Cosa c'è nel nostro "migliore interesse" come persone adottate all'estero?

Trovo interessante riflettere sul perché il concetto Migliore interesse del bambino nell'adozione internazionale si discute e si prendono decisioni senza sostanziali ricerca sui risultati a lungo termine nell'adozione internazionale. Quando dico a lungo termine, intendo decenni per mostrare come l'adozione internazionale influisca su di noi nelle varie fasi della vita. La maggior parte della ricerca esistente si concentra su un breve lasso di tempo dall'adolescenza alla prima età adulta, ma non molto oltre. Avendo vissuto la mia vita fino alla mezza età adulta, e riflettendo sui cambiamenti che ho attraversato da giovane adottato, venendo a patti con la mia vita, la mia identità, dove mi adatto, avendo figli miei, non c'è dubbio nella mia mente che il modo in cui gli adottati vedono l'adozione e il suo impatto cambia nel tempo con l'avanzare dell'età e con l'esperienza della vita.

C'è anche poco input nei forum professionali su Migliore interesse del bambino da coloro che sono esperti del viaggio vissuto — adottati internazionali! L'adozione internazionale è un fenomeno moderno da oltre 70 anni se si considerano le ondate di adottati internazionali tedeschi, greci, poi coreani e oltre. Rimane un presupposto formulato all'interno delle convenzioni e delle leggi internazionali sull'adozione, che è nel nostro miglior interesse metterci con estranei - razzialmente, culturalmente, spiritualmente, emotivamente e biologicamente, ma non esistono ancora prove longitudinali per confermare che l'adozione internazionale È una soluzione positiva per i bambini stessi, né input da coloro che la vivono in un largo spettro di esperienze.

Al recente Simposio sull'adozione internazionale del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, una delle 5 questioni che ho sollevato in considerazione come miglioramento per la politica discussione, era il Migliore interesse del bambino concetto da discutere dal punto di vista di chi lo vive. Anche JaeRan Kim ha recentemente scritto un fantastico articolo ponendo la domanda pertinente sul motivo per cui fino al mese scorso gli adulti adottati all'estero americani non erano stati contattati in modo proattivo per partecipare ai forum di discussione politica. La mia ipotesi è che forse è scomodo ascoltare le nostre verità? Potrebbe significare che l'industria ha bisogno di ascoltare e cambiare!

Quindi, dato che siamo raramente invitati ai tavoli per discutere di questo importante concetto, ho deciso di portarvi ciò in cui credono alcuni adottati internazionali di età matura e pensiero critico. i nostri migliori interessi. Ascolta tu stesso ciò che coloro che lo vivono, considerano nel nostro interesse. Spero che questo ti aiuti a riflettere più a fondo sull'adozione internazionale come industria, su come viene condotta e sui cambiamenti necessari per includere le nostre prospettive vissute.

La domanda: Cosa pensi che DOVREBBE significare "Nel migliore interesse del bambino" nei contesti di adozione internazionale... nel contesto della tua adozione? Se potessi parlare per te stesso "figlio" quando è stata presa la decisione di adottarti all'estero, cosa avresti voluto dire? Qual era il tuo interesse, con il senno di poi?

Risposte condivise, in ordine di permessi concessi:

“Se mia sorella/cugina avesse un bambino e non ci fosse considerazione per il coinvolgimento della famiglia nel crescere il bambino, sarei così irritato. Essendo legato alla famiglia, sarei molto più adatto a crescere il bambino. Non c'è modo all'inferno, il bambino supererebbe tutti noi che onoriamo la presenza di sua madre e lo guidiamo con le reali migliori intenzioni del bambino e della madre. Il legame di parentela è VITALE.” (Anonimo, indiano adottato)

"Il miglior interesse non è essere costretti a lasciare le nostre famiglie e i nostri paesi semplicemente per essere curati". (Georgiana-A. Macavei, adottiva rumena)

"Non togliermi la cittadinanza originale o il diritto di vivere e conoscere la mia cultura mentre sono nel mio paese di nascita." (Linzi Ibrahim, adottato dallo Sri Lanka)

"Per me, "nel migliore interesse del bambino" è il benessere in azione, dove gli adulti determinano ciò che è meglio - in termini di salute, alloggio, stabilità familiare, cure educative, stabilità economica, ecc. Quindi io, come orfano attraverso l'adozione acquisita questo. O in altre parole, guadagna un grado di privilegio bianco. Secondo l'UNCRC (Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti del fanciullo) l'ideale è la continuità della cultura, dei legami familiari, della stabilità, della salute, ecc. Ma il "diritto del bambino" è diverso dall'"interesse superiore del bambino".

Il miglior interesse è anche il miglior interesse del genitore adottivo (AP). Cioè, l'AP, prendendosi cura di un adottato/orfano abbandonato, sta provvedendo al miglior interesse del bambino e di se stessi come coppia che diventa un'unità familiare. Un bambino portato dall'impoverimento/istituzionalizzazione del terzo mondo alla prima casa amante del mondo, ad esempio, la separazione familiare all'interno della narrativa incorporata dell'adozione è nel "miglior interesse del bambino" in quanto si adatta all'obiettivo della famiglia occidentale moderna. Quindi, a loro volta, gli adottati devono essere grati.

