Attivismo adottato in America

Ascolta le voci degli adottati

La difesa e l'attivismo degli adottati per me riguardano la guarigione degli adottati e la rivendicazione del nostro potere.

Questa settimana è stata così potente ma cruda su così tanti livelli. Ho viaggiato in America per partecipare al Simposio sull'adozione internazionale del Dipartimento di Stato (17 e 18 settembre) che ha riunito tutti gli enti governativi e le ONG relativi e che soddisfano i processi di adozione internazionale, le entità accreditate che includono IAAME e le agenzie di adozione, e per la prima volta, la rappresentanza della triade adottiva. Sono stato invitato a parlare e rappresentare gli adottati internazionali.

Dopo la fine del simposio, alcuni dei nostri leader e individui adottati da un paese all'altro americano che desideravano essere coinvolti a livello di politica e pratica del governo, si sono incontrati con il Dipartimento di Stato (19 settembre) e hanno parlato di come potremmo interagire/collegare insieme nel futuro e quali sono i nostri obiettivi e le questioni di interesse.

I seguenti sono i miei pensieri dopo aver frequentato questi ultimi tre giorni.

Ascoltando gli stessi canti per "più adozione” di cui ho letto attraverso le acque, ma che ho avuto modo di sperimentare sul serio, è stato a dir poco straziante.

Comprendere personalmente le esperienze di vita di alcuni dei miei compagni attivisti è stato un onore.

La domanda è stata posta al nostro gruppo di adottati perché pochi americani adottati all'estero negli ultimi anni, fino ad ora, non si erano alzati per coinvolgersi a livello politico.

Dopo essere stato in America per una settimana, vedendo il livello di rabbia per coloro che osano dire qualsiasi verità che non corrisponde al "vogliamo più bambini” Il canto è stato un enorme test di realtà. America la terra dei liberi! Bene, vedo che è più la terra della libertà per coloro che condividono il discorso dominante, ma può anche essere scortese e priva di compassione per coloro che esprimono una storia diversa.

La portata e la profondità con cui è stata condotta l'adozione internazionale in America, che aggiunge un danno emotivo evitabile ad alcuni adottati, mi ha finalmente aiutato a capire perché le loro voci non sono state al tavolo. La capacità di elevarsi al di sopra della propria terribile realtà dell'adozione è una richiesta enorme. Quello che mi ha colpito venendo a capire personalmente questi viaggi in massa negli anni in cui mi sono connesso con altri adottati, è quanto peggio sia qui in termini di dimensioni e dimensioni. Non si tratta solo delle adozioni storiche dagli anni '50 agli anni '80. Incontro adottati dagli anni '90 agli anni 2010 e sento le stesse terribili esperienze! Inoltre, non nego che ci siano probabilmente un sacco di adottati internazionali che hanno poche motivazioni per migliorare le cose perché l'hanno già fatto benissimo. La loro realtà non è stata respinta e nemmeno l'altra gamma di esperienze attraverso lo spettro.

Alcune delle risposte del pubblico sono state così sprezzanti nei confronti delle nostre lotte citando che siamo stati solo un "momento nel tempo", o abbastanza sfortunati da essere una conseguenza di "poche mele marce". Come ho detto il primo giorno in risposta al discorso di Laura Ingraham, una terribile esperienza di adozione è una di troppo! Quindi, per favore, se vuoi davvero sentire cosa abbiamo da dire come adottati, credimi quando dico: "queste adozioni di mele marce stanno ancora accadendo dagli ultimi 20 anni".

Ascolto delle chiamate e supporto per "meno regolamentazione" e "razionalizzazione” non è la risposta di fronte all'enorme realtà. Di cosa abbiamo bisogno che i governi e le parti interessate facciano diversamente che non sia stato fatto affatto o abbastanza? Abbiamo bisogno che riconoscano i torti del passato al presente. Abbiamo bisogno del pieno riconoscimento che le decisioni prese PER noi come bambini vulnerabili, sono state terribilmente dolorose, terribilmente dannose per troppi.. abbiamo bisogno di sentirlo non solo una volta, ma più e più volte in modo che sappiamo che non dimentichi il gli errori del passato e coloro che ne sono stati vittime, possono sentirsi al sicuro sapendo che abbiamo imparato la lezione, o almeno ci stiamo provando.

