Di cosa hanno bisogno gli adottanti internazionali

Alla ricerca della pace.jpg

All'interno del gruppo privato dell'ICAV per adulti adottati internazionali ho recentemente posto la domanda: “Se vivessimo in un mondo ideale, data la tua esperienza di adozione così com'è, di cosa avresti bisogno per essere in pace con tutto questo?"Ho chiarito che potevamo discutere e fornire risposte che fossero sia possibilità realistiche che fantasie idealistiche.

La discussione che ne è seguita è stata forte e mi piacerebbe condividere alcune delle risposte a tema che mettono in evidenza ciò che manca ancora nell'adozione internazionale per farla davvero “i bisogni del bambino”. Vedrai da alcune delle risposte alla mia domanda, cresciamo e continuiamo ad avere bisogni in corso che continuano ad essere umet tramite l'adozione internazionale. Spesso sembra che l'adozione internazionale crei Di più bisogni rispetto a quelli con cui abbiamo iniziato come bambini vulnerabili, il che mi fa chiedere quale scopo ha raggiunto la nostra adozione internazionale per noi adottati?

Verità e risposte

Molti di noi hanno documenti di adozione che contengono dettagli totalmente errati o alquanto discutibili e sfumature intermedie. Il peggio che posso citare come esempio di totalmente scorretto, è un'adozione internazionale haitiana a cui è stata data l'identità di una persona già morta, una madre falsa elencata sui documenti di adozione e successivamente ha scoperto la verità anni dopo, che la sua madre biologica non ha mai dato il consenso . Un esempio delle informazioni discutibili e mutevoli fornite sono le esperienze di innumerevoli adottati sudcoreani che ricevono informazioni diverse ogni volta che si rivolgono alla loro agenzia di adozione coreana chiedendo dettagli, rinchiusi nei file della loro agenzia.

Questa mancanza di conoscenza della verità o di avere un accesso trasparente alle informazioni sulla nostra rinuncia e successiva adozione, può ulteriormente traumatizzarci nel ricreare un altro evento in cui siamo completamente impotenti a conoscere le nostre informazioni di identità di base e aggrava la nostra già fragile capacità di fidarci degli altri. Come Christine ha condiviso,

“Dovendo dubitare che quello che ho sempre pensato fosse mio la storia ora potrebbe non essere vera, è difficile”.

Come altri che hanno condiviso su questo tema, Chaitra ha elencato la ricerca del Verità come sua prima risposta, insieme ad altri:

  1. Conoscere la verità sulle circostanze che hanno portato alla mia adozione.
  2. Incontrare e avere una relazione con la mia famiglia d'origine.
  3. Essere completamente immerso nella cultura indiana da bambino in modo che avrei avuto conoscenza del cibo, della lingua, delle feste, delle tradizioni, ecc. Così come degli specchi razziali.
  4. Avere genitori adottivi che comunicavano apertamente con me sull'adozione e sulla razza.

Chaitra non aveva nessuna di queste cose nella sua vita.

Il desiderio di trovare una famiglia biologica

Per alcuni che si riuniscono, incontrare finalmente la famiglia biologica ha dato loro un senso di comprensione di chi erano a livello di attributi fisici e personalità che erano sempre diversi da quelli della loro famiglia adottiva. Ad esempio, Thomas lo ha condiviso in questo modo:

Incontrare la mia famiglia d'origine mi ha aiutato molto. Ho conosciuto la parte della famiglia di mia nonna e sono tutti uguali a me con occhi enormi, pelle chiara e capelli ricci. Sono anche tutti molto timidi e tendono a non dire molto a meno che non gli si parli, come me. Mi ha davvero aiutato a rispondere ad alcune domande su da dove vengo“.

Per altri, come Chaitra sopra che non sono ancora riusciti a riunirsi con la famiglia biologica, c'è ancora il desiderio e il pensiero che SE potessero incontrarsi, aiuterebbe a mettere insieme i pezzi del puzzle che costituisce chi siamo fondamentalmente . Domenico lo ha espresso bene, “Il solo sapere di avere dei parenti mi darebbe un senso di pace. Sicuramente non potevano essere morti tutti nelle guerre del Vietnam!"

Quando agli adottati viene impedito di conoscere le risposte e di trovare la famiglia biologica, ci resta una vita di incertezza. Le nostre domande fondamentali sull'identità rimangono senza risposta.

Nessuna adozione

Questo è stato un tema ricorrente per alcuni adottati che hanno espresso l'auspicio che l'adozione non sia una necessità e abbia creato una risposta sociale ai bambini vulnerabili. Come Parvati saggiamente interroga,

Solo se il bambino non ha genitori e si sente a disagio nel suo paese, dovrebbe avere l'opportunità di trasferirsi. Perché un bambino che ha perso i genitori dovrebbe perdere anche il suo paese?

Sunitha ha anche detto: "Penso che l'intero sistema della società e l'umanità avrebbero dovuto essere diversi dall'inizio dei tempi! Che cos'è l'adozione internazionale se non una nuova via colonialista? Riflette solo le disuguaglianze del mondo attraverso la copertura della buona volontà e dei sentimenti umanitari. Un altro modo di vederlo, sono solo i ricchi che hanno bisogno di bambini, che comprano bambini dai paesi poveri e li allevano nella loro cultura che dovrebbe essere superiore a quella originale.”

