Medicina amara

medicina amara

Per me, le interazioni che ho all'interno dei gruppi di adottati sono come prendere un cucchiaio di medicina amara. La condivisione che faccio, le riflessioni del mio passato e tutte le cose che ho imparato mi hanno guarito. È un forum dove mi è permesso condividere i miei pensieri, dolori e tribolazioni. Mi apre gli occhi sui problemi e sui problemi attuali all'interno della comunità delle adozioni e mi fa conoscere le persone colpite dall'adozione e un luogo in cui trovare espiazione, forza, guarigione, amore e rifugio. Tuttavia, quando sono immerso in questi gruppi, la conversazione può spesso portare a dividere gli adottati in due gruppi: quelli a favore o contro l'adozione.

L'esperienza dell'adottato è varia come scarpe, mele, numerosa come le etichette dei farmaci sugli scaffali di una farmacia locale. Gli adottati hanno la loro visione e prospettiva su cosa significa essere adottati. Alcuni vedono l'adozione come qualcosa di meraviglioso con ottimi rapporti con i loro genitori, cresciuti in ambienti educativi, genitori empatici e dialogo aperto. Potrebbero anche essere andati al campo culturale, vivendo vite meravigliosamente felici, vivendo il sogno americano, ma non riescono a capire perché altri adottati possano essere così amareggiati e negativi riguardo al viaggio dell'adozione.

Abbiamo tutti una storia da raccontare, possiamo avere successo nonostante il modo in cui vediamo individualmente l'adozione e il suo impatto. Non nego che non ci siano problemi ma quando se ne trovano alcuni non parla per tutti gli adottati. Alcune persone si affrettano a interrompere del tutto l'adozione, ma stanno essenzialmente buttando via il bambino con l'acqua sporca?

Per alcuni, l'esperienza di adozione è come l'oggetto ammaccato e scartato che trovi in vendita nel retro del negozio, ovvero, indesiderato, abusato, siamo merce danneggiata. Molti di noi sperimentano i sentimenti di rifiuto, i sentimenti di disagio di non essere desiderati e le relazioni devono essere gettate via. Le ferite che sperimentiamo possono distruggere i nostri corpi, le parole riecheggiano nella nostra mente e ci fanno impazzire e gli atti dolorosi tagliano più in profondità di qualsiasi coltello. Quando pensiamo che il dolore non potrebbe essere peggiore, l'intensità peggiora quando apprendiamo la verità sull'adozione. La nostra vita è una mera transazione all'interno di un'industria di sofferenza e il sistema diffonde vergogna, senso di colpa e dolore poiché ha approfittato di madri single collocate in posizioni precarie senza altra scelta che dare via il loro bambino. L'industria delle adozioni ruba la vita a tutte le persone coinvolte – ci costringe a rinunciare alle libertà quotidiane per cercare le nostre famiglie mentre le nostre madri si lamentano delle lunghe notti per tenere in braccio il loro bambino ancora una volta. Rappresentiamo più società all'interno di cliniche di salute mentale, centri di riabilitazione e tossicodipendenza e carceri rispetto al pubblico non adottato. Quelli che indagano sui loro sospetti e confermano questi fatti, e decidono di condividere, scambiare o denunciare l'industria ei suoi problemi: veniamo etichettati come arrabbiati e illogici. Siamo identificati come dannosi. Ci viene detto che stiamo interrompendo il carrello Apple.

Se scaviamo più a fondo, ci sono più punti in comune tra i due gruppi di adottati anti e pro. Entrambe le parti sono state colpite da commenti involontari e insensibili fatti dalla società in generale. Commenti come "Oh, sei stato adottato, devi essere così fortunato", "i tuoi genitori sono così meravigliosi" o "sei stato scelto". Questi commenti ci fanno infuriare, ci feriscono e oscurano chi siamo e generalizzano i problemi che dobbiamo affrontare. Spesso voglio rispondere con: "Pensi che abbia avuto una scelta in questo? No, non mi sento fortunato!”