Il "miglior interesse del bambino" è anche una svolta del concetto di infanzia del secolo scorso. Quando l'Occidente industrializzato si è spostato dal lavoro coloniale e dalla cura del bambino tramite tate/o famiglie con molti bambini, ai concetti post-seconda guerra mondiale di gioco infantile, sviluppo e istruzione/assistenza all'infanzia. Con le donne bianche come autisti all'interno dell'establishment coloniale che determinano ciò che è nel "migliore interesse del bambino" (generazione rubata, scuole residenziali, adozione, case di cura, a ciò che ora chiamiamo affidamento e accordi di assistenza permanente). Quindi l'adozione deve essere vista come una progressione sociale naturale che avvantaggia il bambino, cioè l'adozione nell'interesse superiore del bambino.

La mia preoccupazione principale è che l'interesse superiore del bambino è limitato dalla parola "bambino". L'adozione di bambini e l'atto di adozione tramite agenzie per l'infanzia/dipartimenti della chiesa e del governo della famiglia non riguardano i diritti dei bambini, specialmente quando si sviluppa in un adolescente/adulto. Quando i concetti di appartenenza, comunità e differenza iniziano a giocare sulla psicologia dell'individuo. Per un bambino essere libero e amato in una famiglia nucleare e in grado di essere un bambino in adozione è tutto ben intenzionato, ma il bambino non ha un'agenzia come individuo da qui le discussioni sull'identità e "chi è la mia famiglia prima che venissi qui ?"

Ma l'interesse superiore del bambino trascura e respinge il diritto di una persona a conoscere i propri genitori biologici e ad avere un legame continuo con la cultura e la lingua.

L'adozione nella spinta del "migliore interesse del bambino" agisce in realtà per recidere "i diritti del bambino".” (Dominic Golding, vietnamita adottato)

“Penso che nel contesto della mia adozione non fosse assolutamente nel mio interesse tagliare legalmente i legami con le mie radici e la mia identità e perdere il mio paese, la mia cultura, la mia madre e la mia famiglia. Il miglior interesse del bambino per me significherebbe trovare modi che consentano a una madre di mantenere suo figlio e, se non è possibile, allora con la famiglia allargata, gli amici o una casa per bambini sicura nel loro paese di origine". (Sagarika Abeysinghe, adottata dallo Sri Lanka)

“Dopo la mia recente esperienza (sintomi di stress post traumatico e shock) credo che l'interesse superiore del bambino nell'adozione dovrebbe essere evitato con tutti i mezzi. Sarebbe meglio secondo me sostenere la famiglia d'origine e vedere quali sono le vere cause profonde dell'adozione (dalla famiglia d'origine e dalla famiglia adottiva). Credo che finché sarà consentita l'adozione, esisterà anche il traffico di bambini e avrà enormi conseguenze per il bambino”. (Lidya Booster, indonesiana/cinese adottata)

“Il mio interesse è sapere che la mia famiglia e i miei amici stanno bene. Non ho bisogno di venire in un paese dove sono io quello che deve adattarsi a tutti quelli che mi circondano. Ho sperimentato la perdita sia della famiglia che del paese. Perché spogliarmi della mia lingua e dei miei ricordi? Per il mio migliore interesse, dovrei essere in grado di sentire che non sono punito per essere senza genitori. Devo poter amare e sentire la mancanza di mia madre. Ho bisogno di essere in grado di avere una connessione con il mio paese che non sia imbiancata". (Angelica Bråten, colombiana adottata)

“Questa è davvero l'ultima opzione? Che crescerò così lontano dalla mia cultura? Non conosco la risposta su cosa fosse meglio, ma non credo nella parte 'nell'interesse del bambino' quando si trattava di fare soldi”. (Dilani Butink, adottata dallo Sri Lanka)

“Riporta me e i miei fratelli da mia madre. Non sono un orfano. mi hanno rubato!! E rinchiudere queste persone che guadagnano da noi vendendomi a un pedofilo! Questo sarebbe stato nel mio interesse! Essere portato via dalla mia famiglia è stato il primo crimine. Tutti i bambini che sono stati dati in adozione senza il consenso delle famiglie non avrebbero dovuto aver luogo. Questo è il caso di un gruppo molto grande”. (Maria Quevedo, colombiana adottata)

“Il miglior interesse dovrebbe significare preservare la cultura della nascita del bambino. Negare la lingua, il nome, l'eredità ancestrale e così via nega un'enorme componente spirituale e connettiva alla propria vita. Nella difficile situazione dei nativi indigeni di rivendicare giustizia e comprensione degli impatti a così tanti livelli, questo è successo anche a molti di noi adottati all'estero”. (Kelly Foston, adottata dalla Corea del Sud)

