L'importanza degli specchi razziali

spazio bianco e nero.jpg

Guest post condiviso in modo anonimo da uno dei membri dell'ICAV e originariamente pubblicato su Prospettive di adozione transrazziale gruppo che è istituito per promuovere una maggiore comprensione dell'adozione transrazziale per i genitori adottivi e futuri. Un'ottima risorsa e uno degli spazi più sicuri gestiti su Facebook, per la triade.

Ancora una volta ieri sera, mi sono trovata in uno spazio sociale quasi tutto bianco (le uniche persone di colore eravamo io e una donna nera/biraziale). Ero lì per un'ottima ragione, e non ho alcun rimpianto, e tutto è andato perfettamente bene.

Ma ogni volta che entro in uno spazio sociale tutto bianco o quasi tutto bianco ora, mi ricorda entrambe le esperienze vissute della mia infanzia, incluso l'intense senso di isolamento sociale e di diversità che ho sperimentato, e del perché ho scelto di spingermi nella diversità e nella rappresentazione razziale non appena ho potuto, da giovane adulto, e perché ora vivo in una vibrante diversità e rappresentazione razziale in una grande città per la maggior parte dei miei anni da adulto. Crescere in un candore quasi totale è stato devastante per me, e mi ci sono voluti molti anni per "sbucciare gli strati della cipolla" e per ritrovarmi come una persona di colore, per "posizionarmi" come POC, per così dire, e per centrarmi in un ambiente che ha funzionato per me.

Avevo genitori profondamente amorevoli, ma onestamente nessuno sapeva nulla durante quella prima ondata di adozioni transrazziali e internazionali alla fine degli anni '50 e '60, e all'epoca c'erano assolutamente ZERO risorse per i genitori adottivi - ZERO - e quelli di noi in quella prima ondata, ne soffrì di conseguenza. I miei genitori hanno fatto un lavoro incredibile con zero risorse, ma comunque ci sono state conseguenze negative.

Quindi il mio augurio per i più piccoli adottati transrazziali e internazionali è che non debbano passare diversi decenni della loro vita a trovare il loro posto sociale nel mondo, che trovino le loro identità, voci e spazi sociali, come persone di colore, decenni prima di me. ha fatto, che crescono per essere fiduciosi giovani adulti di colore. In effetti, un grande elemento nel mio senso di missione nel co-fondare il gruppo Prospettive di adozione transrazziale, doveva influenzare i genitori adottivi bianchi della seconda decade del 21° secolo per conoscere e riconoscere alcune verità fondamentali sulle esperienze vissute degli adottati transrazziali, al fine di aiutare quei più piccoli adottati, che ora sono i loro figli.

Il mio viaggio verso la completezza, l'integrazione e la fiducia in se stessi come persona di colore mi ha letteralmente durato diversi decenni. Il mio desiderio più profondo per i più piccoli adottati è che non debbano lottare per diversi decenni per raggiungere il loro equivalente del posto in cui mi trovo ora, perché prendere diversi decenni è un viaggio troppo lungo, onestamente.

Spero che i genitori adottivi di tutto il mondo siano in grado di ascoltarlo e possano fare ciò che è necessario per sostenere i loro figli nei loro viaggi. Sarebbe una cosa incredibile, davvero.

In ogni caso, grazie per aver letto e considerato questo.

lascia un commento cancella risposta

Pubblicazione....
Italiano
%%piè di pagina%%