Il mio punto di svolta

di Anonimo

Nota: l'ICAV non tollera l'uso di sostanze illegali. Questo post è condiviso nello spirito di evidenziare come ognuno trova percorsi diversi per la guarigione e le profondità del trauma nell'abbandono.

Un viaggio ad alte dosi ha cambiato tutto per me. Vorrei averlo fatto 20 anni fa. Quando pensavo che non ci fosse altro modo, riuscivo ad avere ancora un po' di immaginazione e curiosità per chiedermi se esistesse un altro modo – diverso dall'autodistruzione. Non avrei mai pensato di essere ancora qui. Comunque non credo di essere ancora fuori pericolo. Sto ancora elaborando l'esperienza sia a livello conscio che subconscio, il che richiederà del tempo. 

Ieri sono trascorsi 6 mesi dal giorno in cui ho provato un viaggio con i funghi. Ci rifletto molto, e solo pensare all'esperienza è emozionante. Ma penso davvero di aver iniziato la strada della guarigione solo dopo il viaggio. In seguito, è stata una sensazione simile a quando muore qualcuno vicino a te, come una tristezza o una perdita, ma sembrava anche il completamento di qualcosa. Ha senso che la parte di guarigione del trauma non possa iniziare fino a quando non viene affrontata l'origine del trauma e penso che questo sia ciò che il viaggio ha fatto per me. Ora devo essere paziente. Prima che il dolore fosse vago e diffuso, mi trascinasse verso il basso. Ora è netto e davanti a me.

Come gli studi clinici che avevo studiato prima di intraprendere questo viaggio, appena ho potuto, ho scritto le mie riflessioni e osservazioni su ciò che potevo ricordare dal viaggio e poi per un paio di giorni dopo. Ecco un estratto dei miei scritti qui sotto. Non credo che avrei mai potuto vivere un'esperienza del genere in nessun altro modo.

“…. Comincio a sentire freddo e inizio a tremare leggermente. mi metto a letto. Non ci vuole molto e comincio a sentire la discesa. Sto respirando velocemente. Sto tremando e tremando. Poi mi ricordo di rilassare il respiro, lasciarlo andare, non combatterlo. Quindi tutti i riferimenti e le motivazioni svaniscono. L'ego è andato. Sono solo io.

Allora ci sono. Sono in una grotta. C'è solo un'illuminazione sufficiente per vedere pochi centimetri davanti a me Non è luce, solo una debole illuminazione. Oltre l'illuminazione è solo oscurità. Paura. La solitudine. Abbandono. Nessun senso dell'orientamento o da che parte muoversi o affrontare. Nessuna comprensione di cosa fare. Non c'è nessuno là fuori. Sto allungando la mano nell'oscurità ma c'è solo il vuoto. Non c'è nessuno lì. Sono solo. Totalmente solo. Non so cosa dire. Non ho capito bene. Impaurito. Non c'è conforto. Non c'è speranza. La coscienza è oltre il dolore. Il dolore è fisico. Le mie grida e le mie lacrime sono fisiche. Questo non è dolore. È più doloroso del dolore. È disperazione assoluta. È angoscia assoluta. È un'assoluta disperazione. Questa è la mia coscienza. 

Sei sempre stato tu. Voi. Voi. Voi! Accidenti! Sei sempre stato tu. Sono dovuto venire in questo miserabile posto per rendermi conto che eri tu. Vieni e prendimi! Vieni ad aiutarmi! Vieni a consolarmi! Portami fuori di qui! Alzo lo sguardo e vedo nel buio lontano una vaga figura di donna. Non riesco a vedere la tua faccia, ma so che sei tu. Non posso raggiungerti. C'è troppa oscurità tra di noi. C'è troppo. Non so come raggiungerti. Sto aspettando che tu venga a prendermi. Sono solo qui! Per favore, non lasciarmi qui da solo. Come posso sopravvivere da solo così, in un posto come questo? Mi hai messo qui, dovresti stare con me. Adesso sei troppo lontano.

Perché non c'è aiuto? Non ho capito bene. Impaurito. Così spaventato. Così solo. Così solo. Chi sto cercando? Sembra per sempre, congelato da solo nell'oscurità, poi mi rendo conto. 

Sì, sei tu, mia madre. 

Non capisco perché. Non riesco a capirlo qui, da solo in questa fredda oscurità. 

Non posso farci niente. Lei è andata. Lei è andata per sempre. Non vieni mai a prendermi. Non vedrò mai più il suo viso. Le sue mani non mi toccheranno mai più. 

Ma ora so chi sei. Ora so che sei tu. Sei sempre stato tu.

So che mi hai amato. So che l'hai fatto, davvero. So che non è colpa tua. Ma fa tanto male lo stesso. Sono sicuro che mi hai amato. Ma è doloroso lo stesso.

Tutto quello che mi hai lasciato è questo dolore.

