Aspettative di gratitudine nell'adozione

gratitudine

Recentemente sono stato contattato da un amico adottato che sta cercando opinioni ed esperienze di adottati dove gratitudine è previsto e come ci sentiamo al riguardo. Ho risposto immediatamente perché la gratitudine nell'adozione è un argomento così inespresso, in particolare dal punto di vista dell'adottato. Per me è stato sicuramente un peso che ho sentito durante la crescita e che porto ancora oggi. È interessante notare che poco è stato scritto su questo argomento specifico dell'adozione internazionale perché le nostre adozioni sono così ricche di connotazioni di essere salvato dalla povertà, dalla guerra, dai bassifondi e dalle strade. Queste connotazioni arrivano anche con la stessa aspettativa che noi fiorire nei nostri paesi adottivi bianchi occidentali e nelle famiglie per le quali dovremmo essere grato per.

Si presume che, in qualche modo, magicamente, le nostre perdite nell'abbandono dovrebbero essere annullate dai guadagni nell'adozione.

Posso capire come la maggior parte delle persone che pensano alla parola adozione non lo equivarrebbe necessariamente a vivere un'esperienza di ci si aspetta di essere grati. Ma, dalla mia esperienza di vita, la parola "grato”, “grato”, “siate felici", o "fortunato” compare regolarmente nella conversazione sull'adozione. Le persone che non sono interessate dall'adozione si aspettano che siamo grati per il ricchezza materiale e istruzione guadagniamo nella vita essendo stati adottati. Come adottato, non solo ho sperimentato le supposizioni delle persone su come fortunato Sono ai loro occhi da adottare, ho anche sperimentato l'attesa di gratitudine detta ad alta voce dal mio genitore adottivo durante la mia infanzia. Mi è stato detto una o due volte, ma il modo in cui sono stato trattato per la maggior parte della mia infanzia fino a quando sono diventato indipendente e mi sono trasferito da uno stato all'altro, mi ha detto senza parole che era il fondamento della mia adozione.

Col senno di poi, sapendo ora che mio padre adottivo non si sentiva a suo agio nell'adottare un bambino non suo, proveniente da un paese straniero, è andato contro il suo istinto e ha chiaramente ceduto il passo al desiderio di sua moglie di salvare un bambino dalla guerra del Vietnam. Da cosa mi hanno salvato, non lo saprò mai a meno che non trovi la mia prima famiglia. Se sono stato davvero salvato, chi lo sa. Sono grato? Se ho risposto no, la gente naturalmente si ritraeva e mi guardava inorridita, sbalordita. Come oso essere ingrato per la mia vita in un paese ricco con agi materiali, un'istruzione e la vita a cui aspirano tutti i poveri.

Ma, naturalmente, sono grato in molti modi! Senza scegliere di essere grato, il mio benessere emotivo sarebbe fatto di insoddisfazione, depressione, disagio e desiderio di essere morto.

Io ci sono stato! Per molti anni! E ho dovuto combattere per trovare una via d'uscita.

Scelgo attivamente di essere consapevolmente grato, di concentrarmi e di trascorrere la mia vita trasformandola in qualcosa di positivo. Ed è molto più bello essere in una fase della vita in cui posso scegliere di essere grato in generale, invece di essere costretto a sentirmi in debito per essere salvato tramite adozione.

Sono una donna adottiva nata in Vietnam, volata da bambina in Australia all'inizio degli anni '70. Ho raccontato la mia storia personale migliaia di volte, ma nessuno si è mai chiesto com'era portare quell'aspettativa per essere grata della mia esistenza nella mia famiglia adottiva.