"Il bambino ha bisogno di essere immerso ed esposto alla sua cultura di nascita fin dall'inizio in modo che quando raggiunge l'età adulta (20), sia in grado di decidere da solo se vuole essere coinvolto o meno". (Marc Conrad, boliviano adottato)

“Il miglior interesse del bambino non può iniziare con gli adulti che cercano un bambino perché credono che sia un loro diritto innato crescere un bambino. Una volta che hai degli adulti che cercano un bambino da crescere, i migliori interessi del bambino sono già compromessi. L'interesse superiore di un bambino è indissolubilmente legato al posto genetico di quel bambino nella sua famiglia. Anche se è vero che alcuni genitori o persino famiglie non sono in grado di crescere il proprio figlio per vari motivi, trovo quasi impossibile credere che assolutamente nessuno all'interno della comunità culturale/razziale/etnica/locale di quel bambino possa aiutare a crescere quel bambino. Se questo è il caso, forse dobbiamo guardare alla società che non apprezza preservare e allevare i propri figli.

Trovo anche impossibile credere che l'interesse superiore di un bambino possa essere protetto cancellando l'identità di un bambino e tagliando intenzionalmente e permanentemente quel bambino dai suoi antenati. L'interesse superiore di nessun bambino può essere eticamente preservato quando il denaro scambia le mani per quel bambino, quando documenti fondamentali come i certificati di nascita originali o sono falsificati o in qualsiasi modo negati a quel bambino. Sebbene possa ferire ed essere difficile da accettare, la verità adeguata all'età è sempre nell'interesse di un bambino. Le bugie e le falsificazioni non lo sono mai”. (Abby Forero Hilty, colombiana adottata)

"Non ci sarebbe mai potuto o sarebbe "nell'interesse del bambino" quando lo stai portando via dalla cultura in cui sono nati, o dalla famiglia che rischiano di perdere." (Kim Yang Ai, adottato Sth coreano)

“Perché pensi che sia nel migliore interesse adottare una bambina fuori dal suo paese in un altro con una lingua, una cultura, ecc. completamente diversa? Non è nel migliore interesse falsificare documenti per rendere il bambino più desiderabile per la nuova famiglia adottiva... tattica di marketing". (Ashley Thomas, adottata colombiana)

“Il mio primo pensiero sarebbe se la famiglia immediata/estesa fosse disponibile, allora forse sarebbe nell'interesse del bambino. Se in un orfanotrofio, c'è qualche famiglia nel migliore interesse o un'istituzione? Considero l'età un fattore (ad es. più il bambino è grande, maggiore è la capacità di prendere le proprie decisioni, ecc.)?" (Farnad Darnell, adottato iraniano)

“Non è mai nell'interesse di un bambino rimuoverlo dal suo paese di origine, trasferirlo in un altro e poi affidargli da adulti il compito di provare a dimostrare perché “meritano” di restare, cioè io non ho cittadinanza a causa di come è avvenuta la mia adozione. Al di là delle disfunzioni e degli abusi che ho subito da bambino, e che affronto da adulto, per nessun altro motivo se non per essere stato adottato nell'abuso, da buttare anche nella consapevolezza che il mio governo adottivo mi considera un inconveniente di cui vorrebbero liberarsi, aggiunge la beffa letterale al danno effettivo”. (C, adottato canadese)

“Se il presupposto è che un'adozione internazionale avrà luogo, allora “nel migliore interesse del bambino” significa per me che il collocamento implicherebbe un'educazione approfondita delle potenziali famiglie adottive sulle migliori pratiche basate sull'evidenza con molto supporto a lungo termine. Le potenziali famiglie verrebbero interrogate sulla loro attuale relazione con le persone della razza e della cultura da cui stanno adottando e aiutandole a vedere le aree in cui hanno pregiudizi. Le potenziali famiglie verrebbero anche interrogate sulle loro aspettative nel crescere un bambino e su come potrebbero farcela se quel bambino non soddisfa le loro aspettative. Essendo un adottato e in procinto di adottare, penso che ci dovrebbe essere meno enfasi sul reddito e sulle tasse e più enfasi sulle abilità genitoriali e sulla comprensione culturale. Certo, garantire la cittadinanza e forse anche la doppia cittadinanza, se lo desidera l'adottato, dovrebbe essere un dato di fatto”. (Anonimo, Sth coreano adottato)

Naturalmente, questo post non osa pretendere di parlare a nome di tutti gli adottati internazionali in tutte le fasi della vita o dei punti di vista, ma è una raccolta di risposte di coloro che hanno partecipato alle discussioni all'ICAV come mezzo per iniziare la conversazione e stimolare il pensiero.

Quali sono i tuoi pensieri dopo aver letto questa raccolta di risposte dagli adottati internazionali? Accogliamo con favore i tuoi commenti qui sotto.

lascia un commento cancella risposta

Pubblicazione....
Italiano
%%piè di pagina%%