Non buono abbastanza

NGE 1

Ero un bambino artistico e passavo molto del mio tempo libero a disegnare quando ero bambino. Ho disegnato la mia interpretazione di Star Wars. Non mi è stato permesso di guardare il film perché i miei genitori religiosi credevano che fosse malvagio cercare di interpretare il futuro. Il nostro bracciante ha trovato i miei disegni nella spazzatura e li ha tirati fuori e li ha incorniciati. Sono rimasto scioccato nel vedere il mio disegno appeso alle sue pareti. L'uomo mi ha incoraggiato e mi ha detto che erano alcuni dei migliori disegni che avesse mai visto.

Alcuni mesi dopo, quando avevo 12 anni, vinsi un concorso artistico del pool di scuole locali e vinsi cento dollari per il miglior disegno di Natale della zona. La mia foto è stata pubblicata sul giornale locale e quando sono corso a casa per raccontare ai miei genitori i miei successi, la loro risposta è stata: "Non va bene vantarsi!”

Avevo 18 anni e sono tornato a casa da Desert Storm. Mi è stato chiesto di rimanere in servizio attivo per aiutare a processare i soldati di ritorno dalla guerra. Ho lavorato molto duramente e sono rimasto sveglio fino a tardi per elaborare i documenti. Ho chiamato il Pentagono per avere risposte per il mio capo. Ho lavorato molte notti tardi, migliorando i vecchi documenti per acquisire i dati di cui avevamo bisogno e sono diventato amico intimo di tutti quelli con cui ho lavorato. Volevo servire le persone che sono tornate dalla guerra e il mio capo è rimasto colpito dalla mia etica del lavoro. Mi ha sorpreso con un premio. I miei genitori vivevano a circa un'ora e mezza di distanza. Il mio capo mi ha consigliato di invitarli perché era un risultato significativo. È stato abbastanza premuroso da estendere l'invito ai miei genitori per partecipare alla cerimonia di premiazione.

Alla cerimonia, è stato spiegato che un giovane soldato come me raramente riceveva questa distinzione. L'unico commento che ho ricevuto dai miei genitori è stato: "Sono contento che tu non ti sia messo nei guai!”

Ripenso alla mia giovinezza e ricordo vividamente il tentativo di ottenere accettazione, di trovare un luogo di appartenenza e il desiderio di amore da parte di persone che non potevano darlo. Da adulto più maturo, mi rendo conto che durante tutta la mia vita adulta ho lavorato di più e fatto di più per compensare i messaggi interiorizzati che ho ricevuto (verbali o meno) di "non essere mai abbastanza bravo”.

Ho visto altri adottati come me che hanno dato il loro meglio, hanno lavorato al di sopra e al di là dei loro coetanei, provando così duramente.. ma ancora non si sono mai dati il merito che meritano. Se riesci a relazionarti... potresti soffrire come ho fatto io, dall'essere condizionato a credere di non essere mai abbastanza bravo. Questa sensazione persiste nella nostra testa e ci spinge a lavorare così duramente da danneggiare le nostre relazioni. Questa realtà contorta può anche avere effetti negativi sulla nostra salute.

Ho letto alcuni articoli perspicaci che mi hanno permesso di elaborare queste convinzioni personali negative.

Non possiamo odiarci in una versione di noi stessi che possiamo amare".
Lori Deschene

Karl McBride è un terapeuta che ha lavorato con famiglie disfunzionali per più di 3 decenni. Crede che gli individui che interiorizzano non sono abbastanza buoni spesso provengono da famiglie narcisistiche e violente. Queste famiglie potrebbero essere genitori alcolizzati che inviano segnali contrastanti mentre oscillano avanti e indietro tra l'essere sobri e l'ubriachezza. Per i bambini con genitori narcisistici, facciamo fatica a comprendere che i nostri genitori sono incapaci di amarci.