Terapisti, consulenti e genitori non possono risolvere i nostri problemi e il più delle volte non hanno la capacità di comprendere i problemi che dobbiamo affrontare. Molto spesso dobbiamo soffrire da soli. Molti di noi lottano con problemi di autostima, vergogna, identità e non sono attrezzati per gestire le relazioni. Le relazioni possono spaventarci, permettiamo agli altri di approfittarsi di noi e gli altri sostituiscono l'amore che desideriamo con l'intimità. Inutile dire che i nostri amici e amanti potrebbero non capirci mai. Tuttavia, l'unico spazio con cui posso condividere i miei problemi sono i gruppi di adottati.

In poche frasi annotate online, posso entrare in contatto con un perfetto sconosciuto dall'altra parte del mondo. La comprensione può attraversare classi educative, economiche e sociali. Insieme possiamo immediatamente identificare i deboli echi di dolore e sofferenza dipinti tra le righe di un messaggio condiviso.

Cosa ne pensi? Pensi che gli adottati siano davvero così divisi tra pensieri anti e pro? Pensi che i forum degli adottati ci aiutino o ci danneggino? Dovremmo esprimerci senza timore di essere ridicolizzati dai nostri coetanei?

Ho attraversato molti spettri di cambiamento nella mia vita. Una volta ero un convinto sostenitore dell'adozione e credevo che ce la fossimo cavata molto meglio delle alternative. Dopo aver viaggiato per il mondo ed essere stato coinvolto in problemi di adozione per oltre 25 anni, ora ho una visione diversa. Condivido le informazioni mentre le apprendo da solo e apro un'altra bottiglia di medicina e lascio scorrere fuori la schifosa verità disgustosa. Condivido questo con altre persone. Ne prendo cucchiai colmi da altri per i miei bisogni. Prendo questa medicina per curare le mie ferite da adozione. Gulp, ingoio altra verità amara. Gulp, mi unisco a più siti, mi connetto e scopro di più di me stesso. Gulp, ingerisco questa medicina amara per curare i miei sintomi derivanti dall'adozione.

Quale medicina condividerai con me? Quali siti frequenti per ottenere la tua dose giornaliera?

Una risposta a "Bitter Medicine"

  1. Sono un adottato e sono entrambi. Adottare un figlio non fa per me (siamo stati vicini due volte in 15 anni di matrimonio). La nostra ultima opportunità è stata l'estate del 2017, ma dopo il mio primo viaggio in Corea dopo la mia adozione e aver visto i bambini i cui genitori non avevano registrato il loro nome quando hanno abbandonato i loro figli, e sapere questo significava che il bambino avrebbe vissuto la sua vita nell'orfanotrofio e non idoneo per l'adozione, semplicemente non potevamo perpetuare le adozioni coreane. Ma altri potrebbero essere d'accordo con questo. Non li biasimo in alcun modo. Ognuno fa le proprie scelte e non spetta a me dire che ho ragione e che gli altri hanno torto. Applaudo a coloro che hanno trovato nella loro anima che l'adozione è giusta per loro. Posso e lo farò solo per prendere decisioni istruite per me stesso.

    Sono preoccupato per la cultura coreana nei confronti delle madri non sposate, poiché questo ha prodotto la maggior parte di noi. O l'uomo più anziano sulla cinquantina che impiega ragazze come domestiche ma si prende anche delle libertà. Una volta che è incinta, viene scartata o suo figlio abbandonato in modo anonimo. Questi bambini, le riflessioni di molti di noi, non meritano questo risultato. La cultura ora incoraggia le coppie sposate ad avere 2+ figli per ripopolare un paese di nascita bassa, eppure i bambini ci sono/c'erano ma sono stati abbandonati.

lascia un commento cancella risposta

Italiano
%%piè di pagina%%