Dal mio personale viaggio di guarigione, so quanto sia incredibilmente importante sentire "Mi dispiace che sia stata un'esperienza terribilmente dolorosa" da un luogo sincero. Non solo abbiamo bisogno di sapere che hai ascoltato e riconosciuto il nostro dolore, abbiamo bisogno che tu ci dia tempo per elaborare quel riconoscimento, permetterci di andare oltre nel nostro viaggio - e poi chiederci di concentrarci e lavorare insieme su come evitiamo che accada di nuovo.

Per gli adottati è terribilmente stimolante essere licenziati, negare la nostra realtà e sfiorare le nostre preoccupazioni con "non è così adesso”. Sì le cose sono cambiate… drasticamente, ma devono cambiare di più! È necessario implementare servizi di supporto per tutta la durata della nostra vita che ci aiutino a superare il danno. Abbiamo bisogno di una riparazione che permetta soluzioni fuori dagli schemi per viaggi individuali di guarigione. Dobbiamo vedere che rimandare indietro i bambini APPENA SAPREMO che qualcosa non quadra, è totalmente una prima opzione che sarà supportata da tutti i giocatori che hanno facilitato l'adozione. Mantenere il bambino come unica opzione aggiunge ulteriori complicazioni che alla fine noi adottati dovremo vagliare.

Persone e paesi commettono errori .. siamo solo umani. Quello che attualmente manca è il riconoscimento e la sensibilità attraverso lo SPETTRO dei giocatori nel riconoscere il trauma di decenni (sì, 70 anni!) di adozioni internazionali fatte male. La realtà che l'attuale e le precedenti amministrazioni americane non sono riuscite ad affrontare la cittadinanza degli adottati internazionali, la pietra angolare fondamentale della permanenza, della continuità e della famiglia, dimostra chiaramente quanto poca comprensione e sostegno esistano per l'adottato sfollato. Questo è nascondere i torti del passato sotto il tappeto su vasta scala!

Mi rendo conto del motivo per cui gli adottati non sono stati al tavolo a farsi strada. Le profondità del dolore possono essere troppo crude e il rischio di ricevere ulteriori traumi da coloro che invalidano le nostre esperienze è incredibilmente alto. Per un paese religioso come l'America, sicuramente ha poca comprensione della necessità del potere di guarigione e del riconoscimento delle azioni sbagliate. Tutti gli americani dovrebbero pregare non per l'aumento delle adozioni, ma per coloro che sono già qui, per ricevere il giusto sostegno affinché possano trovare la guarigione. Perché i deportati ricevano il sostegno di cui hanno bisogno insieme alle loro famiglie disgregate.

Solo una volta che siamo pienamente supportati per guarire come coloro che hanno già sofferto, possiamo veramente contemplare l'adozione etica di più - almeno allora, possiamo essere sicuri che, nonostante gli errori commessi, la grande America ha la maturità per aiutare le vittime a superare.

Il mio cuore si spezza per i miei fratelli e sorelle americani che lottano per risorgere dalle loro ceneri. Ho trovato affascinante vedere la sezione del Newseum sull'11 settembre e il modo in cui viene rappresentata così tanta compassione per quelle vittime, ma nell'adozione internazionale – chiedo dov'è quella stessa compassione? C'è un riconoscimento della sofferenza collettiva che troppe generazioni di adottati internazionali hanno vissuto in America?!

No! Rimangono un puntino sullo schermo radar, a malapena visibili, in gran parte fraintesi perché sono ammantati di "Dovresti essere grato di essere in questo fantastico paese” stendardo che nega la tragica realtà di tanti!

Sono costretto a dare l'esempio e dimostrare che gli adottati possono trovare il loro potere. Il mio percorso è solo un modo per rialzarmi dalle ceneri. Ho imparato da solo quanto sia incredibilmente curativo trasformare i miei dolori in trionfi e tentare di rendere questo mondo un posto migliore e mi chiedo sempre cosa avrei ottenuto se fossi stato lasciato in Vietnam (la mia porta scorrevole adottiva / universo parallelo che riflette ). Questo percorso di difesa degli adottati è il mio modo per dare un senso alla mia adozione e alla mia vita. Forse sono stato salvato per dare questo messaggio, per essere questa voce, per rappresentare veramente il “l'interesse del bambino” e assicurarsi che non venga spinto via?