Di seguito sono riportati due modi in cui noi bambini rispondiamo a questi falsi messaggi che non siamo amabili:

il riparatore

Tutti i bambini vogliono sentirsi accettati e amati dai loro genitori. Un bambino cercherà inconsciamente di risolvere qualunque sia il problema percepito, al fine di ottenere l'accettazione dei genitori. Il bambino può avere un dialogo interno come mezzo per cercare di risolvere la situazione. Potrebbe apparire come segue:

"Se solo fossi un bambino migliore, questo non accadrebbe".
"Se andassi meglio a scuola, i miei genitori non litigavano".
"Se ascolto i problemi dei miei genitori, forse saranno meno stressati".
"Se faccio più lavori domestici, forse mia madre non sarà così triste."
"Se divento bravo nello sport, forse mio padre non berrà così tanto e vorrà venire alle mie partite".

Questo tipo di bambino finisce per superare i risultati.

la frusta

I bambini non abbastanza buoni oscillano avanti e indietro dall'essere il Fixer o possono fare l'opposto e agire, cioè diventano The Lasher. Scagliarsi con rabbia, confusione e frustrazione cercando di attirare l'attenzione dei genitori.

Indipendentemente dal modo in cui i bambini rispondono al fatto di non essere amati, i bambini interiorizzano il falso messaggio e alla fine si rendono conto che non possono risolvere i problemi dei loro genitori.

poi c'è Il gioco della colpa in cui non è raro per i genitori violenti incolpare i propri figli per i propri fallimenti e problemi genitoriali.

Con i narcisisti, è sempre colpa di qualcun altro. Alcuni dei segnali di avvertimento che il tuo genitore potrebbe essere narcisista sono:
I tuoi genitori devono sempre fare le cose a modo loro?
Sono sempre critici nei tuoi confronti?
I tuoi genitori sono gelosi di te?
Quando parli dei problemi della tua vita, i tuoi genitori deviano la discussione per parlare dei loro problemi?
Ti senti schiavo dei tuoi genitori?
Se hai risposto sì alla maggior parte di queste domande, è molto probabile che il tuo genitore fosse un narcisista.

Allora perché noi bambini adottati rispondiamo così? Molti di noi da bambini sono stati condizionati a credere di essere noi la colpa. Diciamo a noi stessi: "devo essere io.” Si presume che gli adulti siano più istruiti, esperti e in controllo, quindi è facile per i bambini adottati che si sentono vulnerabili pensare, "Dev'essere colpa mia se i miei genitori sono cattivi con me o non possono amarmi”.

McBride crede che il bambino finisca per portare il bagaglio emotivo della famiglia e si faccia carico del fardello. Il bambino pensa: "Se solo potessi fare di più” per sistemare le cose.

Se ti ritrovi sempre stanco, sempre in estensione, cercando sempre di ottenere di più, allora ti consiglierei di fare un passo indietro e chiederti perché stai facendo queste cose. Potresti compensare per superare quelle convinzioni infantili che hai portato nella tua vita adulta.

So che lotto con questo. Mi è stato detto da molti capi che lavoro troppo e presumo che dovrei fare di più per migliorarmi. È come una ricerca infinita per essere "abbastanza buono“. Penso che in tutte le cose della vita, la moderazione sia l'obiettivo. Ora mi costringo a fare un passo indietro, a prendere le vacanze e a non rispondere alle chiamate nei fine settimana. Mi ci sono voluti 45 anni per ricondizionarmi dallo sforzo eccessivo e dall'estendere me stesso per rendermi conto che ho l'abitudine di essere così. Ora devo assicurarmi di sviluppare strategie per prevenire il burn out e imparare a rilassarmi.


Domande aggiuntive:
Senti di non essere abbastanza bravo? Come affronti questi sentimenti? Pensi che sia qualcos'altro che fa scattare questi sentimenti?

Più lettura:
https://www.facebook.com/DrKarylMcBride
https://www.willieverbegoodenough.com/narcissistic-mother-survey/

lascia un commento cancella risposta

Pubblicazione....
Italiano
%%piè di pagina%%