La mia adozione non è stata legalmente facilitata fino all'età di 17 anni ed è ancora un mistero se i miei documenti per l'adozione legale esistano da qualche parte in Vietnam. Non ero davvero arrivato a riconoscere o capire il vero significato di questo fino agli ultimi 6 mesi. È illuminante osservare come la mia storia di adozione e rinuncia sia cambiata nel tempo man mano che sono diventato più pienamente consapevole delle verità, percepite e reali. Devo costantemente ripensare a ciò che mi è stato detto crescendo e confrontandolo con le verità che trovo oggi e chi sono diventato.

Non avendo un'identità sulla carta da 17 anni, ovviamente sento l'aspettativa di essere grata al mio paese adottivo Australia nel darmi un certificato di nascita e quindi avermi permesso un'identità. Ma a quale costo? L'aspettativa di essere grati in questi giorni è oscurata dalle domande che ho sul perché non sembra essere stato messo in discussione se avessi un'identità in Vietnam o come preservarla o rispettarla legalmente.

Le parole "gratitudine" o "grato" sono come un campanello d'allarme che suona dentro di me. Mi dà sui nervi e dentro di me sento un sussulto. Per me arriva con tanti ricordi negativi. Anche cercare su Google un'immagine per questo blog e vedere le immagini, ha creato sensazioni di disagio e disagio nel mio corpo. Se riesci a relazionarti con me come adottato, dicendo, vedendo o leggendo la parola “gratitudine” in relazione all'adozione è un innesco con cui devo fare i conti tutto il tempo.

La mia infanzia adottiva l'ho trascorsa lavorando come un ragazzo schiavo nel caseificio di famiglia. Essere lanciato il "ysei in debito con questa famiglia perché ti abbiamo adottato” La linea perché stavo difendendo me stesso, è stato uno dei momenti più difficili che ricordo. È stata una di quelle rare volte in cui stavo cercando di difendermi per non voler essere costretto a farlo aiuto con la mungitura delle mucche. Gli altri bambini potevano dormire sonni tranquilli ogni mattina. Il mio senso di infanzia giustizia era forte. Perché sono stato costantemente scelto per essere costretto a lavorare in fattoria con mio padre adottivo che mi ha toccato in modo inappropriato mentre ero nella latteria o nella mia camera da letto? Non aveva alcun senso di rispetto per la mia privacy mentre il mio corpo si sviluppava nei primi anni dell'adolescenza. Ricordo che alcune volte mi ha svegliato con le sue mani fredde che mi scorrevano sul petto e sullo stomaco nudi, poi mi ha trascinato fuori dal letto per le gambe, la camicia da notte che mi si è alzata sopra la testa esponendo il mio corpo nudo, ridendo di come "divertente" doveva essere trascinato lungo l'erba coperta di brina in una fredda mattina vittoriana. Questo sarebbe accaduto solo alla luce del giorno prima ancora che il sole sorgesse. Nessun altro era sveglio. Il mio odio è aumentato ulteriormente quando una volta ho rimosso la chiave esterna dalla serratura della mia porta, ma mi è stato detto in modo autorevole come oso provare a chiuderlo fuori. Tutto della mia vita dipendeva da lui e non mi veniva dato alcun senso di privacy, rispetto o controllo.

Ho iniziato a risentirmi del mio padre adottivo durante la mia infanzia, ma ancora mi struggevo per mostrare un po' di amore. io non lo ero grato per questa esistenza e certamente ho odiato che la mia mancanza di parente di sangue status significava che sembrava dargli la licenza di lavorarmi come uno schiavo e toccarmi nel modo in cui nessun padre dovrebbe. Gli altri suoi figli bio sono stati lasciati a fare quello che volevano. Non erano costretti a lavorare come me su compiti fisici pesanti; tagliare carriole carichi di legno duro, mungere le mucche giorno e notte, cucinare e pulire in cucina, essere costretto a correre fuori al buio e chiudere i polli ogni notte (ero terrorizzata dal buio), ecc. Sembrava un lavoro da schiavi senza alcuna empatia per i miei sentimenti. Certamente non è stata un'infanzia piena di amore, sicurezza o comprensione. Né c'era spazio per alcuna compassione o supporto su ciò che avrei potuto provare dall'essere separato dalla mia famiglia biologica e dal chiedermi perché.

