Dov'è l'oltraggio?

Aiutaci a salvare ICA .jpg

È interessante guardare e leggere cosa succede negli Stati Uniti, i più grandi adottanti di bambini a livello internazionale, nei cosiddetti "case per sempre”.

Ho visto una pletora di articoli su Internet di persone e organizzazioni che sposano salvare i bambini dalle loro situazioni o istituzioni disperate e sono sconvolto dal fatto che il numero di adozioni internazionali sia crollato negli ultimi 15 anni negli Stati Uniti. Scopri le ultime dal Consiglio nazionale per l'adozione di Chuck Johnson e da Elisabetta Bartholet, professore di diritto di Harvard.

Immagino che questi sostenitori sentano a malapena le voci degli adulti adottati all'estero che lo vivono e possono condividere com'è stata l'esperienza crescere negli Stati Uniti o altrove, e se dovremmo chiedere più adozioni internazionali o per salvare il business o no, soprattutto senza imparare lezioni dal passato.

Ho chiesto agli adulti adottati internazionali: siamo sconvolti dal fatto che le adozioni internazionali in America (e in altre parti del mondo) siano crollate? Dovremmo rendere il processo meno rigoroso, con meno equilibri e controlli tramite la supervisione del governo, consentendo alle agenzie private di fare come facevano in passato? L'appartenenza all'ICAV, una rete mondiale informale di leader adulti adottati internazionali e individui che sostengono i bisogni degli adottati internazionali, ha risposto con un clamoroso NO a entrambe le domande.

Come mai? Perché molti di noi vivono la realtà sapendo che l'adozione internazionale non è così semplice come ciò che i proponenti cercano di sorvolare. Gli adulti adottati all'estero parlano apertamente di volerlo dare la priorità e garantire che i bambini non siano mai stranieri adottati a livello internazionale quando esistono famiglie, strutture sociali di supporto o famiglie allargate e comunità all'interno del loro paese di nascita.

Gli adottati festeggiano che i numeri delle adozioni internazionali sono crollati!

Le ragioni del crollo dei numeri sono complesse e specifiche per ogni paese di invio, ma nel complesso vediamo che i nostri paesi di nascita iniziano finalmente a creare alternative migliori per le famiglie vulnerabili e stanno arrivando a capire che la loro risorsa più preziosa sono i loro figli! Immagina dove sarebbero i nostri paesi di nascita, se invece di esportarci, ci avessero tenuti, cresciuti e avessero potuto accedere alle risorse dei nostri paesi adottivi?

Forse i nostri paesi di nascita hanno realizzato che l'adozione internazionale non sempre equivale a un "vita migliore” per i bambini vulnerabili. Il punto nel caso sono le migliaia che siedono timorose di essere deportate negli Stati Uniti perché se adottate prima del 1983, sono ancora non concessa la cittadinanza automatica. Le organizzazioni guidate dagli adottati internazionali, come Adoptee Rights Campaign, ti diranno che il Congresso e il Presidente degli Stati Uniti non sembrano troppo indignati dalla situazione di cittadinanza che devono affrontare gli adottati internazionali! Certamente non c'è molto da saltare su e giù o attirare l'attenzione su questo fatto né da Bartholet né da Johnson!

Ascolto quotidianamente adulti adottati all'estero da tutto il mondo. Molte delle nostre esperienze vissute, soprattutto quelle che riescono a trovare la famiglia biologica, apprendono che spesso le nostre adozioni sono state agevolate perché alle nostre famiglie biologiche non venivano offerti al momento sostegni finanziari o sociali. Poi ci sono alcuni casi (troppi per i miei gusti per promuovere sconsideratamente l'adozione) in cui le nostre famiglie biologiche sono state costrette, a causa di false aspettative, ad esempio l'istruzione, senza comprendere appieno le conseguenze del diritto "rinuncia“.

Come adulto adottato all'estero, non vedo le agenzie di adozione come "salvatori" ma piuttosto come "sfruttatori" che beneficiano finanziariamente delle nostre vulnerabilità.

Come adulti adottati all'estero, preferiamo Di più supervisione del governo e assunzione di responsabilità per il percorso di adozione che durerà tutta la vita! In passato, le nostre agenzie di adozione non hanno sempre fatto la cosa giusta: nel preservare la verità sulle nostre origini, nel garantire che siamo veri orfani, nell'assicurarci che nessun indebito guadagno finanziario dall'operazione di adozione, nel fornire un adeguato supporto post-adozione per durata della nostra vita, ecc. In passato, i nostri governi di nascita e di adozione hanno talvolta (spesso) chiuso un occhio sui problemi persistenti che danno all'adozione internazionale il suo retaggio di adozioni illegali. Noi, come adulti adottati all'estero, non potremmo mai affermare abbastanza quanto sia necessario avere supervisione indipendente di qualsiasi processo di adozione internazionale con il contributo diretto e reale di chi vive l'esperienza, gli stessi adottati!

