Adozione: ordinata e ordinata? Non così tanto!

Ciao a tutti. Il mio nome è Jessica Davis. Mio marito ed io abbiamo adottato dall'Uganda nel 2015. Vorrei condividere i miei pensieri riguardo a un ricordo apparso sulla mia timeline di facebook.

Se hai familiarità con timehop su facebook, sai che quasi ogni giorno una foto, un video o un post del tuo passato apparirà sulla tua timeline dandoti l'opportunità di riflettere e condividere. Bene, oggi questa è la foto che mi è venuta fuori.

Quattro anni fa, abbiamo scoperto che il visto di Namata era stato approvato per venire in America con noi. Come occidentali, tendiamo ad amare immagini come questa quando si tratta di adozione e in qualche modo è comprensibile. Se Namata avesse davvero avuto bisogno di essere adottata, sarebbe stata sicuramente una foto per cui valeva la pena emozionarsi!

Il problema è che troppo spesso vogliamo che le cose siano proprio come questa immagine. Tutti sorridenti e le cose impacchettate pulite e ordinate. Ma nella vita reale, anche in questo momento qui raffigurato, le cose non sono sempre come sembrano. Adam ed io eravamo decisamente felici in questo momento e pronti per essere a casa e iniziare la nostra vita insieme, e fuori anche Namata lo era. Ma dentro di sé, stava per lasciare tutto e tutti quelli che le erano familiari, per ragioni da cui era troppo sopraffatta anche solo per mettere in discussione. Per fortuna, nel corso dell'anno successivo è stata in grado di esprimere ad Adam e a me le sue domande su come è stata adottata. Per fortuna, io e Adam non siamo andati a cercare le risposte che noi ricercato ascoltare. Abbiamo scelto una strada sicuramente piena di incertezze, ma che speravamo ci avrebbe portato alla verità. Namata se lo meritava!

L'adozione internazionale non dovrebbe mai riguardare il fare una buona azione nel mondo o diventare mamma o papà. Sì, queste ragioni sono normali e di solito sono la base per iniziare il processo, ma nel momento in cui si inizia il processo di adozione, dobbiamo riconoscere che quei sentimenti riguardano tutti i genitori adottivi e non il bambino o i bambini che speriamo adottare. L'adozione per loro deriva da una completa perdita di tutto e di tutti coloro che sono loro familiari. Riconoscere questo è vitale per un sano processo di adozione. Sono convinto che noi, come società, abbiamo adottato tutto per diventare una famiglia. Quando facciamo questo, tendiamo a vedere l'adozione in questa luce felice che non consente all'adottato la libertà di esprimere ciò che l'adozione è in realtà per loro - perdita. Non ci dovrebbe essere assolutamente alcuna attenzione a diventare "mamma" o "papà". Mentre credo che possa diventare un risultato naturale attraverso uno scenario di adozione sano, credo che debba arrivare quando, e solo se, il bambino sente quella connessione.

Mi viene spesso chiesto come Adam e io abbiamo fatto quello che abbiamo fatto quando abbiamo deciso di riunire Namata con la sua famiglia in Uganda. Sebbene ci siano diversi fattori che hanno contribuito a fare ciò, il motivo principale era che io e Adam ci eravamo entrambi impegnati a soddisfare le esigenze di Namata. Scoprire che aveva una madre amorevole e una famiglia da cui era stata illegalmente portata via, ha preso la decisione per noi. Come genitore non avrei mai potuto vivere con me stesso sapendo che stavo contribuendo al buco delle dimensioni dell'Uganda nel cuore di Namata. La sua famiglia e la sua cultura non avrebbero mai dovuto essere portate via da lei in primo luogo. Sono eternamente grato ora guardando indietro che anche nel mezzo del nostro dolore per la perdita di una delle bambine più incredibili che abbia mai incontrato, ci è stata data l'opportunità di sistemare le cose!

Attualmente, non esistono precedenti legali per situazioni come la nostra. Ci sono bambini qui in America che sono stati rapiti, alle loro famiglie mentite e le loro adozioni prodotte da tangenti e manipolazione. Ci sono famiglie in Uganda e in tutto il mondo che sperano ogni giorno di vedere i propri figli, fratelli, nipoti, nipoti. Un modo per affrontare questa follia è lottare per la riforma delle leggi sull'adozione internazionale. Un altro modo è quello di aiutare a cambiare la narrativa dietro l'adozione internazionale. All'interno delle nostre chiese, circoli sociali e luoghi di lavoro, dobbiamo riconoscere che l'adozione internazionale si è infiltrata con denaro e avidità. Quando leggiamo il statistiche che dicono che 80-90% di bambini negli orfanotrofi all'estero hanno famiglie, dobbiamo fare di più per assicurarci di non contribuire a un sistema che sta effettivamente facendo a pezzi le famiglie. Ci sono molti gruppi di Facebook e siti web che approfondiscono le complessità dietro l'adozione internazionale. Unisciti a questi gruppi e visita queste pagine per imparare. Appello ai legislatori per il cambiamento e diventa una persona che si erge contro questi orribili errori giudiziari.

Di jessica

6 Risponde a “Adoption: Neat & Tidy? Not So Much!”

  1. Grazie per la tua disponibilità a condividere pubblicamente la storia della tua famiglia, per aver messo al primo posto i bisogni di Namata e per continuare a sostenere il cambiamento, aiutando anche le potenziali famiglie adottive a diventare più consapevoli di questi problemi e sostenendo migliori garanzie, controlli e processi da mettere in atto .

  2. Grazie per aver fatto luce sulle ingiustizie non solo nell'adozione internazionale, ma nell'adozione in generale. Come persona adottata, sono incoraggiato dal tuo riconoscimento della perdita e dalla tua volontà di mettere al primo posto i bisogni di Namata.

    È importante capire che la corruzione, la manipolazione, le bugie e persino i rapimenti avvengono anche nelle adozioni domestiche di neonati. È dimostrato che la separazione materna causa traumi ai bambini, alterando letteralmente la chimica del cervello per tutta la vita. Eppure, è celebrato. Le madri hanno bisogno di sostegno ai genitori, per non essere sfruttate a scopo di lucro.

    Grazie per aver fatto la cosa giusta per Namata. Per favore, continua a parlare della realtà del settore del traffico di adozioni. Dobbiamo cambiare la narrativa e concentrarci sulla conservazione della famiglia.

  3. Abbiamo fatto la stessa cosa in Guatemala, nel 2008. Mi dà la nausea, non è cambiato nulla. Il bambino che volevamo adottare è stato essenzialmente trafficato, usando DNA scambiato (come lo erano migliaia di altri che sono ora negli Stati Uniti). A nessuno importava. Sosteniamo ancora lei e la sua famiglia. Hai fatto la cosa giusta. E sappiamo che non c'è molto supporto nella maggior parte dei circoli di adozione. Avvicinati se vuoi parlare.

  4. Grazie per averlo portato all'attenzione del pubblico. Succede anche ai genitori americani. L'attività di adozione consiste nel fornire ai genitori (denaro) i bambini piuttosto che fare ciò che è meglio per l'adulto che il bambino diventerà. Le donne che hanno difficoltà a diventare genitori hanno bisogno di aiuto, non di qualcuno che prenda i loro figli e li lasci proprio dove sono. Quello non è aiuto, è sfruttamento.

Lascia una risposta a JackieJ cancella risposta

Pubblicazione....
Italiano
%%piè di pagina%%