L'aspettativa, verbalizzata ad alta voce, di essere grata di essere stata adottata era un fardello pesante da portare.. e lo è ancora. Sono stato costretto a giustificare il motivo per cui avevo bisogno di balsamo per capelli e shampoo (avevo i capelli lunghi fino alla vita) e lui avrebbe fornito solo sapone perché era abbastanza buono per tutti gli altri che avevano i capelli corti o piccoli. Mi è stato fatto sentire che l'acquisto di uno spazzolino da denti era troppo e come osavo aver bisogno o chiedere qualcosa. Mi hanno fatto sentire e mi è stato detto molte volte che ero un "pignolo”, “difficile"bambino, sempre"dicendo bugie" e "rubare“.

A tutt'oggi il “dovresti essere grato perché ti abbiamo adottato“Il mantra è ciò che mi ha impedito di parlare apertamente dell'abuso emotivo e sessuale che ho subito dalla prima infanzia all'adolescenza. A nessun adottato dovrebbe mai essere gettata quella linea di sentimento che abbiamo un debito di gratitudine verso le nostre famiglie adottive. Anche quando non si verificano abusi. Che si parli o meno, noi adottati NON dobbiamo alle nostre famiglie. Adottano per le proprie ragioni di autosoddisfazione. Non avevo altra scelta che sopravvivere alla famiglia adottiva in cui mi trovavo.

Probabilmente puoi sentire la rabbia che provo ancora per l'ingiustizia di sentirmi in debito con la mia famiglia adottiva per essere stato salvato/salvato. Porta conseguenze per tutta la vita dell'essere fieramente indipendenti e non permettere facilmente a nessuno di farlo aiuto me. Sospetto che altri adottati possano relazionarsi. Per me, essere aiutato, ricevere qualcosa che non chiedo, di solito viene con la paura del prezzo non detto a cui viene fornito quell'aiuto. Quindi, preferirei farlo da solo. L'attesa della gratitudine per essere stati salvati dalla famiglia adottiva e dalla società in generale è un fardello pesante.

Questo fardello della gratitudine attesa nell'essere adottati è rafforzato dagli elementi religiosi intrecciati in gran parte della moderna difesa dell'adozione.

Le ferventi organizzazioni religiose e gli individui che volontariamente promuovono e facilitano l'adozione e il salvataggio dei bambini aggiungono un altro strato di attesa gratitudine su di noi. Le persone che credono che l'adozione sia un'azione ordinata da Dio, che stanno seguendo il suo comando di aiutare un orfano, rende difficile per gli adottati condividere le lotte per essere adottati e abbandonati.

Raramente sento parlare di adottati che si alzino volentieri in una chiesa o in un istituto religioso e condividano la loro esperienza di adozione con tutte le sue complessità. Per me, questo sarebbe il peggior pubblico di sempre! Non riesco a immaginare di ricevere conferme o empatia. Invece, sospetto che riceverei consigli non richiesti per essere grato e grato a Dio di trovarmi in una un posto migliore e che ora va tutto bene. Il noto detto di "Contare le tue benedizioni!” dalle persone religiose in risposta alle avversità è uno che trovo difficile da digerire.

Google per te la parola gratitudine e vedrai le tante immagini religiose e spirituali legate a questo concetto. Le nostre lotte come adottati non sono convalidate e non sono supportate a causa del cieco pregiudizio che in qualche modo l'adozione sia inteso ad essere, ordinato da Dio. Come si può mettere in dubbio il tacito presupposto che dovremmo essere grati per la nostra adozione, quando questa è la credenza religiosa e spirituale di lunga data?

