adoptiveblackmom@gmail.com, su Facebook a Adoptive Black Mom e su Twitter @adoptiveblkmom. ©www.AdoptiveBlackMom.com, 2013-2022. Tutti i diritti riservati. (Non copiare il mio ish senza credito!)
    AdoptiveBlackMom ha detto:

    Meraviglioso riassunto. Quel momento di “consiglio” mi ha dato una vera pausa; stava davvero rivelando quanto tutto questo possa essere frainteso per la gente. Angela è una rockstar e sono così felice che sia stata giustamente invitata al tavolo.

    1. Sì, così rivelatore, e purtroppo non c'è tempo per disimballarlo nello show, quindi ha raccolto una buona dose di ostilità da parte degli spettatori. Sì, Angela è una rockstar! Mi è piaciuto leggere il suo recente post sul blog a riguardo

lascia un commento cancella risposta

Italiano
%%piè di pagina%%