Affrontare il suicidio dell'adottato

Queste ultime settimane da Pasqua sono state riflessive e tristi per me. Ogni volta che un amico adottato si suicida, suscita molte emozioni:

  • Tristezza cruda che abbiamo deluso un'altra persona colpita dall'adozione!
  • impotenza che i poteri futuri (governi mandanti e riceventi, agenzie, avvocati, assistenti sociali) che controllano e continuano a facilitare l'adozione internazionale, non fanno abbastanza per prevenire questo tipo di esito. Sappiamo, dopo 70 anni di adozione internazionale, che il trauma legato all'adozione internazionale DEVE essere sostenuto per la VITA!
  • Rabbia che è documentato e ben compreso che continuiamo a subiscono tassi di suicidio molto più elevati rispetto alle persone non adottate e tuttavia - i poteri in essere continuano ancora a facilitare l'adozione internazionale con un impegno minimo per un adeguato supporto post-adozione, né alcuna conseguenza per essere ritenuti responsabili del loro ruolo nel facilitare l'adozione.
  • Dolore per le persone lasciate indietro, che sono improvvisamente rese intensamente consapevoli dei sentimenti di impotenza che ha portato la persona a lasciare questo mondo in questo modo.
  • Frustrazione che per la maggior parte degli adottati, possiamo raggiungere questo spazio senza chiedere aiuto perché siamo spesso circondati dall'ignoranza pubblica e dalla falsa dichiarazione dei media che l'adozione è solo "meravigliosa" e fornisce una "famiglia per sempre"; o di "un momento-in-tempo-riunione" che crea l'illusione che questo risolverà il dolore interno del bisogno di sapere a dove apparteniamo. Il danno che questi messaggi falsi creano quando non sono equilibrati o ascoltano coloro che lo vivono da un ampio spettro nel tempo, è che questo messaggio può agire per negare e amplificare le lotte che spesso gli adottati sentono.

E dove sono i supporti per chi è rimasto indietro? In che modo la nostra comunità di pari affronta l'effetto a catena quando ciò accade? Non ho visto molte risorse per dotarci di questo. Lottiamo, vagando nel buio.

Quello che questo mi fa è mettermi in allerta per tutti gli adottati che conosco che condividono l'essere in questo spazio oscuro. Saresti sorpreso da quanti ce ne sono, spesso quelli che nessuno sospetta! Tutto quello che posso fare è raggiungere, offrirti di ascoltare, dire loro che sono qui quando ne hanno più bisogno e incoraggiarli a chiedere aiuto professionale. Questo perché il dolore è spesso il nostro trauma profondo dalla rinuncia e forse complicato se l'adozione non fosse solidale e positiva. È una sensazione terribile chiedersi chi sarà il prossimo. Sono solo una persona e ci sono migliaia di noi adottati all'estero. Sembra una bomba ad orologeria! Eppure so anche perfettamente come si sentono perché ero lì durante i miei anni più dolorosi. So quanto facilmente la vita diventi quello spazio oscuro in cui credi davvero che a nessuno importi, ma anche se lo fanno... sembra che il dolore non finisca mai.

Per quelli che non capiscono e non vogliono, per me quando ero in quello spazio, Volevo solo che il dolore finisse! Volevo solo sentire un po' di pace! Ero stanco di piangere, stanco di essere così triste, così arrabbiato, esausto cercando di fingere di essere "normale". Ma il suicidio è una soluzione temporanea e spesso quando in quello spazio, non stiamo guardando la realtà di non essere qui nella vita e tutte le cose che ci perderemo, o l'impatto sulle persone che ci lasciamo alle spalle - abbiamo solo consumarsi con il desiderio di porre fine al dolore!

In qualche modo, dobbiamo creare uno spazio che aiuti gli adottati ad affrontare questo dolore in modo sicuro.

Il suicidio adottato mi spinge a continuare a raggiungere i miei coetanei, a cercare di creare uno spazio sicuro dove le loro emozioni e confusioni possano esistere senza giudizio. L'ICAV consiste nel fornire risorse e connettere i coetanei per consentire il viaggio alla scoperta delle loro verità, incoraggiandoli a trovare la guarigione e offrendo un po' di speranza.

Posso solo desiderare che il suicidio degli adottati stimoli più di noi a raggiungere regolarmente i nostri coetanei adottati; fai il check-in, mostra interesse, sii un orecchio in ascolto e aiutali ad incoraggiarli a raggiungere spazi/luoghi in cui saranno sollevati e supportati.