Per fortuna, la mia famiglia adottiva e altri si sono scusati negli ultimi anni per le azioni sbagliate della mia infanzia e ho scelto di essere grato per questo e per andare avanti. È interessante come, scusandomi, ora mi senta più libero di essere aperto sulla mia vita. È come se mi fosse stato tolto un peso dalle spalle. Non porto più il peso della responsabilità per i segreti di famiglia e la vergogna, cercando di proteggerli dalle conseguenze. Per molti anni sono stato fedele a me stesso e non permetterò all'aspettativa di gratitudine di sopraffare le mie verità.

Ho concentrato le mie energie sulla ricostruzione dei rapporti con la famiglia adottiva in quanto sono i miei una sola famiglia Lo so, per allevarmi e darmi un'identità. Per questo io sono veramente grato, ma questo non vuol dire che il viaggio non sia stato una lotta ea molti costi.

La gratitudine nell'adozione non dovrebbe mai essere un'aspettativa. Dovrebbe essere una scelta che siamo liberi di fare riguardo alla vita in generale, dopo che siamo venuti a patti con, e siamo stati supportati, nel comprendere le nostre perdite e i guadagni derivanti dall'abbandono e dall'adozione.

3 Risponde a “Expectations of Gratitude in Adoption”

  1. Nessun bambino dovrebbe portare alcun peso di gratitudine per essere nato.
    Nessun bambino dovrebbe portare alcun peso di gratitudine per essere stato adottato.
    Invece, gli adulti dovrebbero sentirsi grati per l'opportunità di essere genitori dei nostri figli, indipendentemente dal fatto che siano entrati nella nostra vita attraverso la nascita, l'adozione o l'affido. La genitorialità è un privilegio.
    Un adulto che abusa di un bambino, specialmente uno che ha già sperimentato perdita e dolore, dovrebbe sentirsi per sempre grato che i suoi atti vergognosi e ripugnanti non siano visibili al mondo. Sono l'epitome di un ipocrita e meritano la condanna pubblica. Quanto è peggio, allora, che il loro bambino veda gli altri ammirare il loro aggressore?

  2. Trovo la tua storia straziante e scopro che l'Australia ti ha deluso - senza documenti d'identità per 17 anni - che è molto inquietante e non hai documenti di adozione in Australia - che sembra corretto - sembra errato - molti bambini sono stati portati dal Vietnam durante la guerra piuttosto che essere uccisi – ;come molti erano negli orfanotrofi = la tragedia di quella guerra sugli esseri umani è incommensurabile e se il governo australiano non è riuscito a darti un'identità per 17 anni devi incontrare il tuo membro del Commonwealth locale – che il governo spieghi in Parlamento perché questo è accaduto – perché quello che è successo a te deve essere successo ad altri bambini portati dal Vietnam per salvarsi la vita – molti bambini lavoravano nelle fattorie di famiglia e avevano lavori da fare prima e dopo la scuola – ma per quanto essere grati - tutti dovremmo mostrare gratitudine perché siamo ancora vivi oggi - ogni mattina mostra gratitudine per esserti svegliato - spero che tu vada dal tuo politico locale per risposte aspettando 17 anni per un'identità tity – qualcosa non va qui

  3. Sei stato orribilmente abusato da bambino. Questo era collegato nella mente di tutti con il tuo stato di bambino adottato, ma in realtà era solo una scusa.

    E se fosse successo quello che sarebbe dovuto succedere: sei stato accolto in questa famiglia da genitori profondamente grati di averti ricevuto, sei stato trattato come sono stati trattati i bambini nati, come ogni bambino merita di essere trattato? Non ti sentiresti molto diverso ora?

    Non conosco i dettagli della tua situazione in Vietnam. Suppongo che siano stati orribili, solo perché quella guerra è stata così orribile.

    La cosa sbagliata non è stata l'adozione, che ti ha salvato da quella situazione. L'errore era l'abuso.

Lascia una risposta a Brenda Coughlan cancella risposta

Pubblicazione....
Italiano
%%piè di pagina%%