Sono solo questo dolore e disperazione? Questo è tutto ciò che sono? Questo è tutto ciò che sarò. Ma è tutto quello che so. Non so altro. È quello che sono. Come posso cambiarlo? Io non so cosa fare. Funziona così profondo e nero. Ce n'è troppo. Voglio che ci sia più di questo dolore e dei singhiozzi sfrenati. Per favore, non può essere tutto qui. Voglio trovare dove finisce, dove finisce e inizia qualcos'altro. Ma ce n'è troppo. È tutto quello che so. È tutto quello che c'è. Ce n'è troppo. È tutto ciò che saprò mai. È tutto ciò che potrò mai essere. 

Scruto nell'oscurità. È una caverna infinita di tunnel e aperture non illuminati. So che questo è il mio dolore. Se posso esplorarlo e mapparlo completamente e sapere tutto quello che c'è là fuori, allora posso sapere dove finisce. Ma è così grande. È semplicemente troppo grande. Ho paura di andare troppo lontano. Non so dove mi porterà. Questo è abbastanza lontano. Se vado oltre potrei non tornare. 

Se non sono dolore, chi sono? Se non sono la disperazione, chi sono? Se non sono disperato chi sono? È tutto quello che so. È tutto ciò che sono. Smetto di esistere senza di essa. 

Ma che dire di quelli che mi amano? Mi hanno dato tutti gli strumenti di cui ho bisogno per essere più che dolore e disperazione. Sì, li vedo disposti ordinatamente ai miei piedi. Ho solo bisogno di usarli.

Ma non so come. Io non so cosa fare. Mi sono estranei. Non hanno senso. Io non so cosa fare. Io non so cosa fare. Io non so cosa fare. Se solo sapessi cosa fare. Perché nessuno può mostrarmelo? Sicuramente qualcuno ha la risposta? Sono così frustrato. Il mio pugno e i miei denti si stringono per la frustrazione perché non so come fare quello che voglio tanto fare. 

Mi dispiace tanto per tutti voi. Sono veramente dispiaciuto. Vi ho deluso tutti. Ho fallito. Ho fallito. Ho fallito.

Posso vedervi tutti dall'altra parte che mi aspettate, allungando le mani per me. Non riesco a credere a quanto tu sia paziente. Non so se potrò mai arrivarci e stare con te. So che mi ami così tanto e vorrei poter sbrigarmi a capirlo. Mi dispiace farti aspettare. Sono un fallimento. Ho fallito. Mi dispiace tanto. Sono un totale fallimento. Forse non dovresti aspettare. vi sto trattenendo tutti. Hai i tuoi problemi e le tue vite con cui andare avanti, sono solo un peso per tutti voi, vi trattengo, vi sto trascinando verso il basso. Prosciugandoti con il mio fallimento. Sono troppo rotto. Mi dispiace così tanto, mi dispiace così tanto. Mi dispiace molto, molto. 

Mi vergogno così tanto per tutto questo. È tutta colpa mia. Ho gli strumenti e li sto sprecando. Ma non riesco proprio a capire cosa fare con loro. Che cosa sono. Se solo sapessi cosa fare.

Ma forse li ho usati per tutto questo tempo e non lo sapevo nemmeno. Sono arrivato fin qui, no? Sì, ma è stato così difficile. Non posso continuare a farlo così difficile. Ho paura di tornare a quell'oscurità per sempre. Il posto dove non c'è nessuno che mi aiuti, non importa quanto piango. Se vado lì e resto, il mio dolore diventerà quello di tutti gli altri. 

Qua o là, sono un peso. Io non so cosa fare. Vorrei che qualcuno potesse darmi la risposta…..”

risorse

Alcuni link informativi sulla psilocibina, il composto psicoattivo che si trova nei funghi psilocibina cubensis, o più comunemente noto come funghi magici. 

Il professor Roland Griffiths è il ricercatore capo presso John Hopkins negli Stati Uniti. Ci sono un sacco di interviste e podcast con lui su Youtube che parlano della sua ricerca sulla psilocibina. Magari inizia con il suo Ted Talk che dura solo 15 minuti. https://www.youtube.com/watch?v=81-v8ePXPd4&t=447s

https://articles.mercola.com/sites/articles/archive/2019/04/13/exploring-the-frontiers-of-psychedelics.aspx

Altre cose che mi hanno aiutato a capire le sostanze psichedeliche e come funziona la mente sono alcuni libri che ho letto in anticipo:

Sam Harris Svegliarsi: una guida per Spiritualità senza religione. Non ricordo perché ho iniziato a leggerlo, ma è stato così utile per capire lo stato d'animo quando il tuo ego si dissolve durante un pesante viaggio psichedelico.

Michele Polline Come cambiare idea, cosa ci insegna la nuova scienza dei pichedelici su coscienza, morte, dipendenza, depressione e trascendenza. Ci sono un sacco di interviste su Youtube con Michael che parla di questo argomento.

Anche se è stato un punto di svolta per me, non ho intenzione di iniziare a evangelizzare tutti per usare gli psicadelici. Ognuno è diverso, ma sembra che ci sia un'efficacia legittima per il loro uso misurato che viene ulteriormente corroborato dalla ricerca in corso.

Una risposta a "My Game Changer"

lascia un commento cancella risposta

Italiano
%%piè di pagina%%