ICAV ha creato il Memoriale per gli adottati internazionali Pagina Facebook 2 anni fa. Purtroppo, abbiamo più di 30 adottati internazionali e transrazziali commemorati lì in questo breve periodo di tempo, ma che dire di quelli che non conosciamo perché non hanno mai sfruttato le reti di supporto? Sono quelli di cui mi preoccupo di più!

Questo è il motivo per cui spendo le mie energie sostenendo di fermare o cambiare il modo in cui viene effettuata l'adozione internazionale per garantire migliori supporti post-adozione (come ricerca e ricongiungimento gratuiti e test del DNA, consulenza gratuita, valutazioni e supporto gratuiti sulla salute mentale), una migliore valutazione e istruzione delle famiglie adottive, trovare modi per rendere giustizia a coloro che sono stati vittime delle peggiori mani (deportazione, abusi nelle famiglie adottive, adozioni illegali e illecite, reinserimento). Ci sono così tanti problemi complicati nell'adozione internazionale e gli adottati non dovrebbero essere lasciati a navigare da soli senza i giusti sistemi di supporto in atto. I paesi di origine e di accoglienza dovrebbero essere ritenuti responsabili del successo o meno delle loro adozioni internazionali. Ciò implica che ci dovrebbe essere un follow-up a lungo termine su coloro che il governo, le agenzie e gli avvocati mettono, incluso il follow-up con le famiglie di entrambe le parti (adottive e natali).

L'adottato suicida mi dice che non abbiamo ancora fatto abbastanza per prevenire e ridurre al minimo i danni causati dalle strutture che facilitano e supportano l'adozione internazionale.

Lynelle Long

risorse

Se sei un adottante colpito dalla perdita del tuo amico adottato a causa del suicidio, o stai pensando al suicidio, considera la possibilità di contattare supporto professionale in caso di crisi e ai tuoi supporti locali per la Post Adozione.

Anche il supporto tra pari può essere utile poiché a volte possiamo consigliare dove trovare questi supporti professionali post adozione e crisi. È possibile trovare un elenco di supporti post-adozione internazionali guidati da adottati qui; ma a meno che non abbia una formazione professionale, il supporto tra pari è informale e non viene fornito 24 ore su 24, 7 giorni su 7.

Un articolo di un adottato locale: Verso la prevenzione del suicidio correlato all'adozione.

Un articolo del genitore adottivo internazionale: Capire perché gli adottati corrono un rischio maggiore di suicidio.

Miti e fatti sul suicidio

5 Risponde a “Dealing with Adoptee Suicide”

  1. cara persona premurosa. in effetti c'è bisogno di più sostegno per gli adottati. il più grande credo sia che il pubblico in generale debba essere consapevole che rimuovere un bambino non è una benedizione per loro. un terapeuta adottato ha riferito che in una classe di persone adottate al 100% non avevano nulla in comune (diverse carriere sociali, economiche, background familiari) tutti avevano tentato il suicidio. queste statistiche dovrebbero essere più conosciute di quanto non siano... i loro sentimenti di tristezza non dovrebbero essere schiacciati, quindi l'illusione che un acquirente non sia parte del problema. se potessimo in qualche modo regnare su questo. così tanti adottati non vogliono dire che l'adozione non era nemmeno necessaria o voluta. in circa il 5-13% dei casi è stato voluto o necessario e questa idea è stata calpestata così leggermente che i sentimenti di questi non sono stati giocati con. tuttavia, se il numero di adozioni necessarie o volute riflettesse la popolazione, allora prevarrebbero davvero le persone che hanno la capacità di crescere un bambino in circostanze complicate. mentre gli adottati hanno bisogno di uno spazio per il lutto, in tanti casi anche il pubblico ha bisogno di sapere che è stato sbagliato rimuovere in primo luogo.

  2. Grazie per il tuo articolo ben scritto e ponderato. Hai preso in considerazione di scrivere sul Disturbo da Attaccamento Reattivo (RAD)? Non penso che venga data sufficiente attenzione a questo problema, sia prima dell'adozione con potenziali famiglie che con consulenti, terapisti, scuole e comunità medica in modo che i bambini non vengano etichettati erroneamente con ADHD e altre diagnosi errate.

lascia un commento cancella risposta

Pubblicazione....
Italiano
%%piè di pagina%%