Spero che questa settimana sia stata l'inizio dell'inizio, che lo slancio fluisca perché ...

basta che uno prenda posizione per la verità, perché un altro trovi il proprio coraggio.

Che settimana di apprendimento, che settimana di connessione! Spero che l'America arrivi ad abbracciare gli errori del suo passato nell'adozione internazionale e fornisca uno spazio sicuro per i molti adottati internazionali che hanno bisogno di cure e che ricevano molti posti a tavola, non solo un posto occupato da un australiano/vietnamita.

Voglio anche ringraziare i tanti veri sostenitori degli adottati che provenivano da così tanti gruppi di stakeholder. Non è corretto presumere che tutti i dipendenti pubblici, tutte le agenzie, tutti i genitori adottivi siano contrari a dire le nostre verità. Nonostante i momenti di sfida intensi e talvolta dolorosi, sono stato sollevato dal numero di sostenitori che ci hanno detto che erano così felici di vederci e sentire le nostre voci. Spero di vivere per vedere il giorno in cui diventeranno la maggioranza E la voce più forte che sentiremo.

Mi è stato detto che i genitori adottivi solidali si sono seduti indietro dal tavolo, per rispetto per consentire a noi adottati di prendere la piattaforma, per fare spazio per noi - ma voglio dire a quei genitori e sostenitori, per favore non tacere nel tuo sostegno. Siamo in un punto critico in cui sta emergendo la leadership degli adottati internazionali e abbiamo bisogno di TUTTO il supporto che possiamo raccogliere.

Ciò che ho profondamente rispettato è stata la mia collega relatrice, la rappresentante della madre naturale, Claudia D'Arcy, che non ha dimostrato alcun timore nel dire la sua verità, né le conseguenze per averlo fatto. Che fossimo d'accordo con le sue opinioni o meno, immagino che il suo viaggio nel superare lo stigma, la paura e il trauma durante la sua vita l'abbia aiutata a capire che c'è poco da perdere, nell'avere il coraggio di dire la sua verità. Come due rappresentanti della triade dell'adozione, sappiamo entrambi “il costo del rimanere in silenzio”.

La sua frase finale è stata così rispettosa e ha detto: "Dovrebbero essere gli adottati che ascolti di più”. Posso solo dire quanto questo significasse per noi. Questo è il messaggio che abbiamo bisogno che i nostri sostenitori sostengano: ci incoraggerà a superare il nostro dolore e le nostre paure. Per favore, non tacere: è troppo aperto all'interpretazione!

Un enorme ringraziamento e rispetto ai leader adottati che hanno dedicato il loro tempo, denaro ed energia per partecipare a questi forum.

Joy Alessi – adottata dalla Corea del Sud, co-direttrice di Adoptee Rights Campaign.

Cherish Bolton – adottato dall'India, condirettore di PEAR, accademico.

Trista Goldberg – adottata dal Vietnam, fondatrice dell'Operazione Reunite, educatrice.

Marijane Huang – adottata da Taiwan, assistente sociale in adozione e affidamento, educatrice.

JaeRan Kim - adottato dalla Corea del Sud, assistente sociale e ricercatore accademico.

Kristopher Larsen – adottato dal Vietnam, co-direttore di Adoptees4Justice.

Monica Lindgren – adottata dalla Colombia, avvocato in diritto di famiglia.

Reshma McClintock – adottata dall'India, fondatrice di Dear Adoption, co-fondatrice di Family Preservation365.

Patricia Motley – adottata dal Perù, membro di Peruvian Adoptees Worldwide.

Diego Vitelli – colombiano adottato, fondatore di Adottati dalla Colombia, studia master in counselling.

Risorsa

Risposte alle esperienze vissute per adozioni illecite e illegali, presentato al gruppo di lavoro dell'Aia luglio 2020.

Italiano
%%piè di pagina%%