Trauma di transizione per gli anziani adottati

Sento da sempre più adulti adottati all'estero, adottati in età avanzata, di alcune delle loro esperienze traumatiche nella transizione dalla loro terra d'origine al loro paese adottivo. Riconosco che questo non è l'unico strato di trauma che sperimentiamo nella nostra adozione o rinuncia e che la transizione per gli adottati più giovani può essere altrettanto traumatica. La differenza fondamentale per gli adottati di età più giovane è che possono crescere non riuscendo a verbalizzare l'esperienza a causa della mancanza di sviluppo del linguaggio al momento della transizione.

Mi chiedo perché le agenzie di adozione e i governi non stiano investendo più risorse per garantire che queste importanti transizioni vengano eseguite meglio, soprattutto considerando che sono le adozioni di età avanzata la maggior parte delle adozioni internazionali fatte oggi in tutto il mondo.

I bambini più grandi e con competenze linguistiche devono avere una comprensione più chiara di cosa significhi essere adottati in un altro paese e famiglia, a parte gli esempi di "mucchi di giocattoli e cibo" che sono gli ovvi benefici materiali. Forse gli stessi orfanotrofi non hanno idea degli impatti e delle complicazioni sperimentate nell'adozione internazionale, quindi come potrebbero sapere come preparare meglio i bambini dal punto di vista emotivo? I governi di invio e di accoglienza che autorizzano le agenzie di adozione a facilitare le adozioni dovrebbero avere la responsabilità di preparare meglio i bambini e ridurre il trauma della transizione!

Alcuni suggerimenti:

  • Ai genitori adottivi potrebbe essere richiesto di visitare l'orfanotrofio e il bambino nel suo paese di nascita più volte, prima che il bambino sia trasportato in aereo all'estero. Fai alcune esperienze per legare e connettere insieme nel paese del bambino prima di essere espulso.
  • Ai genitori adottivi potrebbe essere richiesto di vivere per x mesi nella città del bambino dopo l'adozione prima di portare il bambino a casa per garantire che non si verifichino troppi cambiamenti in una volta e per consentire al bambino una certa continuità per rimanere in contatto con gli altri bambini o badanti dell'orfanotrofio. I genitori avrebbero poi conosciuto gli altri bambini che erano importanti per il loro bambino appena adottato.
  • Una persona che si prende cura del bambino, qualcuno che il bambino conosce e di cui si fida, potrebbe viaggiare con il bambino e rimanere con la famiglia per i primi mesi per ridurre il trauma. Ciò aiuterebbe il personale dell'orfanotrofio a diventare più consapevole della realtà della transizione per il bambino all'ingresso nel nuovo paese di adozione e un feedback per preparare meglio i futuri bambini.
  • L'educazione potrebbe essere data agli orfanotrofi sul trauma che la transizione crea, dagli stessi adulti adottati.
  • Ai genitori adottivi potrebbe essere richiesto di parlare fluentemente la lingua del bambino prima di accoglierlo. Ciò garantirebbe che un elemento della transizione che può potenzialmente creare traumi a causa dell'impossibilità di comunicare, non si aggiunga inutilmente all'insieme dell'essere un'esperienza travolgente.
  • Sia i governi di invio che quelli di accoglienza potrebbero ascoltare di più gli adulti adottati all'estero sull'esperienza della transizione e imparare dalle nostre opinioni.
  • Il bambino potrebbe essere valutato psicologicamente, da un punto di vista del benessere emotivo, per stabilire in che modo il trauma aggiuntivo della transizione e dello sradicamento da tutto ciò che sa, potrebbe avere un impatto su di lui - e quindi sviluppare un piano con un lasso di tempo ragionevole per il bambino benessere.

L'adozione non dovrebbe essere nell'"interesse del bambino"? Dobbiamo muoverci verso un modello che incorpori una visione dell'"intero viaggio" sugli interessi del bambino che cresce, non solo la posizione estremista della sopravvivenza immediata o mortale che sembra giustificare l'adozione internazionale e come viene condotta ancora oggi.

voglio condividere L'esperienza di Jayme per evidenziare i miei punti sopra. Jayme è un'adozione internazionale coreana, cresciuta negli Stati Uniti dall'età di 4,5 anni. La sua esperienza ci dice quanto siano forti i ricordi e il trauma della sua transizione dalla Corea agli Stati Uniti.

In precedenza ho condiviso un altro da Adottata thailandese Min e ha brevemente menzionato il trauma che ricordava nella sua transizione.

Spero che condividere queste esperienze serva a ricordarci come si vive l'adozione internazionale dal bambino. Si cresce e le nostre esperienze hanno bisogno di essere riconosciute. La politica e i processi di adozione internazionale da parte di governi e agenzie di tutto il mondo farebbero bene a garantire risultati migliori per coloro che seguono imparando da noi che li viviamo.

Una risposta a "Trauma of Transition for Older Aged Adoptees"

  1. Grazie Lynelle per i tuoi ultimi 2 blog. I membri del mio gruppo di supporto stanno reagendo con orrore alla mancanza di riguardo per i bisogni dei bambini in adozione che stanno imparando dai tuoi scritti.

    Jenny

    ________________________________

lascia un commento cancella risposta

Pubblicazione....
Italiano
%%piè di pagina%%