Non il mio salvatore bianco: recensione

Schermata 07/03/2018 alle ore 6.24.41
L'autrice, Julayne Lee, è un'adozione internazionale nata in Corea del Sud e cresciuta negli Stati Uniti. Essendo un avido lettore ma non specificamente appassionato di poesia, mi è piaciuto molto il libro di Julayne perché ho potuto relazionarmi con ciò che condivide sul suo viaggio e la più ampia esperienza sociopolitica come adottata all'estero. La sua voce è una delle centinaia di migliaia di adottati coreani (KAD) da esportare dal loro paese di nascita attraverso l'adozione internazionale.

Non il mio salvatore bianco è una lettura profondamente coinvolgente, emotiva, inquietante e onesta. Julayne descrive così tanti angoli dell'esperienza degli adottati internazionali, riflettendo il nostro lungo viaggio di una vita nel tentativo di dare un senso ai nostri inizi e chi siamo come prodotto della nostra rinuncia e adozione. Amo le immagini create dalle sue parole. Ammiro che non abbia lasciato nulla di intentato con il suo coraggio di parlare dei molti aspetti non così meravigliosi dell'esperienza dell'adottato.

Alcuni dei miei pezzi preferiti con cui ho avuto particolare risonanza erano la sua lettera alle sue madri, i capelli razzisti, la mappa del corpo e i titoli della patria.

Per quegli adottati internazionali che sono morti per i complessi traumi vissuti nelle loro vite adottive, saluto Julayne per aver commemorato i loro nomi per sempre in un modo così potente. Attraverso il suo libro, le loro vite non saranno dimenticate né per niente.

Inoltre, dà pugni pesanti al suo paese natale e non risparmia empatia o scuse per rinunciare a così tanti dei suoi figli. Le sue parole a pezzi, come La potente Corea ICA – Campi di internamento dei rapimenti sono un modo potente per spiegare l'esperienza traumatica dei KAD nell'elaborare i molteplici livelli di perdita e abbandono, non solo dalle loro famiglie di nascita, ma anche dal loro paese di nascita. Ho amato l'irriverenza e la verità catturate nel Salmo per i salvatori bianchi.

Non essendo un KAD, poiché sono stato adottato dal Vietnam, ho trovato questo libro educativo su parte della storia dell'esportazione di bambini della Corea del Sud di cui prima non ero a conoscenza.

Nel complesso, consiglio vivamente la lettura di questa raccolta di poesie a chiunque sia aperto a pensare in modo critico sull'adozione internazionale dall'esperienza vissuta.

Bravo Julayne!

Non il mio salvatore bianco è in vendita il 13 marzo e può essere preordinato qui.

Una risposta a "Not My White Savior: Review"

  1. La forza della poesia risiede nella sua capacità di influenzarci in modo diverso nei diversi momenti della nostra vita. Non vedo l'ora di leggere il suo lavoro ora e in seguito, mentre il mio viaggio procede.

    Grazie Julayne!

    Soleggiato

lascia un commento cancella risposta

Pubblicazione....
Italiano
%%piè di pagina%%