Le lezioni apprese dal passato dovrebbero includere un paese che ci prende solo attraverso l'adozione internazionale SE possono anche fornire i servizi di supporto completi e permanenti tanto necessari per garantire risultati positivi e una garanzia di permanenza! Ciò dovrebbe includere consulenza psicologica gratuita, ricerca e ricongiungimento gratuiti, test del DNA gratuiti, rimpatri gratuiti al paese di nascita, servizi di traduzione gratuiti, ecc.

Un paese dovrebbe tradirci solo se può fornire anche i tanto necessari servizi di supporto completi e per tutta la vita alle nostre famiglie biologiche che affrontano le conseguenze per generazioni di aver rinunciato ai propri figli.

L'impatto emotivo, sociale, finanziario e generazionale che la rinuncia ha su una famiglia e un paese d'origine non è mai stato studiato!

Come adottati all'estero affrontiamo l'abbandono non solo dalle nostre famiglie biologiche, ma anche dal nostro paese di nascita. Viviamo le conseguenze emotive di quelle decisioni per tutta la vita. Spesso ci chiediamo perché i soldi spesi per il nostro processo di adozione non avrebbero potuto essere forniti alla nostra famiglia biologica per facilitarci a rimanere con loro, dando quindi il totale migliori opzioni e risorse per la vita della famiglia.

Spero che questo blog stimolerà domande e riflessioni su ciò che manca negli articoli unilaterali promossi da sostenitori come Bartholet e Johnson. Invece di chiedere a Bartholet “Dov'è l'indignazione per i bambini istituzionalizzati a cui sono state negate le case adottive??", dovremmo invece porci queste domande:

  • Dov'è l'indignazione che alle famiglie vulnerabili non venga dato un sostegno adeguato per impedire loro di istituzionalizzare i propri figli?
  • Dov'è l'indignazione per i bambini (ora adulti, alcuni con bambini stessi) che sono stati adottati all'estero negli Stati Uniti prima del 1983 ea cui è ancora negata la permanenza (cioè la cittadinanza) tramite l'adozione internazionale?
  • Dov'è l'indignazione per i bambini istituzionalizzati che vengono adottati all'estero e negati loro il diritto umano di crescere nella loro terra natale – conoscendo la loro cultura, lingua, valori, costumi, religione e patrimonio familiare?
  • Dov'è l'indignazione per i bambini istituzionalizzati che vengono adottati all'estero in paesi come gli Stati Uniti, che finiscono in situazioni di abuso o peggio che dovrebbero essere prevenute se le agenzie facessero un'istruzione e uno screening adeguati? Nella mia mente, questo è esattamente il motivo per cui il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti dovrebbe supervisionare pesantemente Tutti l'accreditamento delle agenzie di adozione e la garanzia che le famiglie siano adeguatamente preparate e, soprattutto, l'attuazione di misure quando un'agenzia fallisce.

Cos'è non nell'interesse del bambino, è sperimentare l'interruzione dell'adozione a causa del fallimento da parte delle agenzie di adozione che raramente sono ritenute responsabili per adozioni che non riescono a garantire la sicurezza e il benessere di un bambino, per il suo viaggio che dura tutta la vita!

Bartholet, Johnson e altri sostenitori dell'adozione scrivono articoli che non affrontano le esperienze vissute delle centinaia di migliaia di adottati internazionali in tutto il mondo, che possono dirvi cosa pensiamo del crollo dei numeri nell'adozione internazionale. Possiamo anche condividere dove crediamo che l'attenzione dovrebbe essere quella di affrontare i problemi reali.

Quello che trovo affascinante e stimolante sono gli adulti adottati all'estero che trascorrono la loro vita creando e mantenendo iniziative che forniscono supporto al proprio Paese, senza togliere loro la risorsa più preziosa: i loro figli attraverso l'adozione internazionale. Si avventura come Fondazione NONA in Sri Lanka per aiutare le giovani donne e ragazze svantaggiate, la Foster Care Society in India si è concentrata sulla creazione di forme alternative di cura, Tutela della famiglia 365 Negli USA, 325Kamra che forniscono test del DNA gratuiti alle famiglie coreane Sth nel tentativo di riunirle, Centro per la protezione sociale dei bambini in Vietnam per aiutare i bambini con bisogni speciali e svantaggiati a ottenere un'istruzione.

Abbiamo bisogno che l'attenzione si concentri maggiormente sul tenere insieme famiglie e società e dovremmo festeggiare quando l'adozione internazionale diminuisce, perché dovrebbe essere sempre il ultima risorsa per le famiglie e i paesi vulnerabili, secondo i nostri diritti umani!

lascia un commento cancella risposta

Pubblicazione....
Italiano
%%piè di pagina%%