Attraverso la nostra esperienza di adozione internazionale, finiamo inevitabilmente per mettere in discussione il sistema che ha creato la nostra realtà. Non siamo ingenui nel credere che l'adozione internazionale riguardi solo la povertà perché chiaramente non lo è, come dimostrano paesi d'origine come la Corea del Sud e gli Stati Uniti. Kim lo spiega bene:

Quando l'internazionale è fatto in entrambe le direzioni, non sembra nemmeno nel migliore interesse dei bambini. Sembra solo un commercio equo di bambini, un affare di import-export, fatto in entrambe le direzioni. Gli Stati Uniti esportano già i loro figli (per lo più bambini neri) in Europa, perché quei bambini non vengono adottati nel loro paese prima di essere adottati in altri paesi?

Come ha condiviso Tamieka, il mondo ha bisogno di creare più servizi che si concentrino sulle prime famiglie e “aiutandoli a mantenere e mantenere le loro famiglie e i loro figli.” Se ciò accadesse con un reddito così grande come quello che l'adozione internazionale genera in tutto il mondo, mi chiedo se ci sarebbe bisogno di un'adozione internazionale.

Giustizia quando l'adozione è sbagliata

Per coloro che si chiedono se la loro adozione sia stata legittima o meno, siamo fin troppo consapevoli della dura realtà che c'è poco o quasi nulla che si fa, o si può fare, per prevenire ulteriori ingiustizie o per punire coloro che creano queste situazioni. Tamieka lo ha espresso eloquentemente come: "Il mondo ha bisogno di fornire organizzazioni che considerino coloro che sono responsabili della corruzione nelle adozioni, responsabili di lacerare le famiglie e la vita delle persone, di essere ritenuti responsabili delle loro azioni e di essere assicurati alla giustizia.”

Se l'adozione internazionale continua a essere praticata o meno, c'è la questione di dov'è la giustizia per coloro che sono già colpiti?? Purtroppo, il nostro desiderio di giustizia riparativa per gli adottati che subiscono un torto tramite l'adozione internazionale è attualmente un'utopia. Questa è la dura realtà, ma non ci impedirà di parlare contro questo e di evidenziare quanto sia immorale la pratica senza alcun meccanismo per cercare giustizia.

Fine al dolore in corso

Purtroppo, per molti la conseguenza non detta dell'abbandono sul bambino vulnerabile, è un percorso di dolore psicologico che dura tutta la vita nell'essere stati abbandonati dai nostri genitori biologici. Seguendo l'adozione internazionale, la nostra esperienza può diventare un abbandono secondario, questa volta dal nostro paese di nascita. Attraverso l'adozione internazionale perdiamo per sempre il nostro diritto alla nostra famiglia d'origine e al nostro paese e non ci viene data la possibilità di mantenere la nostra identità, cultura, patrimonio o cittadinanza. Il dolore dell'abbandono da parte dei genitori biologici e del paese di nascita ha un effetto continuo che può durare tutta la vita. Se questo non viene supportato dalla maggior parte dei paesi adottivi che offrono pochi o nessun servizio di supporto post-adozione, possiamo rimanere con una quantità infinita di dolore psicologico interno.

Per gli adottati che sentono intensamente questo dolore, desiderano la fine delle loro lotte e, a volte, possono vedere la morte come l'unica via d'uscita. Non c'è da stupirsi che gli adottati siano riportati nella ricerca come soggetti a tassi più elevati di suicidio, tentativi di suicidio, problemi di salute mentale e si riflettano in proporzione maggiore rispetto alla popolazione non adottata, nelle carceri o nei servizi di riabilitazione da droga e alcol. Il dolore della rinuncia è reale e deve essere riconosciuto. L'adozione è spesso descritta come una soluzione vantaggiosa per tutti, ma sorvola sul vero dolore che gli adottati possono provare, sia che siano apertamente condivisi o meno.

Kim lo ha condiviso molto chiaramente:

“La morte mi darebbe pace. Penso che solo la morte possa farmi smettere di ricordare lei, il Me prima dell'adozione. Solo la morte può togliermi quel tipo di dolore, solitudine e nostalgia che l'adozione mi ha iniettato nell'anima”.

Per fortuna, all'interno di gruppi di supporto come ICAV, non minimizziamo o sminuiamo le nostre realtà a volte dolorose. Parliamo e condividiamo apertamente, che è così importante per la guarigione.

Paolo ha eloquentemente riassunto: “Questa è una domanda così difficile. Onestamente, penso a questo con così tanto iperrealismo che è difficile raggiungere uno stato mentale perfetto per me, qualsiasi desiderio per ciò che potrebbe essere diverso. Il mio vero padre è morto. Mia madre adottiva è morta. Mia madre naturale, chi lo sa? E cosa significa? Eppure sono qui. E ci sono amici, familiari e sconosciuti e _____. Quella bellezza. Ma c'è ancora l'Ignoto, la tensione, la contraddizione; la complessità della storia; le nostre assurde circostanze socio-politiche globali; ecc. Cosa mi aiuta in tutto questo? Questo. La nostra condivisione. Le nostre storie. Il potenziale per momenti di connessione e comprensione, anche in tutta la loro imperfezione. Le nostre varie amare realtà. La tua domanda. Le nostre voci. La realizzazione di esperienze e circostanze condivise, non identità, ma condivisione. Questo aiuta. Grazie."

È incredibile vedere il potere della condivisione e della connessione di gruppi di pari e come facilita il nostro viaggio di crescita come adulti adottati all'estero. Leggi di Stephanie espressione di ciò che ha guadagnato dalla stessa discussione di gruppo.

lascia un commento cancella risposta

Italiano
%%piè di pagina%%