Cronache delle transizioni di un adottato negli Stati Uniti

Dopo aver lavorato come assistente per i media in una biblioteca in una scuola elementare nella Riserva Navajo per un anno scolastico, sembra che io sia tornato al tavolo da disegno. Torniamo alla ricerca di lavoro, dal momento che la scuola per cui avevo lavorato ha perso quantità critiche di fondi durante lo sciopero di RedforEd e non potrò tornare l'anno prossimo. Quello che è successo è stato per me inaspettato. Ma immagino che i tagli al budget avvengano spesso nelle scuole elementari piccole e per bisogni elevati e in altre organizzazioni nelle aree rurali.

Ora sto affrontando nuove difficoltà poiché potrei dover trasferirmi a causa dei lavori in biblioteca limitati e dei costi elevati degli alloggi. Come adottato all'estero, volevo scrivere un blog in questa fase di tassazione perché gran parte della mia vita adottata è stata punteggiata da transizioni come questa. Ho pensato che potrebbe essere interessante condividere. Che forse invece di fingere che la mia vita sia perfetta in questo momento, forse queste cronache potrebbero incontrare qualcuno anche nei loro tempi di transizione, adottato o meno.

Attraversare la vita da adottante

La mia vita è stata immersa in transizioni come questa, quindi immagino che questa sfida non sia nuova per me, anche se è ancora terrificante. In un certo senso, forse mi sono abituato ad affondare o nuotare in circostanze da quando sono stato adottato e sono volato negli Stati Uniti per vivere con genitori bianchi che non avevo mai incontrato. In qualità di adottato dalla pelle scura, ho vissuto principalmente in Arizona e ho dovuto navigare in una rete complicata di terreno socio-economico anche all'interno della demografia del sud-ovest.

Quindi, nella mia vita adottiva, ho imparato a vedere fasi come questa come un'avventura, nonostante le mie lotte interne dovute alla mia complicata educazione. Bisogno di vedere cambiamenti imprevisti come questo come opportunità sotto mentite spoglie.

Due interviste nel sud della California

Sono stato invitato a due colloqui da quando è iniziata la mia ricerca di lavoro. Uno a National City. Un altro a El Segundo. Entrambi in California, il che è fantastico ma stridente. Soprattutto a causa dell'alto costo della vita.

Uno dei motivi per cui ho fatto domanda in queste aree è per essere in una città. Per ampliare le mie percezioni visto che sono abituato ad aree demograficamente limitate. Sono cresciuto in una piccola città del Midwest. In seguito, mi sono trasferito in un sobborgo metropolitano di Phoenix, e recentemente sono stato in una piccola città universitaria di montagna nel nord dell'Arizona per dieci anni. Ancora non si guadagna da vivere in modo adeguato dopo tutti questi anni.

Lavorare per i miei sogni

Come adottato all'estero, sento di non avere sogni filippini o sogni americani. Forse ho il sogno di un'adottato, avere un giorno una casa tutta mia. Il sogno di un idealista, migliorare il mondo. Il mio sogno professionale è lavorare in una biblioteca e facilitare il progresso di tutti i dati demografici. Voglio lavorare con individui di tutte le etnie, costruire connessioni, aiutare i giovani e altri come me a identificarsi con chi sono. Spingere la società in avanti. Ma fa paura pensare di lasciarmi alle spalle la mia comoda bolla dell'Arizona.

Vivo in Arizona da così tanto tempo ormai.

 

3 Risponde a “Chronicles of an Adoptee’s Transitions in the U.S.”

  1. Brent Snavely - Fraser, Michigan - Un costrutto di educazione e società, titolare di una laurea. JD e un MA, ho praticato la legge da più di 25 anni. "La Verità ti renderà libero", ma solo se è una Verità Personale che si basa sui fatti. La parresia potrebbe essere l'unica speranza dell'umanità (vedi https://docs.google.com/viewer?a=v&pid=explorer&srcid=0B9yCDQy_KiIGYTNiZTc1NmMtNzQ4ZS00OTM2LWI5ZWItNDI5MjVkMDM5NzZm).
    Brent Snavely ha detto:

    Ho appena compiuto 59 anni e sono ancora in uno stato di liminalità (che è ciò che mi riferisco al tuo stato di "transizione"). Le mie circostanze non sono migliorate molto durante la mia vita, ma mi ci sono abituato...

    1. Desiree Maru – Flagstaff, AZ – Writer, educator, life explorer and adoptee based in Hawaii, born in the Philippines and grew up in the United States. Pushcart Prize nominee with writing and multimedia art featured in magazines, literary journals and online places.
      stephanieflood ha detto:

      Questo è un po' il tema che stavo cercando di esprimere qui. È questa fase di liminalità, in cui non sono mai veramente sicuro di dove andrò nella vita. Navigare attraverso alcuni luoghi degli Stati Uniti con le sue sfide come la demografia o l'alto costo della vita, cercando ancora di vivere i miei sogni.

  2. Ottimo articolo! Come adottante intercontea, lotto con la mia identità e accettazione. Tutti affrontiamo sfide; tuttavia, essere un adottato interregionale è un po' più complicato. A 42 anni affronto ancora la sfida del senso di appartenenza. Se mai avessi l'opportunità di incontrare i miei genitori/famiglia biologici, le mie sfide cambierebbero.

    Ancora una volta, ottimo articolo.

    Dawn Wilkerson

lascia un commento cancella risposta

Pubblicazione....
Italiano
%%piè di pagina%%